Società a disposizione della mafia a lavoro all’Expo «Legami con famiglia Accardo, vicina a Messina Denaro»

Società con legami con Cosa nostra siciliana a lavoro all’Expo di Milano. Sono scattati oggi undici arresti sull’asse Lombardia-Sicilia, nell’ambito di un’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Milano che ha al centro reati tributari, riciclaggio e associazione per delinquere con l’aggravante della finalità mafiosa. A essere colpiti sarebbero gli interessi del clan di Pietraperzia, in provincia di Enna. Ma ci sarebbero anche collegamenti con la famiglia Accardo di Partanna, prossima a quella di Castelvetrano capeggiata da Matteo Messina Denaro. Tra gli indagati c’è anche il noto avvocato del foro di Caltanissetta Danilo Tipo, ex presidente della Camera penale del capoluogo nisseno. Quest’ultimo dovrà rispondere di riciclaggio aggravato dall’aver favorito Cosa Nostra. 

L’inchiesta – coordinata dalla procuratrice aggiunta Ilda Boccassini e dai pubblici ministeri Paolo Storari e Sara Ombra – ruota attorno a un consorzio di cooperative, Dominus Scarl, specializzato nell’allestimento di stand, che ha lavorato per la Fiera di Milano dalla quale ha ricevuto in subappalto l’incarico di realizzare alcuni padiglioni per Expo tra cui quello della Francia e e Guinea equatoriale.

Le società del consorzio, secondo gli investigatori, erano intestate a prestanomi, ma a godere dei ricavi sarebbe stato Giuseppe Nastasi, principale indagato insieme al suo braccio destro Liborio Pace, amministratore di Dominus Scarl. Per i lavori eseguiti a Expo, il consorzio avrebbe fatto ricorso a un sistema di fatture false per creare fondi neri. Soldi che sarebbero stati riciclati in Sicilia nelle attività del clan di Pietraperzia. 

A suffragare questo scenario contribuisce anche il sequestro di un camion, partito dalla Lombardia e diretto nell’Isola, in cui erano nascosti 400mila euro in contanti. Il mezzo era guidato da Pace. Altri 300mila euro sono statri sequestrati all’avvocato Tipo. In totale il Gico della Guardia di finanza sta effettuando perquisizioni e sequestri in queste ore per circa cinque milioni di euro tra la Lombardia e la Sicilia. Pace in passato è stato assolto dall’accusa di associazione mafiosa, ma intrattiene legami famigliari molto stretti con figure vicine ai clan. Un altro viaggio per trasferire contanti dalla Lombardia alla Sicilia è costata l’accusa di riciclaggio aggravato dall’aver favorito la mafia, all’avvocato Tipo, beccato con 295mila euro nella sua auto diretto nel’Isola.

Boccassini ha sottolineato come l’indagine sia «importante perché questa volta segnala in Lombardia non le infiltrazioni di ‘ndrangheta, ma di Cosa Nostra». La procuratrice ha voluto evidenziare come in particolare Giuseppe Nastasi, avesse «legami con cosche importanti come gli esponenti della famiglia Accardo». Nell’ordinanza il gip sottolinea come quest’ultima abbia «una forte vicinanza con la famiglia di Castelvetrano di Messina Denaro». Il giudice riporta una serie di intercettazioni per dimostrare «la profonda conoscenza della storia mafiosa» da parte di Nastasi, ma «anche il riconoscimento di un profondo rispetto verso» lo stesso clan Accardo, «tanto da sentirsi in dovere di portare un regalo ai figli di Accardo Nicola». Su Nastasi le indagini continuano, anche per verificare come sono stati costuiti alcuni impianti fotovoltaici, a lui riconducibili, in Sicilia e Sardegna.

E che Nastasi potesse essere vicino ad ambienti mafiosi siciliani, era stato già segnalato alla Nolostand, la società del gruppo Fiera Milano che avrebbe assegnato appalti per quasi 20 milioni di euro, al consorzio Dominus, di cui lo stesso Nastasi sarebbe stato di fatto il gestore. «Negli ultimi mesi – ha affermato il pm Paolo Storariera arrivata in Fiera una lettera che indicava Nastasi come mafioso ma è stata cestinata». Nell’ambito dell’operaione di oggi, denominata Giotto, Nolostand è stata commissariata. «È un messaggio che viene lanciato ai grossi gruppi, alle multinazionali – commenta Boccassini – per dire “guardate che con i vostri comportamenti colposi state consentendo infiltrazioni di associazioni mafiose”». E anche nel decreto di commissariamento della società, i giudici della sezione misure di prevenzione evidenziano che «gli stessi dirigenti di Nolostand spa hanno ricevuto lettere che indicavano Nastasi come soggetto mafioso».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]