Siracusa, brasiliani diventavano italiani con 3.500 euro Online le offerte, grazie pure a dipendenti comunali

Un sito che offriva
un pacchetto completo da 3.500 euro per ottenere la cittadinanza italiana in tempi rapidissimi grazie, è questa l’accusa della Procura di Siracusa, alla corruzione di alcuni dipendenti comunali del capoluogo aretuseo, di Augusta e Floridia. In questo modo circa 500 cittadini brasiliani sarebbero diventati italiani senza avere i requisiti. È quanto ha scoperto la polizia di Augusta che oggi ha portato a termine l’operazione Siracusao Meravigliao, eseguendo sette misure cautelari.

In carcere è finito il 43enne
 Cleber Zanatta, ritenuto il capo del gruppo che avrebbe ottenuto ricavi per milioni di euro. Ai domiciliari la moglie Sabrina Dos Santos, 32 anni, e il fratello Diego Zanatta, 29 anni. I tre sono accusati di corruzione, autoriciclaggio e favoreggiamento alla permanenza illegale nel territorio dello stato di cittadini stranieri. Ai domiciliari anche due dipendenti comunali di Floridia – Antonio Mameli, impiegato dell’ufficio Servizi demografici e Angelo Zappulla, responsabile dell’ufficio Stato civile –  e uno del Comune di Floridia, Carmelo Lo Giudice, impiegato dell’ufficio Stato civile. Una settima persona – L.R. impiegato al comune di Siracusa – è stato interdetto dai pubblici uffici. 

Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore
Tommaso Pagano e partite ad aprile del 2016, hanno posto l’attenzione su un notevole e anomalo afflusso di cittadini brasiliani, riscontrato già dalla fine dell’anno precedente. Gli extracomunitari sono entrati in Italia con visti per soggiorni brevi, come previsto dalla legge, raggiungendo alcuni Comuni della provincia di Siracusa, in particolare Floridia e Augusta. Qui hanno ottenuto in breve tempo il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis, cioè grazie a un parente o un antenato italiano. Con il documento in tasca, molti hanno poi ottenuto il passaporto per raggiungere altri Paesi europei, potendo usufruire dello status di cittadini comunitari. 

A gestire tutto l’iter burocratico sarebbe stato Cleber Zanatta, titolare dell’omonima
agenzia disbrigo pratiche con sede a Siracusa, nonché di un sito Cleberzanatta.com.br, che proponeva pacchetti comprendenti il viaggio, il transfer dall’aeroporto di Catania Fontanarossa in abitazioni messe a disposizione in vari paesi del Siracusano, elemento necessario per individuare la competenza del Comune di residenza al rilascio della cittadinanza italiana. E ancora Cleber pensava all’assistenza nell’iter procedurale, assicurandone l’esito positivo in soli tre mesi. Per un costo totale pro capite di 3.500 euro.

La polizia ha quindi concentrato le attenzioni sulle pratiche per cui apparivano anomali i tempi di definizione molto brevi. Infatti
il Comune interessato dovrebbe compiere in questi casi una complessa attività amministrativa: verificare la genuinità della documentazione presentata, effettuare diversi controlli nel Paese di origine (come la discendenza diretta da un avo italiano, l’assenza di interruzione nella trasmissione della cittadinanza, la non naturalizzazione straniera dell’avo e l’assenza di dichiarazioni di rinuncia alla cittadinanza italiana dei discendenti). Dalle indagini è emerso invece che Cleber Zanatta, con la complicità della moglie Dos Santos e del fratello Diego, sarebbe riuscito a evitare le verifiche grazie alla connivenza di impiegati comunali appositamente corrotti. 

I tre avrebbero
reinvestito i profitti per diversi milioni di euro in Brasile, in attività economiche ed imprenditoriali, fra cui l’acquisto di terreni per la realizzazione e gestione di un’azienda agricola. In particolare le somme di denaro sarebbero state trasferite in contanti nel Paese sudamericano da Dos Santos che avrebbe nascosto le banconote in occasione dei viaggi aerei verso il Paese d’origine. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]