Sibilla, il risarcimento illecito al dirigente Barbagallo La pratica sparita dagli uffici e i favori a Di Stefano

Il mistero della pratica 126. Se l’udienza di oggi del processo Sibilla fosse un giallo, questo potrebbe essere il titolo. Al piano terra di piazza Verga si è discussa la vicenda che ha visto coinvolti i funzionari del Comune di Acireale Giovanni Barbagallo e Salvatore Di Stefano, arrestati nell’operazione che portò in carcere, a febbraio dell’anno scorso, anche l’allora sindaco Roberto Barbagallo. 

Barbagallo e Di Stefano sono coinvolti in diversi episodi di mala gestio pubblica, e devono rispondere di accuse che vanno dal falso alla corruzione. Tra le vicende che li riguardano da vicino ce n’è una che li vede protagonisti nella fase in cui al Comune di Acireale si discuteva della ripartizione dei fondi stanziati dalla Protezione civile regionale in seguito alla tromba d’aria che colpì la città il 5 novembre 2014. Tra i beneficiari – per una somma di oltre 14mila euro – ci fu proprio Barbagallo, il cui nome è comparso nell’elenco pubblicato dall’ente a maggio 2017. Quei soldi, però, secondo la procura di Catania sarebbero stati corrisposti all’ingegnere in maniera illecita. Con forzature che avrebbero compreso anche la sparizione della pratica – la numero 126, per l’appunto – che era stata già respinta dalla commissione chiamata a valutare le richieste di risarcimento.

Questa mattina, a comparire davanti ad accusa e difesa, in qualità di testi, sono stati due dei componenti della commissione di valutazione e una collaboratrice di Di Stefano. Tra non ricordo e risposte che hanno confermato quanto raccolto in fase d’indagine: l’istanza di Barbagallo non era stata valutata positivamente perché per i danni riportati dall’immobile non erano compatibili con gli effetti della tromba d’aria. A non convincere alcuni componenti della commissione era stata in particolare la tesi secondo cui il vento avesse causato una lesione verticale a un muro spesso circa sessanta centimetri

Per questi motivi, si era deciso di chiedere un nuovo computo metrico che però non è mai stato valutato: il giorno in cui l’esame sarebbe dovuto riprendere, la collaboratrice di Di Stefano dà la notizia della sparizione della pratica 126. L’unica a non essere mai più trovata, nonostante una denuncia ai carabinieri. Ciò di fatto, nella ricostruzione degli inquirenti, avrebbe dato a Di Stefano la possibilità di gestire in autonomia il via libera al risarcimento a Barbagallo. Mettendo il suo nome all’interno dei beneficiari. «Ci misi macari a Barbagallo picchì… nel bene o nel male… ci l’amu a dari», è la frase che la guardia di finanza capta all’interno dell’ufficio di Di Stefano. 

Ma perché, in un modo o nell’altro, bisognava fare in modo che l’ingegnere avesse i soldi? A questa domanda i magistrati hanno una risposta chiara: Di Stefano era interessato a sdebitarsi per i favori ricevuti dallo stesso Barbagallo. Un dare e avere che, in quel caso, si sarebbe manifestato con la disponibilità di quest’ultimo a dare incarichi da rup a Di Stefano e dunque la possibilità di ottenere ulteriori introiti. L’insistenza dell’ingegnere Barbagallo si sarebbe manifestata anche quando Di Stefano era stato esaminato proprio dal collega nel periodo in cui l’ente era alla ricerca di un dirigente dell’area Tecnica. «U bellu… m’interrogau pi sapiri quannu ci arriva a lettera. Spiramu ca non c’erano cimici…», racconta Di Stefano alla sua collaboratrice. L’allusione, per gli inquirenti, è al fatto che durante il colloquio Barbagallo avesse chiesto aggiornamenti sullo stato di avanzamento della pratica.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]