Sfiducia day: polemica degli ambientalisti della Valle del Mela

Oggi lo ‘’Sfiducia Day” contro il governo Crocetta, ma, come da copione, non manca qualche polemica. Questa volta a criticare il M5S è una associazione ambientalista della Valle del Mela.

Che si chiede come mai nella “lunghissima lista dei flop del governatore”, riassunti dal Movimento 5 Stelle in 6 punti ( Muos, Trivellazioni in Siclia, Click day, Mutuo da 1 miliardo, per lo Statuto Sicliano e caso Monterosso.. ), non compaia un settimo, quello che dovrebbe riguardare l’inquinamento ambientale dei siti SIN (Siti di Interesse Nazionale) di Milazzo-Valle Del Mela, Gela, ed Augusta.

Il Presidente del comitato dei Cittadini Aria Pulita Milazzo-Valle del Mela, Silvana Giglione, si è detta molto contrariata.

D: Cosa rimproverate al M5S?

R: Vorremmo sapere come mai il M5S dimentica di parlare di riconversione industriale, così come non parla né di bonifiche né tanto meno di “green economy”.

D: L’Eni sembra muoversi verso una trasformazione delle fonti di energia. Al tavolo tecnico svoltosi al Ministero per l’ambiente lo scorso 31 luglio, ha annunciato un Piano industriale per Gela.

R: Si, l’accordo del nuovo Piano industriale Eni per Gela sarà siglato il 6 novembre prossimo al Mise, ministero per lo sviluppo economico. E’ un Piano che prevede l’investimento di 2,2 miliardi di euro per il petrolchimico di Gela e servirà ad attuare la riconversione in raffineria green e la pianificazione di nuovi posti di lavoro. Smetteranno di raffinare petrolio e produrranno benzine “verdi”.

D: E ad Augusta e Milazzo?

R: “Sinceramente abbiamo una grossa preoccupazione: se Augusta dovesse seguire il percorso di Gela, cosa ne sarebbe di Milazzo con la sua Edipower, la centrale a biomasse ovvero “l’inceneritore” di S.Filippo del Mela e del suo fiore all’occhiello, l’elettrodotto di Terna?”

D: Torniamo allo “Sfiducia Day”

R: Si noi vorremmo sapere dal M5S: come mai a tutt’oggi non si sono fatti portavoce delle istanze del popolo inquinato di Sicilia, presso la Commissione parlamentare per l’ ambiente di cui fanno parte? Noi, con tutte le altre associazioni ambientaliste nazionali e la Federazione provinciale di Messina dei Verdi, vogliamo sapere come mai siano state concesse Autorizzazioni Integrali Ambientali (AIA) ai vari petrolchimici che non erano e non sono “a norma”? Gli incidenti verificatisi dimostrano ampiamente che queste autorizzazioni non dovevano essere rilasciate. I sindaci che si sono susseguiti, non hanno voluto chiedere il riesame delle “Aia” ed hanno così permesso che le centrali continuassero ad emettere sostanze nocive. Stessa cosa per quanto riguarda l’elettrodotto di Pace del Mela. Perché è stato approvato dalla Regione Siciliana, nel 2007/2008, un progetto con cavi “aerei”? Perché trattandosi di un grande progetto, la realizzazione dell’elettrodotto, non è stato sottoposto all’approvazione popolare? Perchè i sindaci non hanno preso posizione, chiesto una sospensiva? Alle nostre rimostranze hanno detto che ci sarebbero state penali da pagare ma non è vero niente.

Tutte queste istanze le abbiamo presentate al M5S e loro avrebbero potuto essere più incisivi, ma non lo hanno fatto e neanche in questa occasione sembra abbiano voluto dare importanza al problema. Non abbiamo ricevuto alcuna risposta da nessuno.

Altra cosa per noi gravissima, il mancato invito al rocker Peppe Pagano. Eravamo certi sarebbe stato in prima fila fra gli artisti invitati a rappresentare con la loro presenza il grido di dolore e di difesa per questa nostra terra umiliata, offesa, e tradita.

Noi cittadini del milazzese, riteniamo Peppe Pagano indiscutibilmente l’unico soggetto legittimato a rappresentare Milazzo e la Valle del Mela, l’unico artista che avrebbe potuto portare un contributo importante in materia di inquinamento ambientale, essendo impegnato in prima persona sul territorio e trattando, nelle sue canzoni, temi di grande rilevanza sociale.”

Lo abbiamo raggiunto telefonicamente Peppe Pagano che ci racconta: “Io ho saputo dell’evento del M5S una settimana fa attraverso la gente di Pace del Mela, che dava scontata la mia presenza. Mi dispiace parecchio non essere stato invitato e non poter dire la mia in difesa della mia terra tanto amata, umiliata e ferita. Ho cercato di contattare alcuni responsabili, ma mi è stato risposto “scusa, è stata una dimenticanza, ma adesso non c‘è più posto in scaletta”.

Ho letto – continua Pagano- il manifesto pubblicato da loro , i 6 punti della sfiducia per il Governatore Crocetta. Sono punti importanti e sono assolutamente d’accordo a loro, ma è inaudito che abbiano dimenticato la zona Tirrenica, cioè il territorio della Valle Del Mela- Milazzo, un territorio ad Alto rischio d’ inquinamento, dove la popolazione vive in costante pericolo. I signori del M5S dovrebbe ricordare che qui, abbiamo l’Edipower, l’elettrodotto ed un inceneritore spacciato per “centrale a biomasse” e che per tutto questo né il presidente Crocetta né altri politici di alcun partito hanno fatto nulla…”.

Nota a margine della redazione
La polemica sollevata dall’associzione della Valle del Mela suscita qualche interrogativo. La situazione drammatica che si vive in quella zona, che questo giornale non ha mai mancato di denunciare, di certo non è figlia della politica del Movimento 5 Stelle. Né a loro è imputabile la costruzione dell’eletrodotto, altro argomento sul quale è stato il Governo Crocetta a chiudere gli occhi e a fare andare avanti lavori. Nè sono dipese da loro le trivellazioni selvagge, argomento che dovrebbe includere anche il tema dei siti del petrolchimico.
Di cosa li si accusa allora? Di non avere inserito l’argomento specifico nel programma dello sfiducia day? Anche qui, consentitici qualche osservazone. Sfiduciare il Presidente della Regione siciliana significa sfiduciare tutto il suo Governo e tutto il suo operato.

Nel manifesto della giornata di oggi, ad esempio, manca anche la questione del rigasificatore della Valle dei Templi, e sicuramente ne mancano altri. Se si fossero inserite tutti i disastri siciliani, anche solo quelli firmati da questo Governo, non sarebbe bastato un libro.  I punti contemplati sono i simboli di un fallimento totale e radicale che viene sintetizzato con il più duro degli atti ufficiali: la sfiducia, non ad un singolo assessore, ma al capo della Giunta, al Presidente della Regione. A 360 gradi, insomma.
Allora ci chiediamo se queste associazioni non avrebbero fatto meglio  a venire a Palermo e a firmare la proposta di sfiducia, invece di polemizzare con chi vuole liberare la Sicilia dalla iattura del Governo Crocetta. 

PROGRAMMA SFIDUCIA DAY

16 – Apertura – Francesco Cappello portaVoce a 5 stelle (Ars)

16.15 – Skitzomovimento (musica)

16.45 – Nicola Morra (Senato)

17 .00- Ignazio Corrao (Europarlamento)

17.15 – Patrizio Cinque – Sindaco M5S Bagheria e Federico Piccitto – Sindaco M5S Ragusa

17.30 – Bringantini (musica) 18 – Riccardo Nuti e Alessio Villarosa (Camera)

18.15 – Nunzia Catalfo Portavoce a 5 Stelle e Vincenzo Maurizio Santangelo-Portavoce 5 Stelle (Senato)

18.30 – Alessandro Di Battista (Camera) 18.45 – Giampiero Trizzino (Ars)

19.00 – Vallanzaska (musica)

19.30 – Paola Taverna (Senato)

19.45 – Valentina Zafarana Portavoce a 5 stelle (Ars)

20.00 – Luigi Di Maio (Camera)

20.15 – Giancarlo Cancelleri (Ars)

20.30 – Beppe Grillo 21.30 – Meganoidi (musica)


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]