Scicli, cadavere di un uomo trovato sulla spiaggia Si tratta di un turista 77enne che era in vacanza

Tragica scoperta questa mattina sulla spiaggia di Arizza, nel comune di Scicli, nel Ragusano. Intorno alle 9, alcuni passanti hanno trovato un cadavere di un uomo disteso sulla battigia. Il corpo senza vita è di un turista 77enne siciliano, originario di Piazza Armerina (provincia di Enna) e residente a Nizza, in Francia. L’anziano aveva deciso di trascorrere qualche giorno di vacanza sul litorale ibleo.

L’uomo pare che stesse passeggiando in riva al mare, quando probabilmente è stato stroncato da un improvviso malore. Lanciato l’allarme, sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno delimitato la zona del ritrovamento e proceduto a effettuare i primi rilievi. Sul posto è arrivato anche il medico legale che, dopo una prima ispezione cadaverica, ha confermato che morte sarebbe avvenuta per cause naturali.


Dalla stessa categoria

I più letti

A lanciare l'allarme sono stati alcuni passanti. Stando a quanto ricostruito, l'anziano che stava camminando in riva al mare sarebbe stato colto da un malore. Di morte per cause naturali ha parlato anche il medico legale dopo una prima ispezione cadaverica

Giustizia per Emanuele Scieri

Sono stati condannati i due ex caporali Alessandro Panella e Luigi Zabara. Finisce così il processo di primo grado con rito ordinario per l’omicidio volontario aggravato del parà siracusano Emanuele Scieri, avvenuto all’interno della caserma Gamerra di Pisa nell’agosto del 1999. Per loro il procuratore Alessandro Crini aveva chiesto rispettivamente una condanna a 24 anni e 21 anni, […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo