Sanità, i migranti potrebbero salvare la nuova rete «Serve riconoscimento lavoro svolto con stranieri»

La nuova rete sanitaria siciliana attende ancora di essere esaminata dagli uffici del ministero della Salute a Roma. Nonostante la presentazione ai sindacati e il consenso che l’assessore regionale Baldo Gucciardi ha ricevuto dai territori, resta ancora appeso a un filo il destino della nuova rete, che se approvata sbloccherebbe gli attesi concorsi in sanità.

Ma a convincere la ministra Beatrice Lorenzin deve essere soprattutto la ripartizione dei posti letto: è quello il pilastro su cui si basa l’architettura della nuova sanità targata Gucciardi. Un dato che, non a caso, non è ancora stato reso noto, proprio in attesa del parere ministeriale. A pesare sarà soprattutto la mobilità passiva interregionale: quel dato, cioè, che rappresenta il numero di siciliani che non si fidano dell’offerta sanitaria dell’Isola e che scelgono ancora di fare la valigia per andare a curarsi altrove, dalla Lombardia all’Emilia, fino al Veneto o il Piemonte.

Dati su cui in assessorato si sta ancora lavorando: gli ultimi dati relativi alla mobilità interregionale in possesso degli uffici di piazza Ottavio Ziino risalgono addirittura al 2013. Ma se il numero dei residenti sull’Isola che si rivolgono ad altre strutture peserà sulla cifra complessiva di posti letto concessi alla Sicilia, il rovescio della medaglia è dato dalla cifra di pazienti non residenti nell’Isola che si fanno curare nelle corsie dei nosocomi siciliani. Numeri bassi, almeno fino al 2013, che non reggono il contraccolpo: pazienti provenienti dalla Calabria che si rivolgono alle strutture del Messinese, turisti temporaneamente in Sicilia, soprattutto nel periodo estivo, che per le più svariate esigenze finiscono negli ospedali regionali o ancora pazienti che si sottopongono a trapianti di organi all’Ismett di Palermo.

E poi ci sono i migranti, i cui flussi sono decisamente aumentati proprio negli ultimi anni, ma che finora non sono stati conteggiati nel bilanciamento del numero di posti letto da assegnare alla Sicilia. «L’abbiamo chiesto espressamente – ammette Ignazio Tozzo, dirigente generale dell’assessorato alla Salute – in diverse occasioni. Abbiamo chiesto di aver riconosciuta la mole di lavoro derivata dai flussi migratori, sia nella ripartizione del fondo sanitario, perché questo lavoro naturalmente si traduce anche in un costo, che in termini di risorse umane e posti letto».

Il dirigente sottolinea come non sia solo una questione di posti letto, che comunque «vengono occupati». «Il lavoro sui migranti – precisa – è legato soprattutto agli screening e alle visite ambulatoriali, che si fanno dal molo fino al centro d’accoglienza. Ma fino ad ora si è trattato di un’interlocuzione a cui non ha fatto seguito un impegno economico reale». Secondo Tozzo, se il ministero riconoscesse il dato relativo ai migranti sulla mobilità passiva a cui fa fronte la Sicilia, non si tratterebbe in ogni caso «di un dato determinante, perché la proposta di rete ha già una sua metodica che sta in piedi da sola», ma non tutti sono dello stesso avviso. 

In molti tra i sindacati, infatti, manifestano il timore che la nuova rete metta tutti d’accordo, ma difficilmente potrà ricevere l’ok così com’è, senza tagliare alcun reparto. Ad essere fiduciosa è invece la Cgil Medici, secondo cui «è vero che esiste un tasso elevato di mobilità passiva dal quale siamo penalizzati, ma sarebbe semplicistico analizzare il quadro senza tenere conto del fatto che la nostra è una regione di frontiera, rispetto alla quale bisogna tenere conto di un alto livello di mobilità attiva legata ai migranti. Per altro la nostra è stata la prima Regione in Italia ad applicare il codice S.t.p. (straniero temporaneamente presente), che ci permette di garantire il diritto alla salute e curare anche chi non è in regola col permesso di soggiorno, il ministero non può non tenere conto di questo dato». Insomma, potrebbero essere le prestazioni erogate ai migranti a salvare i posti letto della rete sanitaria siciliana, che intanto resta ferma negli uffici del ministero, in attesa dell’esame da parte degli uffici.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]