San Cristoforo, la versione del neomelodico colpito Lavezzi: «Era a piedi, mi ha aspettato e ha sparato»

Quattro colpi di pistola e i bossoli per terra, in via Sardo, a poche traverse di distanza da via Vittorio Emanuele. Erano da poco passate le 23 di sabato sera quando Nunzio Luigi Lombardo, 34enne incensurato, è stato raggiunto al ginocchio da uno sparo. «Era una persona a piedi, incappucciata. Non ha detto niente, ha sparato ed è scappato via», racconta l’uomo, cantante neomelodico con lo pseudonimo di Mirko Lavezzi. Dopo le medicazioni all’ospedale Vittorio Emanuele, l’artista è stato riportato a casa. «Alle forze dell’ordine ho detto la verità – racconta – Non so niente. Non so chi possa essere stato, non so perché. Mi hanno fatto non il quarto grado, ma il sesto. Io però non mi spiego perché se la sono presa con me».

«La mia vita non sarà mai più la stessa – afferma – Ho paura a uscire di casa, ho paura anche solo a mettermi davanti alla porta», racconta Lavezzi. Secondo la sua versione dei fatti, sabato sera era appena rincasato dal lavoro in una pizzeria, dove aveva dato il cambio al fratello. «Lui si è fatto male qualche giorno fa e io lo sostituivo per evitare che perdesse il lavoro». Stava mettendo la catena al motorino, parcheggiato sotto la sua abitazione, quando si è voltato e ha visto la persona che gli ha sparato. «Ce l’aveva proprio con me – sostiene il cantante – Io vivo lì da 15 giorni, prima stavo da un’altra parte. Questa persona ha aspettato che io tornassi a casa, era tutto programmato». I quattro colpi, però, lo hanno raggiunto solo al ginocchio, che è stato trapassato da parte a parte. «Non sono rimasti toccati né tendini né ossa, ma non mi posso muovere dal letto». Un altro proiettile avrebbe risparmiato il suo piede per pochi millimetri. 

La procura di Catania ha aperto un’inchiesta sull’accaduto e le indagini sono state affidate alla squadra mobile etnea, guidata da Antonio Salvago. Non è esclusa nessuna ipotesi. Gli investigatori, riportavano ieri mattina le agenzie giornalistiche, starebbero seguendo la pista della vendetta personale. «Io non ho altre donne oltre mia moglie – afferma Mirko Lavezzi – E non ho questioni con nessuno. Mi so comportare, mi faccio gli affari miei e non litigo mai». La possibilità che l’attentato sia maturato in ambienti legati alla musica lui, al momento, la escluderebbe: «Sono tutte persone per bene. Sto facendo la mia strada, sto costruendo la mia carriera. Chi è il pazzo che per invidia prenderebbe in mano una pistola?».

Sui bossoli, intanto, saranno effettuati gli esami balistici alla ricerca di eventuali corrispondenze. Per esempio una compatibilità con un’arma che ha già sparato in precedenza e che potrebbe aiutare gli inquirenti a stringere il cerchio attorno al sicario. «Vengo da una famiglia di lavoratori e mi è finita così – prosegue Lavezzi – Non è manco una questione di soldi, perché faccio sacrifici per non farmi aiutare da nessuno». Mette da parte qualcosa anche con le serate a pagamento. Come quella del mese scorso in via della Concordia, in occasione dell’inaugurazione di un centro scommesse. O quella di qualche giorno fa a casa di privati: «In terrazza da alcuni amici del mio manager, in corso Indipendenza». Da un anno e mezzo, dice, raccoglie il necessario per la produzione del suo secondo album. «È quasi pronto, i brani ci sono tutti, mancano solo gli arrangiamenti – conclude – Doveva uscire a maggio, ma adesso la testa per mettermi a cantare non ce l’ho. Chissà quando se ne parla».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]