San Berillo, migrante muore a casa dopo chiamata 118 Gli amici: «Perché non lo hanno tenuto in ospedale?»

Ella Danso. Era conosciuto così all’interno della comunità gambiana che ieri ne ha pianto la morte. Sul permesso di soggiorno, invece, compare il nome Boi Illah Dansoko. Aveva 32 anni. L’uomo è deceduto lunedì sera in una casa di via Giovanni Di Prima, nel cuore del quartiere San Berillo. «Aveva male al petto, forse al cuore», ci racconta un ragazzo che lo conosceva. Ieri mattina, davanti alla sua abitazione sono state decine le persone che si sono radunate. Con indosso la mascherina hanno inscenato una protesta, bloccando la strada con un materasso fino a quando sul posto non sono arrivate quattro gazzelle dei carabinieri. «Vogliamo sapere cosa è successo, perché è morto», dice un connazionale, quando la tensione è rientrata. Il sospetto infatti è che dietro al decesso possa esserci stato una sottovalutazione dei sintomi, che tutto ciò che era possibile fare non sia stato fatto.

Quando qualcuno muore, la tentazione di prendersela con i medici è forte. Naturale. Ma nella storia del 32enne, nato in Mali da genitori gambiani, le zone d’ombra sono più di una. «Si è sentito male già domenica sera – continua il connazionale -. Hanno chiamato il 118 ed è arrivata un’ambulanza, poi però è tornato a casa». Dove il mezzo di soccorso si sia diretto e quale diagnosi sia stata fatta non è chiaro: stando a quanto risulta a MeridioNews, la centrale del 118 ha ricevuto una richiesta d’intervento intorno alle 21.45. Alla telefonata ha fatto seguito la partenza dell’ambulanza. Il resto non si sa. «Ospedale Garibaldi, lì è andato», afferma un migrante. Dice di averlo saputo da altri. Stando però a quanto verificato da MeridioNews, l’uomo non è mai arrivato al Garibaldi. E nessuno accesso risulta al Pronto soccorso dell’ospedale Cannizzaro.

Ieri mattina, tra le persone che sostavano sul marciapiedi davanti all’ingresso del palazzo in cui Ella Danso da qualche tempo viveva, c’era anche un parente venuto da Palermo. Forse un cugino. A lui i carabinieri hanno chiesto se a occuparsi della sepoltura sarebbe stata la famiglia o se invece bisognava incaricare il Comune. Il giovane, con un italiano stentato e l’aiuto di un altro connazionale, ha optato per la prima possibilità. «Sono stato chiamato poco prima di mezzanotte di lunedì con un messaggio vocale su Whatsapp», racconta a MeridioNews l’imam della moschea di Catania Kheit Abdelhafid. C’era anche lui tra le persone che ieri hanno affollato il tratto di via Di Prima. A poca distanza da lì, la vita del quartiere sembra continuare con i ritmi di tutti i giorni. «La tensione si è creata perché si sono sentiti abbandonati, non solo perché non hanno capito cosa sia accaduto al loro connazionale ma anche perché – continua l’imam – dopo il decesso nessuno ha spiegato loro cosa bisognava fare».

Stamattina è atteso l’arrivo di un medico dell’Asp. «Non aveva un medico di base, quindi bisognerà attendere per il certificato di morte. Dopo ci occuperemo della funzione religiosa – continua Kheit Abdelhafid -. Per la religione islamica, andrebbe svolta lo stesso giorno del decesso ma questa è una situazione particolare». Al momento non è chiaro se la sepoltura avverrà nel cimitero di Catania, dove Ella Danso viveva da anni, o se la salma verrà rimpatriata. «Sarà la famiglia a decidere, sappiamo che ha uno zio a Roma ma la decisione spetta ai familiari più stretti», sottolinea l’imam. Il 32enne, a gennaio dello scorso anno era stato fermato all’aeroporto Fontanarossa poco prima di imbarcarsi su un volo per Instanbul, con un documento ritenuto contraffatto. «Non conosco questa storia – chiosa l’imam -. Sto facendo solo la mia parte in un momento senz’altro difficile». 

A interessarsi alla storia di Ella Danso sono anche gli attivisti che operano a San Berillo. «Con tutta probabilità è, contemporaneamente, una storia di ordinaria malasanità e di ordinario razzismo di Stato. L’impegno delle compagne e dei compagni di San Berillo, per il bene di chiunque vive in questo disgraziato paese, è quello di fare emergere la verità su questa vicenda», ha scritto uno di loro su Facebook.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]