Aria di rimpasto nel governo Schifani dopo le Europee: tra nuovi nomi e cambi di delega, spunta pure l’idea Tomarchio

Di rimpasto si parlava e rimpasto sarà. D’altra parte, con quattro assessori candidati alle Europee e uno, Luca Sammartino, ancora da sostituire, era piuttosto probabile che succedesse. Così Renato Schifani si trova a dovere ridisegnare la propria giunta poco prima del giro di boa di metà mandato. «Gli equilibri non cambieranno», dice, ma c’è già chi batte cassa, a partire dai partiti degli ex presidenti: Mpa e Dc, che rivendicano la paternità dell’ottimo risultato delle urne, con Forza Italia tornato a essere il primo partito dopo anni e Fratelli d’Italia relegato al secondo posto. Ci sono i meloniani, che nonostante il lieve calo nei consensi cantano vittoria, sottolineando che il risultato degli azzurri sia stato dopato proprio dalla presenza di Mpa e Dc. E ci sono pure quelli di Noi moderati, con Saverio Romano che pare avere chiesto pari dignità di trattamento e forte dei voti che hanno spedito Massimo Dell’Utri al quarto posto tra i più votati del partito che fu di Silvio Berlusconi.

Dell’Utri tra l’altro sarebbe proprio il nome speso da Romano, ma vederlo in giunta – seppure non sarà impossibile – appare abbastanza improbabile. E c’è pure il nodo Caterina Chinnici. L’ex candidata alla presidenza della Regione non è riuscita a tornare in Europa: impossibile battere Edy Tamajo e Marco Falcone, ma le porte del parlamento europeo per l’ex Pd non sono del tutto chiuse. Posto che Falcone ha già detto che intende tenere fede all’impegno preso con gli elettori, andando in Europa, chi tentenna è Tamajo, che deve ancora comunicare se ha intenzione di abbandonare o meno la propria carica regionale – e la sua zona di comfort – per tentare il grande salto. Ecco, sarebbe sufficiente che anche uno dei due decidesse di restare in Sicilia che Caterina Chinnici spiccherebbe senza pensarci su troppo il volo verso Bruxelles, nonostante le voci che la vedrebbero come nuova assessora alla Salute al posto di Giovanna Volo.

Certo, per Schifani sarebbe politicamente una manna: in un colpo solo accorderebbe Forza Italia e Mpa di Raffaele Lombardo, che la vede come candidata propria, ma le chances di rivederla a palazzo d’Orleans passano per un suo rifiuto all’Europa, cosa davvero difficile da ipotizzare. Dunque ancora più grane per Renato Schifani, che ha pure da fare i conti col fato. A oggi comunque il presidente della Regione attende con ansia soprattutto una data: il 26 di giugno, il giorno in cui il tribunale del Riesame prenderà in oggetto il ricorso di Luca Sammartino contro l’interdizione dai pubblici uffici ricevuta un paio di mesi fa. Lì Schifani saprà se dovrà rimpiazzare l’ormai ex assessore regionale all’Agricoltura, una di quelle deleghe particolarmente calde e che richiedono più tappe. Il 26 si saprà se Sammartino sarà arruolabile come assessore o meno.

Tra quelli che meno sentono l’ansia di cambio prospettiva c’è Mimmo Turano, onorevole leghista che all’improvviso si è ritrovato a dover fare tutto il possibile per reggere il peso di un partito praticamente da solo sotto elezioni. E poi c’è l’entroterra. Chi potrebbe perdere il posto è l’assessora all’Ambiente, Elena Pagana. D’altra parte il marito, Ruggero Razza, dovrebbe beneficiare della recente elezione, che libererebbe da ogni impegno di sorta il governo regionale, precettato all’inizio dall’uscente Nello Musumeci, di cui Razza è fedelissimo. Si era parlato anche di delega alla Salute, ma va visto il momento. E all’Ambiente chi andrà? Il nome suggestivo è quello di Salvo Tomarchio, imprenditore catanese, già assessore con delega all’Ambiente al comune di Catania. Lui che a Palermo dovrà comunque arrivarci, anche solo per giurare, visto che da primo dei non eletti entrerà al posto di Marco Falcone.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Di rimpasto si parlava e rimpasto sarà. D’altra parte, con quattro assessori candidati alle Europee e uno, Luca Sammartino, ancora da sostituire, era piuttosto probabile che succedesse. Così Renato Schifani si trova a dovere ridisegnare la propria giunta poco prima del giro di boa di metà mandato. «Gli equilibri non cambieranno», dice, ma c’è già […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]