Rifiuti, verso le penalità per i Comuni inadempienti M5s contro Musumeci, ma aveva avuto stessa idea

Dopo i premi ai virtuosi, le penalità a chi non ha raggiunto le soglie minime previste dalla legge, restandone peraltro nella stragrande maggioranza dei casi lontanissimo. È questa la strada che il governo Musumeci è intenzionato a intraprendere nell’ambito del tentativo di fare crescere la raccolta differenziata in Sicilia.

La volontà verrà descritta, questa mattina, durante un incontro in assessorato, a cui sono chiamati a partecipare i sindaci delle Città metropolitane, i commissari dei Liberi consorzi e soprattutto i gestori delle discariche attive nell’isola. La comunicazione è partita dal dipartimento di viale Campania il 31 dicembre ed è finita anche sui tavoli di tutti i primi cittadini, i principali interessati, considerato che il costo della gestione dei rifiuti ricade sui Comuni e, di conseguenza, sui cittadini. All’ordine del giorno ci saranno due temi: l’ecotassa – altrimenti conosciuta come tributo speciale per il deposito in discarica – e l’addizionale del 20 per cento sui conferimenti negli stessi siti. 

Pur nascendo entrambe per spingere i territori a innalzare la differenziata, si tratta di imposte con storie diverse. La prima è stata introdotta con una legge nel 1995 e prevede che i gestori dei siti di stoccaggio, che poi a loro volta si rivalgono sui Comuni, paghino ogni anno una somma. Il 90 per cento dell’importo va alla Regione, che è tenuta a usarne una parte per attività di recupero di materie prime e per bonifiche, e il resto alle ex Province. La seconda, invece, è disciplinata dal decreto 152/2006, conosciuto come codice dell’ambiente: il legislatore, in questo caso, prescrive che ai Comuni che non hanno raggiunto il 65 per cento entro il 2012 «è applicata un’addizionale del 20 per cento al tributo di conferimento dei rifiuti in discarica». Mentre per quest’ultima in Sicilia si tratterebbe di un debutto, l’ecotassa è in vigore da anni, con cifre che si aggirano tra i sei e i dodici euro a tonnellata

Ad anticipare il tema nei giorni scorsi è stato il Movimento 5 stelle, con una nota in cui accusa Musumeci di volere fare ricadere sui sindaci le inefficienze della Regione. «Se i livelli di differenziata in Sicilia sono mediamente ridicoli, la colpa non è certo dei cittadini, che finirebbero per pagare con un aumento delle tariffe le colpe del governo regionale che non è riuscito a mettere in campo idonee strategie per incentivare la differenziata», si legge nel comunicato a firma dei componenti pentastellati della commissione Ambiente dell’Ars. Un attacco che tira in ballo anche le difficoltà di molti Comuni a riscuotere la Tari e il relativo rischio che, a fronte di servizi scadenti, un aumento possa disincentivare ulteriormente il pagamento del tributo.

Una posizione che, tuttavia, sembra cambiata nel giro di pochi anni. Durante l’era Crocetta, era il 2016, l’Ars approvò infatti un disegno di legge proposta dalla maggioranza che modificava l’ecotassa. Il ddl per larghi tratti ricalcava un testo legislativo ideato dal deputato Giampiero Trizzino, tra i firmatari della nota contro Musumeci. Quella legge, l’anno successivo, fu cassata dalla Consulta che ravvisò una serie di profili di incostituzionalità. Tra i vari commi ce n’era uno, su cui i giudici non obiettarono nulla, che prevedeva l’applicazione dell’aliquota oggi contestata. Lo stesso era presente anche nel ddl di Trizzino. «Noi non siamo contro l’idea che un Comune che non faccia il proprio dovere debba pagare l’addizionale – precisa Trizzino a MeridioNews -. La questione però è che al momento il sistema di gestione, su cui questo governo ha responsabilità, non consentirebbe di gestire una differenziata al 65 per cento. Mancano gli impianti e senza quelli non si possono raggiungere risultati importanti. Ecco – conclude il deputato regionale – non vorremmo che la questione addizionale sposti l’attenzione dal centro alle periferie, facendo ricadere tutte le colpe sui Comuni».


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]