Rifiuti, la Regione rispolvera gli inceneritori Piro: «Troppe cose strane, contraddizione comica»

«Non capisco perché un consigliere comunale di Palermo debba intascare un’indennità maggiore di un consigliere comunale di Milano. Mi rendo conto che rivedendo il numero e le indennità dei consiglieri comunali non si risolveranno i problemi finanziari della Regione. Però un segnale, da parte della politica, va dato». Così parla Franco Piro, esponente storico della sinistra siciliana. In questo momento, uno degli argomenti più gettonati è rappresentato dai tagli annunciati dall’assessore all’Economia, Alessandro Baccei, ai consiglieri comunali. A Piro poniamo una domanda: non pensa che questi tagli a carico di consiglieri comunali, assessori comunali e sindaci allontanino ulteriormente i cittadini dalla politica? «La gente, nel nostro Paese, si allontana dalla politica perché la politica non riesce più a dare risposte. Le indennità dei consiglieri comunali c’entrano poco. Il rischio che stiamo correndo è enorme. Perché poi, quando si crea un vuoto nella politica, qualcuno lo va a riempire. Questo, sia chiaro, è un fatto generale. Quanto ai consiglieri comunali – continua – mi debbono spiegare perché riuniscono le commissioni consiliari quattro-cinque volte alla settimana. Penso che certe furbizie debbano finire».

Piro è stato anche deputato di Sala d’Ercole e assessore regionale al Bilancio. In un’intervista di qualche tempo fa, quando la Corte Costituzionale ha ridimensionato il ruolo dell’ufficio del Commissario dello Stato per la Regione siciliana, ci ha detto che questa storia sarebbe finita con un patteggiamento tra governo nazionale e governo regionale, scavalcando la legge. Che è, poi, quello che è successo con la legge sull’esercizio provvisorio: una legge «strana», perché l’esercizio provvisorio, per definizione, autorizza, per un periodo limitato di tempo, il ricorso al Bilancio in dodicesimi. Invece con la recente legge di esercizio provvisorio si autorizzano nuove spese. «In effetti quello che è avvenuto è assurdo – dice Franco Piro -. Hanno trasformato l’esercizio provvisorio in una mini-finanziaria. E questo non si può fare. Ma c’è dell’altro».

Hanno trasformato l’esercizio provvisorio in una mini-finanziaria. E questo non si può fare

Cosa?
«Ad esempio, non ho capito la presenza, all’interno della legge sull’esercizio provvisorio, degli accantonamenti negativi e positivi. Penso all’operazione prevista a valere sul Fondo di sviluppo e coesione. Anche questa è una forzatura che non sta né in cielo, né in terra. Negli anni passati l’hanno fatto con la sanità. Ma lo scenario era diverso».

Si riferisce ai Fondi per le aree sottoutilizzate (Fas) che la Regione siciliana, negli anni passati, ha utilizzato per coprire le spese della sanità?
«Per l’appunto. Ma allora c’era un accordo con lo Stato. Oggi l’accordo non c’è. Oggi si dice che certe spese potranno essere autorizzate solo se si realizzerà l’entrata di circa un miliardo e 112 milioni di euro. Mi chiedo: perché inserire questa forma di accantonamento nell’esercizio provvisorio? E la stessa cosa vale per l’accantonamento negativo di un miliardo e 700 milioni di euro circa: che c’entra con l’esercizio provvisorio?».

Che cosa si dovrebbe fare per evitare l’approvazione di certe leggi, che diventano tali solo perché patteggiate con Roma?
«Penso a un accordo tra governo regionale e ufficio del Commissario dello Stato. Quest’ultimo dovrebbe proporre l’impugnativa. Poi penso a un ufficio dell’Ars per la verifica delle leggi. Quindi una verifica del profilo finanziario dei disegni di legge. A Roma se un disegno di legge non è munito di relazione tecnica sulla copertura finanziaria non va in aula».

Sui rifiuti il governo Crocetta ha rispolverato i termovalorizzatori di Totò Cuffaro.
«Non sono termovalorizzatori ma semplici inceneritori. I termovalorizzatori debbono recuperare almeno il 50 per cento di energia. E per recuperare il 50 per cento di energia bisogna bruciare combustibili e altro».

Allora perché la politica e gli uffici dell’assessorato alle Energie e Rifiuti li chiamano termovalorizzatori?
«Nel caso della politica forse non conoscono la normativa. La burocrazia, invece, fa finta di non conoscere la normativa. Ma anche in questo caso c’è dell’altro».

Ovvero?
«C’è una contraddizione quasi comica. Dicono che in Sicilia c’è l’emergenza rifiuti e la vogliono affrontare con gli inceneritori. Facendo finta di non sapere che per realizzare un inceneritore, con tutte le autorizzazioni legittime che occorrono, passerebbero almeno tre anni».

È forse un modo per fare business con gli inceneritori?
«Questo io non l’ho detto. Però ci sono troppe cose strane attorno ai rifiuti. Nella mia città, ad esempio, da quattro giorni non si raccolgono i rifiuti. Parlo di Termini Imerese. Da noi si fa la raccolta differenziata. Ma è tutto bloccato».

Perché?
«Il Piano d’ambito è pronto. Ma manca una firma».

A noi hanno detto che anche a Termini Imerese vorrebbero realizzare un bell’affare con un inceneritore.
«Purtroppo ne ho sentito parlare pure io».

Non è che la firma al Piano d’ambito nella sua città non viene apposta per creare l’emergenza e realizzare l’inceneritore a Pirolisi?
«Purtroppo lo comincio a pensare anche io».   


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]