Rifiuti, Consiglio comunale approva regolamento telecamere Attacchi a Barresi: «Sappiamo che la città fete, dica altro»

Da assessore sceriffo all’essere tacciato di avere atteggiamenti di grandiosità. Nel mirino di diversi consiglieri d’opposizione finisce l’assessore all’Ecologia del Comune di Catania Andrea Barresi. Tanti gli argomenti all’ordine del giorno nella seduta di ieri del Consiglio comunale, durata più di tre ore: dalla palestra scolastica adibita a deposito comunale di via Torquato Tasso, fino alla rimozione delle carcasse di auto e moto abbandonate in giro per la città. A tenere banco però è il regolamento di videosorveglianza per cercare di mettere un freno al proliferare delle discariche abusive, approvato all’unanimità dei presenti con 29 voti favorevoli. Ma le polemiche e gli attacchi a Barresi non sono mancati. 

A presentare quello che è stato definito «una svolta epocale nella lotta ai rifiuti» è stato proprio l’assessore. L’occasione però, come sottolineato da diversi componenti del senato cittadino, è stata utile per sfoggiare ancora una volta i risultati raggiunti. «Un regolamento di straordinaria importanza per la lotta agli incivili – ha detto Barresi -, che porto avanti sin dall’inizio del mio mandato con oltre cinquemila verbali di cui quasi la metà elevata a non residenti». E l’elenco dei risultati continua: si parla delle percentuali di raccolta differenziata, dei controlli a tappeto della polizia municipale e dei centri di raccolta comunale. Punti, questi, su cui per l’assessore Barresi «si sono fatti molti passi avanti». Ma l’opposizione mormora, almeno fino a quando l’assessore non decide davvero di spiegare il regolamento sulla videosorveglianza integrata

«Le telecamere verranno installate in via sperimentale in punti sensibili – spiega Barresi – saranno 35 nel lotto Nord, 55 nel lotto Sud e 23 nel lotto Centro». La gestione del sistema verrà affidata alla polizia municipale mentre «la manutenzione spetterà all’azienda», ha spiegato rispondendo alle perplessità dell’aula. «Tramite una control room adibita nel comando della polizia municipale – continua -, si permetterà agli agenti di andare a visionare più di 150 postazioni, tutte accompagnate dai cartelli con la dicitura zona sottoposta a videosorveglianza». Terminato l’intervento, le osservazioni dei consiglieri si alternano in presenza e da remoto. «Sebbene le telecamere costituiscano un deterrente – fa notare Orazio Grasso di Grande Catania -, il rischio è che si riesca a bonificare le attuali postazioni, ma le discariche si creino in altri punti sprovvisti di videosorveglianza». In un sistema che, peraltro, deve fare i conti col tenere in equilibrio la prevenzione dei reati e la tutela della privacy. «Si tratta di telecamere intelligenti – sostiene Barresi – che terranno in memoria le immagini solo per sette giorni, salvo si riscontri un’infrazione». 

Gli interventi continuano ad alternarsi, i ringraziamenti non mancano e l’opposizione continua ad attaccare. Anche se stavolta è il turno di Graziano Bonaccorsi dell’M5s. «Oltre all’appellativo di assessore sceriffo che alcuni cittadini le attribuiscono – incalza Bonaccorsi -, questa sera ha un nuovo appellativo: quello di megalomane», incalza Bonaccorsi chiosando l’intervento del consigliere Alessandro Campisi. Se la premessa non è delle migliori, il dopo è ancora meglio. «Lei ha detto di fare tante multe ma quante ne incassiamo? – chiede Bonaccorsi – Vorrei capire quante penali ci arrivano e quanti disservizi facciamo, perché via Oberdan e via Riso, tra cartacce e bottiglie, non sono mai state così sporche. Forse il capitolato non viene rispettato?», è la provocazione del pentastellato. «Al viale Nitta sono devastati dai cumuli di immondizia», conclude Bonaccorsi. «All’assessore – è la posizione di Luca Sangiorgio di Fratelli di Italia – riconosco di avere iniziato con il piglio giusto, però non vorrei che la coperta fosse troppo corta». Il riferimento è all’annosa questione che riguarda la carenza di personale all’interno del corpo di polizia municipale. «Dalla control room all’irrogazione della sanzione – continua Sangiorgio -, ma il personale spesso sfiancato da anni di servizio e dai tanti compiti, riuscirà a gestire tutto il sistema? – e aggiunge – Non mi si venga poi a dire che manca il personale». La risposta dell’assessore arriva, anche se non soddisfa tutti. 

«Il regolamento non sarà la panacea di tutti i mali – afferma Barresi – ma è un ulteriore strumento che servirà a contrastare passo dopo passo i mali degli ultimi cento anni». Dopo queste parole si torna a numeri e risultati, salvo poi essere interrotto da Santi Bosco, fino a quel momento rimasto silente. «Ora basta – tuona il consigliere di Forza Italia – non ho sentito una parola sul regolamento, sappiamo tutti che la città sta fetendo, ci spieghi la disciplina del regolamento». Dopo la bagarre, Barresi non si scompone e, nonostante le tante critiche, conclude. «Sto cercando di rispondere a tutti i colleghi – e aggiunge -. I vigili urbani sono 46, siamo nelle condizioni di garantire due e forse tre turni di lavoro». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]