Revenge 5, colpito clan mafioso Cappello-Bonaccorsi «Droga trasportata in ambulanza, a sirene spiegate»

Sono le prime ore del mattino e un elicottero della
polizia sorvola il centro città. Vola in cerchio, sopra piazza Università, a quota talmente bassa da fare suonare gli antifurto delle automobili parcheggiate nei paraggi. A terra, le autopattuglie, coi loro lampeggianti azzurri illuminano le strade e i palazzi. I residenti – svegliati dal rumore delle eliche e dal lamento degli allarmi – si affacciano a balconi e finestre e guardano in su per capire cosa succede. A spiegarlo nei dettagli, qualche ora dopo il lancio delle agenzie di stampa, è il procuratore generale di Catania Michelangelo Patanè. Gli agenti della
mobile sono stati impegnati in un’operazione antimafia, denominata Revenge 5, conclusa con l’arresto di 37 persone. «Pericolosi criminali dediti al traffico di stupefacenti – dice il procuratore di Catania – che agivano con incredibile tracotanza». Comportamento riferito al particolare modo con cui la droga veniva trasportata: «A sirene spiegate sull’ambulanza di una Onlus», la New Città di Catania ambulanze

Il nome dell’operazione non è casuale, «è la prosecuzione del filone Revenge, partito nel 2009 – spiega il questore di Catania, Marcello Cardona – che racconta il passaggio di soggetti criminali, e di interi gruppi, dalla famiglia Santapaola al clan Cappello-Bonaccorsi e in particolare all’ala dei Carateddi». L’attività investigativa – portata avanti grazie a intercettazioni, pedinamenti e registrazioni video – «ha coinvolto 200 agenti di diversi reparti delle forze dell’ordine», spiega il dirigente della polizia Antonio Salvago. E da Roma sono arrivati i complimenti del capo della polizia, Alessandro Pansa. 

L’organizzazione – che gestiva lo spaccio nei quartieri della periferia catanese oltre che nell’hinterland del capoluogo e a Belpasso, nella frazione Piano Tavola – sarebbe stata capeggiata da
Francesco Di Mauro, Fabio Reale e dai fratelli Attilio e Gaetano Bellia. Sarebbero stati questi ultimi a occuparsi della fornitura di droga e della successiva messa sul mercato, divisa in tre piazze di spaccio: San Cristoforo, Monte Po, San Berillo nuovo. Il mezzo utilizzato dai corrieri era, in alcuni casi, l’ambulanza di un’associazione onlus riconducibile a Salvatore Spampinato e Antonio Cosentino, gestore inoltre un’agenzia di onoranze funebri – la Retof, con sede nel quartiere San Cristoforo – che veniva utilizzata come base logistica per la consegna della droga. «Metti in sirena e te vai in via Grimaldi, non cercare scuse. Quello mi deve un camion e mezzo di soldi», dice Cosentino a Spampinato, non sapendo di essere intercettato. Una volta a settimana la consegna avveniva in un’altra agenzia di onoranze funebri, con sede a Francofonte, nel Siracusano, intestata a Francesco Belluardo

Tra gli arrestati figurano anche alcuni nomi eccellenti. 
Salvatore Bonaccorsi, figlio del più noto Concetto che è detenuto e sottoposto al regime del carcere duro perché ritenuto al vertice della cosca; Gaetano Lo Giudice, padre di Sebastiano che è in regime di 41bis perché del clan era stato reggente; i fratelli Alessandro, Claudio e Marco Strano e i fratelli Nicolò Roberto e Massimo Squillaci, appartenenti alle omonime famiglie – radicate rispettivamente a Monte Po e Belpasso – che rappresentano storiche componenti dell’organizzazione mafiosa SantapaolaErcolano transitate tra le fila della cosca Cappello-Bonaccorsi. Singolari le modalità di arresto di Antonello Ventaloro, dentro la cui autovettura – andata a sbattere contro un muretto al termine dell’inseguimento con la polizia – è stata rinvenuta sostanza stupefacente su sedili e pianale. «Aveva cercato di disfarsene mentre era in movimento – spiega Salvago –  e si è invece sparsa sulla vettura come fosse zucchero a velo». Le indagini hanno evidenziato inoltre come Gaetano Lo Giudice pretendesse dai fratelli Bellia la restituzione di 200mila euro che il figlio Sebastiano avrebbe affidato ai due, che avrebbero dovuto occuparsi del sostentamento dello stesso e dei suoi familiari.

Nel corso delle indagini sono stati effettuati arresti in flagranza di reato e sequestri di sostanza stupefacente. Tra i 37 arrestati 30 sono i pregiudicati, alcuni già detenuti o sottoposti a misure cautelari. In 26 sono stati portati in carcere – alcuni a piazza Lanza, altri a Bicocca – gli altri undici sono stati posti agli arresti domiciliari. Quasi tutti sono ritenuti, secondo gli investigatori, appartenenti al clan mafioso Cappello-Bonaccorsi e responsabili a vario titolo di associazione per delinquere di stampo mafioso, associazione a delinquere finalizzata al
traffico di droga, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, reati in materia di armi con aggravanti. «La lotta alla mafia catanese è prioritaria – dice il questore Cardona al termine della conferenza stampa – Da gennaio abbiamo arrestato 124 persone per mafia e condotto nove operazioni per contrastare la malavita organizzata. La nostra attività resterà incessante».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]