Regolamento Movida, Sindaco: «consiglio inerte»   Totò Orlando: «Discuteremo atto entro giovedì»

Il sindaco Orlando rinnova, di nuovo, l’ordinanza sulla Movida e di questo la responsabilità al consiglio comunale guidato dal suo omonimo, Totò orlando «Si tratta di un atto atto necessario e condiviso con CPOSP  – dice – di fronte alla persistente inerzia del Consiglio comunale nell’adozione del Regolamento proposto dalla Giunta comunale».

L’ordinanza, adottata due giorni prima della scadenza del vecchio provvedimento, ovvero il 30 settembre,  sarà in vigore fino al 31 ottobre salvo che il Consiglio comunale non provveda nel frattempo ad approvare il Regolamento e «fermo restando poi comunque i poteri extra ordinem del Sindaco, che ribadisce di avere ferma intensione a ricorrervi qualora fosse necessario attivarli per il perseguimento dell’interesse pubblico». Il Sindaco Orlando è tornato a segnalare al Consiglio comunale i rischi derivanti dalla mancata approvazione del “Regolamento sullo sviluppo sostenibile ai fini della convivenza tra le funzioni residenziali e le attività di esercizio pubblico e svago nelle aree private, pubbliche e demaniali” proposto dalla Giunta comunale nel 2014.

«Il ritardo approvazione del “Regolamento sullo sviluppo sostenibile ai fini della convivenza tra le funzioni residenziali e le attività di esercizio pubblico e svago nelle aree private, pubbliche e demaniali”, rischia di determinare un inaccettabile arretramento nel contrasto a tutte quelle forme di illegalità che le forze di Polizia continuano a registrare in vaste zone della città e che richiedono l’adozione di un efficace strumento”.

Il problema sta tutto nel fatto che Palermo è ancora in attesa di una «regolamentazione ordinaria della materia» che, come si legge anche nell’ ordinanza sindacale del 26 giugno è «lo strumento ordinario e più adeguato al corretto contemperamento dei vari e confliggenti interessi in gioco». Quello che è stato approvato, un anno fa, è uno schema di regolamento sullo sviluppo sostenibile ai fini della convivenza tra le funzioni residenziali e le attività di esercizio pubblico e svago nelle aree private, pubbliche e demaniali, emendato con deliberazione dalla Giunta comunale e sottoposto all’approvazione del consiglio comunale perchè erano ritenute necessarie «nuove e più stringenti misure rispetto a quelle già individuate». Ma non si può andare avanti a forza di proroghe e rinnovi anche il Tar e la Procura hanno intimato all’amministrazione di adottare un testo definitivo.

La nuova Ordinanza del Sindaco è stata adottata anche a seguito di diverse riunioni del Comitato provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica nel corso delle riunioni celebrate in Prefettura nel mese di settembre.

Totò orlando sembra però essere ottimista in merito alla faccenda, «Tra mercoledì e giovedì – dice a MeridioNews – potremo prelevare l’atto e aprire la discussione generale. Cercheremo di sopperire questa a emergenza senza dubbio. Siamo stai impegnati con il regolamento sulla pubblicità (andato in fumo, ndr) che speriamo di poter approvare entro domani, mancano gli ultimi emendamenti e poi possiamo chiudere questo capitolo e occuparci del regolamento sulla Movida». Sul piatto le proposte dei diretti interessati, residenti, musicisti e titolari dei locali – che hanno portato nel corso degli anni varie proposte al fine di trovare il giusto compromesso. L’ultima è che la città sarà divisa in due aree: il centro storico e la zona residenziale, ovvero l’area 1 e l’area 2, ovvero la zona industriale, le borgate marinare e la fascia costiera. Ognuna con delle proprie regola da rispettare.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]