Regionali, pallori e urla nella lunga giornata dei dem I crocettiani in Arcipelago: «Orlando? Noi unici leali»

Alle tre del pomeriggio mancano ancora tre candidati che dalla provincia devono arrivare in via Bentivegna per gli ultimi passaggi burocratici. La scadenza per la presentazione delle liste è fissata per le 16. Da una porta chiusa trapelano le urla di chi li sta chiamando al telefono. Sono le 15.19 quando i plichi coi documenti lasciano il quartier generale dei dem per essere presentati in tribunale. Tra i corridoi, le espressioni stravolte di chi, come ammesso da Rosario Crocetta, non dorme da tre notti. Di Leoluca Orlando, del suo braccio destro Fabio Giambrone, neanche l’ombra. Lungo le scale, un alterco tra funzionari di partito, mentre a rasserenare le acque intervengono il senatore Beppe Lumia e il presidente del Pd Sicilia, Giuseppe Bruno.

Le occhiaie di Fausto Raciti lo precedono, il pallore è più accentuato del solito. Non rilascia dichiarazioni, il segretario dem, visibilmente provato dalla trattativa tra Orlando e Crocetta. E lui, il governatore uscente, è l’unico a non negarsi ai cronisti, perché ci tiene sottolineare che «il ritiro della lista del Megafono non è un passo indietro. Si cerca sempre il bene comune e io lo considero un passo in avanti. Quando si mette l’io o l’ego al centro e il progetto passa in seconda fila – sottolinea – allora si è soltanto individualisti e non si è leader. Un leader prima di pensare a se stesso pensa agli altri». Insomma, è chiaro dalle prime battute che quella dentro la lista Micari Presidente sarà una convivenza tra separati in casa, tra il primo inquilino di palazzo d’Orleans e il primo cittadino del capoluogo. Crocetta non sarà candidato capolista a Palermo: «Mi sembrerebbe inopportuno», taglia corto.

Però evidenzia che «quando si vedranno i nomi dei candidati, si capirà chi ha fatto la lista e chi invece non l’ha fatta. Io non voglio dire niente, contrariamente a chi odia, a chi manifesta ostilità, mette sempre se stesso al centro». E ancora, sempre a proposito di Orlando, su sollecitazione dei cronisti che non mancano occasione per pungolarlo, ammette: «Ha addirittura detto che, se non c’era, bisognava inventarlo, io ne prendo atto. Come si fa a rispondere a uno che dice ciò?».

Orlando, infatti, si attribuisce la vittoria di avere scelto il candidato presidente e di averla spuntata con la lista Arcipelago sul Megafono di Crocetta? «Capisco che le sconfitte sono sempre orfane, mentre le vittorie sono piene di padri – dichiara ancora Crocetta – ma io penso di avere fatto un lavoro di squadra insieme a Lumia, Raciti, Renzi e Guerini nell’interesse del centrosinistra e del Partito democratico con senso di responsabilità. I cittadini – aggiunge – sanno giudicare in questa vicenda chi è leale e responsabile e chi invece scappa, è sleale e irresponsabile».

Sono da poco passate le 15, quando Crocetta si allontana da via Bentivegna. Di Orlando ancora nessuna traccia («magari sarà a palazzo delle Aquile – ironizza ancora il primo inquilino di palazzo d’Orleans -, il suo lavoro è molto prezioso per la città, mica si può allontanare»). Crocetta invece saluta, ringrazia e si allontana. Poi torna sull’uscio: «Ricordatevi – conclude – che chi semina vento raccoglie tempesta».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]