Ragusa, un quarto delle case pignorate in Sicilia «Questa non è giustizia, è una speculazione»

Vittoria. Gianfranco Carbonaro è sotto sfratto. La sua abitazione, che vale quasi 200mila euro, è stata pignorata perché non è riuscito a pagare il mutuo. Dopo i primi due anni di regolari pagamenti delle rate, il cake-designer ha contratto un ulteriore debito di 30mila euro con la Crias (Cassa Regionale per il finanziamento alle Imprese Artigiane Siciliane), nel tentativo di rientrare dall’esposizione.

La crisi però ha stretto lentamente il nodo intorno al collo dell’artigiano, che non è riuscito ad onorare il debito. Così a dicembre la casa è stata messa all’asta e venduta per 43mila euro. Carbonaro avrebbe dovuto lasciare l’appartamento in cui vive con la moglie e le due figlie stamattina. Sul portone di casa si è manifestata la solidarietà del comitato No-Aste, che si è mobilitato a supporto; nel frattempo gli veniva comunicata la proroga di due mesi, in attesa dell’udienza prevista per il 7 maggio, sui tre ricorsi presentati – tra cui quello per acquisto con eccessivo ribasso rispetto al valore.

Nonostante la concessione, rabbia e preoccupazione non si placano: «Questa non è giustizia, è una speculazione – denuncia Carbonaro – io voglio solo salvare casa mia. Ho cinquant’anni, una famiglia e mi hanno chiuso le porte in faccia», dichiara, mentre ci mette al corrente di una vicenda che non è delimitata dalle mura di casa sua.

In provincia di Ragusa i procedimenti di pignoramento abitativi sono diventati un vero dramma sociale. Sono oltre duemila, nel territorio ibleo, le abitazioni che potrebbero essere confiscate e poi rivendute e la metà di queste si trova nella città di Vittoria. Il numero è consistente e rappresenta più di un quarto dei casi dell’intera regione siciliana. Quest’ultima, con il Lazio, condivide il primato italiano di immobili messi all’asta.

Proprio da Vittoria è partita la proposta di legge di impignorabilità della prima casa. Il vicepresidente di Avviso Pubblico ed ex amministratore del Comune, Piero Gurrieri, è stato l’estensore del testo, che è poi stato presentato all’Assemblea Regionale Siciliana dal Movimento Cinque Stelle (primo firmatario il deputato Vanessa Ferreri) ed approvato all’unanimità nell’ottobre scorso. L’iter legislativo però non è ancora concluso. Il disegno di legge è stato presentato anche al parlamento nazionale e, da due mesi, è tra i documenti in valutazione delle commissioni delle due camere.

Per dire «basta alla latitanza delle istituzioni rispetto al massacro sociale che si sta consumando» è stata lanciata nei giorni scorsi anche una petizione popolare a supporto della legge, che chiede «l’immediata discussione al Parlamento nazionale […] e al Governo, di sospendere per 24 mesi le aste in corso se riguardino l’unica casa» e la sospensione della procedura quando «l’offerta sia molto inferiore al 50 per cento del valore reale dell’immobile». Centinaia di cittadini hanno già sottoscritto l’appello.

La proposta di legge è pensata per tutelare i debitori e prevede che «non può formare oggetto di espropriazione l’unico immobile di proprietà del debitore […] adibito a civile abitazione», nel caso in cui «altri componenti del nucleo familiare non siano proprietari o titolari di altri immobili adibiti a civile abitazione e che il valore del fabbricato sia inferiore a 200mila euro».

La formulazione del disegno di legge iniziò nell’estate del 2013, a seguito della drammatica vicenda che coinvolse Giovanni Guarascio. Il 14 maggio dello stesso anno, gli ufficiali giudiziari giunsero nella casa di via Brescia – rivenduta all’asta per venticinque mila euro – per eseguire lo sfratto della famiglia Guarascio. Il capofamiglia, muratore ormai disoccupato, si versò della benzina sul corpo e si diede fuoco. Morì una settimana dopo per le gravi ustioni riportate. Un disperato suicidio che sconvolse la comunità vittoriese ed accese le luci delle telecamere sulla questione dei pignoramenti abitativi.

La procura di Ragusa aprì diverse indagini nei mesi successivi: una sul singolo caso, dove vennero riscontrate «numerose e vistosissime anomalie nella procedura» di acquisto della casa di Guarascio, pignorata per un debito di circa 10mila euro. Altre sulla complessa organizzazione che gestirebbe l’acquisto degli immobili espropriati: un ristretto gruppo di professionisti ed imprenditori, di comune accordo, si aggiudicherebbe con notevoli ribassi le case rivendute. Anonimamente sono state denunciate minacce verso chi vorrebbe (ma gli viene impedito) partecipare alle aste e, in alcuni casi, addirittura verrebbe consentito il riacquisto agli espropriati, attraverso però il prestito di denaro concesso a tassi altissimi.

Una combine di imprenditori e professionisti che il figlio di Giovanni Guarascio, Antonio, non esitò a definire «una vera e propria mafia, criminalità organizzata, associazione a delinquere». E di cui parlano anche diverse vittime di pignoramenti, che avrebbero già fornito agli investigatori ulteriori elementi.

L’inchiesta, che vedeva sotto indagine anche un avvocato ragusano poi arrestato a Malta per esportazione illecita di valuta e riciclaggio, non è ancora conclusa. Il dramma di chi rischia di perdere la propria abitazione continua.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]