Ragusa, trivellazioni nel mare di Montalbano La denuncia del circolo di Legambiente

Il commissario Salvo Montalbano costretto a nuotare scansando le chiazze di petrolio nella baia della sua Marinella. È lo scenario dipinto dal circolo ragusano Il carrubo di Legambiente. La società Transunion petroleum ha inviato al ministero dell’Ambiente e al dipartimento regionale del Territorio la richiesta di avvio dell’iter per le perforazioni al largo della costa compresa tra Scoglitti e Donnalucata, in provincia di Ragusa. Ma l’associazione ambientalista ha sollevato alcune obiezioni sulla base della documentazione presentata per ottenere le due documentazioni-chiave in vista delle prime ricerche di idrocarburi, Valutazione d’impatto ambientale e Valutazione ambientale strategica.

La prima contestazione riguarda la distanza dalla costa alla quale dovrebbe concentrarsi l’area di ricerca del petrolio. Una delle linee – sostiene il circolo Il carrubo – «si trova ad una distanza inferiore alle cinque miglia nautiche dalla costa». Una condizione in contrasto «con la legislazione nazionale che impone, per permessi di ricerca di idrocarburi a mare, una distanza limite di dodici miglia dal perimetro esterno delle aree costiere ed una distanza limite di cinque miglia dalle linee di base delle acque territoriali lungo l’intero perimetro costiero nazionale». Una precisazione non superflua, soprattutto se l’area di sicurezza è valutata dall’azienda in cinquecento metri.

Altro elemento mancante è la valutazione dell’impatto sismico. «L’area interessata dall’istanza del permesso di ricerca risulta in prossimità di un nodo sismogenetico, cioè di un’area capace di generare terremoti, nel caso specifico aventi magnitudo maggiore o uguale a sei», spiegano gli ambientalisti. Ma nello studio, la società petrolifera avrebbe «reperito soltanto dati certi relativi agli ultimi trent’anni, un periodo di tempo praticamente insignificante per poter effettuare una qualsiasi valutazione».

All’analisi dell’impatto sull’ambiente si accosta quella sulla fauna. Al centro delle contestazioni c’è il cosiddetto air gun, un sistema che produce getti di ossigeno ad alta pressione e – sottolinea Legambiente – criticato dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale. «L’esposizione al rumore può produrre un’ampia gamma di effetti sugli organismi acquatici in generale e sui mammiferi marini in particolare», spiegano i rappresentanti dell’associazione. Tutta la fauna ittica sarebbe sottoposta a danni, dai pesci alle tartarughe. E – precisano gli ambientalisti – «nell’area antistante le coste ragusane vive una comunità stanziale di delfino comune».

Altra nota dolente è quella relativa all’impatto su un settore economico importante per la costa ragusana. «Contrariamente a quando dichiarato dalla società – denuncia il circolo ragusano – la zona risulta interessata da una pesca particolarmente attiva e l’area di istanza rientra addirittura in una zona di pesca costiera». Nella documentazione presentata al Ministero e alla Regione, la Transunion petroleum dichiara che la ricerca di idrocarburi non inciderà sui livelli di pescato. «Vari studi hanno dimostrato invece una diminuzione nella cattura di pesci, anche dopo giorni dal termine delle operazioni, oltre che una diminuita disponibilità di uova», denunciano gli attivisti. Che citano il Norvegian institute of marine research secondo cui la diminuzione si aggira anche attorno al 50 per cento.

«Insomma – concludono i membri del circolo – ci sono soddisfacenti motivazioni per dire: se le attività di ricerca, perforazione ed estrazione saranno fatte con la stessa perizia del documento presentato dalla società nell’ambito della Via, il mare di Montalbano rischia di essere sommerso da petrolio».


Dalla stessa categoria

I più letti

Il celebre commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri costretto a nuotare tra chiazze di petrolio. È l'immagine inquietante dipinta dal circolo ambientalista Il carrubo di Ragusa che elenca gli elementi non a norma presentati nella documentazione inviata dalla società Transunion petroleum al ministero dell'Ambiente e alla Regione. Sotto accusa il mancato rispetto delle distanze di sicurezza, l'integrità della fauna ittica, i livelli di pescato

Il celebre commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri costretto a nuotare tra chiazze di petrolio. È l'immagine inquietante dipinta dal circolo ambientalista Il carrubo di Ragusa che elenca gli elementi non a norma presentati nella documentazione inviata dalla società Transunion petroleum al ministero dell'Ambiente e alla Regione. Sotto accusa il mancato rispetto delle distanze di sicurezza, l'integrità della fauna ittica, i livelli di pescato

Il celebre commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri costretto a nuotare tra chiazze di petrolio. È l'immagine inquietante dipinta dal circolo ambientalista Il carrubo di Ragusa che elenca gli elementi non a norma presentati nella documentazione inviata dalla società Transunion petroleum al ministero dell'Ambiente e alla Regione. Sotto accusa il mancato rispetto delle distanze di sicurezza, l'integrità della fauna ittica, i livelli di pescato

Il celebre commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri costretto a nuotare tra chiazze di petrolio. È l'immagine inquietante dipinta dal circolo ambientalista Il carrubo di Ragusa che elenca gli elementi non a norma presentati nella documentazione inviata dalla società Transunion petroleum al ministero dell'Ambiente e alla Regione. Sotto accusa il mancato rispetto delle distanze di sicurezza, l'integrità della fauna ittica, i livelli di pescato

Il celebre commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri costretto a nuotare tra chiazze di petrolio. È l'immagine inquietante dipinta dal circolo ambientalista Il carrubo di Ragusa che elenca gli elementi non a norma presentati nella documentazione inviata dalla società Transunion petroleum al ministero dell'Ambiente e alla Regione. Sotto accusa il mancato rispetto delle distanze di sicurezza, l'integrità della fauna ittica, i livelli di pescato

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]