Ragusa, sottoscritto l’accordo per la metroferrovia «Collegherà periferie al centro, apertura nel 2022»

Aggiunto un nuovo e fondamentale tassello all’iter burocratico che porterà alla realizzazione della metropolitana di superficie a Ragusa. Un’infrastruttura molta attesa dai ragusani e che rivoluzionerà il trasporto pubblico in città. Un’idea cavalcata da diverse amministrazioni locali e avallata da altrettante legislature nazionali. Basti pensare che l’ex premier Matteo Renzi si recò proprio nella città iblea per annunciare lo sblocco dei finanziamenti. A sottoscrivere l’intesa sono stati questa mattina il presidente della Regione, Nello Musumeci, il direttore territoriale di Rete ferroviaria italiana, Michele Laganà, e il sindaco di Ragusa, Giuseppe Cassì.

«I treni devono correre e noi abbiamo dato una forte accelerata al progetto – ha detto Musumeci -. Stiamo lavorando per ridare alla Sicilia orientale e a Ragusa una mobilità più fluida». Il progetto, già finanziato dal Fondo di sviluppo e coesione con 18 milioni di euro, punta alla riqualificazione della periferia storica della città, attraverso il collegamento con la zona moderna. «È un progetto che darà una forte spinta alla mobilità del capoluogo ibleo. Dopo Messina, Ragusa sarà la seconda città che avrà un sistema metroferroviario – ha detto l’assessore regionale ai Trasporti, Marco Falcone -. Abbiamo un cronoprogramma serrato che ci consentirà di avere lo studio di fattibilità entro sette-nove mesi, il progetto esecutivo dopo altri cinque-sette e per il 2019 il cantiere sarà già attivo. L’inaugurazione dell’intera opera è già fissata per settembre 2022. La Regione a quel punto – conclude Falcone – estenderà il contratto di servizio con Trenitalia anche alla nuova infrastruttura ferroviaria».

Nel corso del tempo l’idea della metro-ferroviaria ha cambiato più volte volto, fatti questi dovuti in parte al possibile impatto con il territorio e in parte alla realizzazione in concerto con Rfi. Anche la conformazione orogeografica della città non ha aiutato, poiché i dislivelli tra la parte alta e la parte bassa del capoluogo hanno creato difficoltà nella dislocazione delle fermate che negli anni sono passati da cinque a dieci. Alla fine l’infrastruttura, lunga circa 10 chilometri, comprenderà la stazione di Cisternazzi e le fermate di Colajanni e Carmine, prima, e Ragusa Centrale e Ragusa Ibla, dopo. Previste inoltre le realizzazioni di diversi ascensori: quelli di San Paolo, di Ponte Giovanni XXIII e in prossimità del Convento di Gesù per raggiungere Piazza San Giorgio di Ibla, che serviranno per recuperare gran parte dei dislivelli che oggi penalizzano la mobilità interna al centro storico, poi ancora l’ascensore inclinato del Carmine, della funivia che connetterà la stazione di Ragusa Ibla con il quartiere omonimo, oltre al ripristino dei percorsi pedonali di connessione con San Paolo e con la Cava di Santa Domenica, che permetteranno alla ferrovia urbana – con cadenza di 30-40 minuti – di integrarsi con la città storica e insieme di connettersi con l’esistente stazione di Ragusa Centrale, con la nuova fermata Colaianni, integrabile con la stazione degli autobus extraurbani e con il nuovo grande Polo ospedaliero di Ragusa, attraverso la nuova fermata Cisternazzi.

«Siamo molto orgogliosi per il risultato raggiunto – commenta il sindaco Cassì -. Senza la firma di oggi non sarebbero potuti partire gli ultimi finanziamenti per la realizzazione dell’opera che Ragusa attende da anni. La mia amministrazione viglierà affinche tutto l’iter sia rispettato in pieno e il Comune farà la sua parte affinché quest’opera venga realizzata nei tempi previsti per dare una boccata d’ossigeno alla città e al trasporto pubblico».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]