Ragusa, saltano i tombini dopo un forte nubifragio Danni al Palaminardi, alberi spezzati e auto allagate

Le previsioni lo avevano annunciato ma quello che, poco dopo le 14, si è riversato su Ragusa è stato un autentico nubifragio. Un temporale breve, ma di forte intensità, anticipato da una violenta grandinata, ha creato il caos facendo esplodere tombini e mandando sott’acqua mezzo capoluogo ibleo.

Alberi spezzati, cartelloni divelti, auto allagate, così come scantinati e garage, altre letteralmente spostate dai tombini, saltati in aria come geyser. Totalmente allagata la parte bassa di via Archimede e la zona della Sacra Famiglia, in tilt la via Di Vittorio e corso Vittorio Veneto, tutte strade trasformate in fiumi. Decine, e ancora in corso, gli interventi dei vigili del fuoco. Il bollettino al momento parla di auto in panne, negozi allagati, qualche lucernaio distrutto dalla grandine e danni al Palaminardi, dove l’acqua ha invaso i bassi e i locali delle caldaie. Per fortuna non si hanno notizie di persone ferite e l’ora in cui tutto è successo è stata sicuramente cruciale. Un’ora prima, all’uscita degli studenti dalle scuole, e le conseguenze potevano essere decisamente peggiori. Al lavoro anche la polizia municipale, per regolamentare la viabilità, chiudere alcune arterie al traffico e agevolare il lavoro dei pompieri.

Già si cominciano a registrare i primi interventi da parte della classe politica. Il consigliere comunale del Pe di Ragusa Mario D’Asta denuncia: «Bastano poche decine di minuti di intensa pioggia per mettere in ginocchio la città di Ragusa: è ancora accettabile tutto ciò? Che cosa aspetta l’amministrazione comunale a trovare una soluzione definitiva?» Il consigliere si sofferma sui danni. «Un muro di contenimento del parcheggio Colombardo è finito su un cortile sottostante che corrisponde allo spazio di sosta di un condominio alle spalle di via Di Vittorio. Per quanto ci risulta, per fortuna, nessuno si è fatto male. Ma questo è il quadro di una situazione complicata a cui bisogna porre la parola fine».

Nessun disagio particolare, invece, a Modica, dove il sindaco Ignazio Abbate nelle scorse settimane ha effettuato un’attenta opera di pulizia di caditoie, tombini e condutture di scolo di acqua per prevenire l’imminente arrivo della stagione delle piogge. Inoltre sono stati ripuliti decine di chilometri di cigli stradali da erbacce, rifiuti e quant’altro potesse pregiudicare il corretto deflusso delle acque piovane. Nei prossimi giorni sono in programma interventi di pulizia degli alvei dei fiumi che scorrono sotto il territorio modicano. «Grazie a questa opera di prevenzione, nonostante la notevole quantità di acqua caduta, non si registrano danni né disagi – dichiara il primo cittadino -. Abbiamo fatto tesoro degli eventi alluvionali che siamo stati costretti a fronteggiare gli anni passati mettendo la prevenzione al primo posto. Purtroppo – conclude Abbate – ci dobbiamo abituare a questi cambiamenti repentini del meteo per lo più molto aggressivi, e l’unica arma che abbiamo per difenderci è proprio la prevenzione».

Problemi invece si sono registrate sulla linea ferroviaria. A darne notizia è Rfi. «Sospesa la circolazione sulla linea Gela-Modica-Siracusa, per l’erosione della massicciata fra Ragusa e Ragusa Ibla, provocata dalle abbondanti piogge che stanno interessando la zona – si legge in una nota -. Circa venti tecnici sono al lavoro per ripristinare duecento metri di massicciata. Attivo un servizio sostitutivo con bus fra le stazioni di Modica e Vittoria».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]