Ragusa, da mesi tra pozzi chiusi e siccità Dodici ecoconsigli per il risparmio idrico

«Ragusa, città che naviga sull’acqua, paradossalmente sta vivendo una pesante crisi idrica, a causa dell‘incuria nella gestione del territorio e delle falde acquifere». L’allarme di Antonino Duchi, biologo e presidente di Legambiente Ragusa, si riferisce alla situazione che, da circa un mese, stanno vivendo i cittadini del capoluogo di provincia ibleo. Una totale mancanza di acqua nelle case da quando, a fine gennaio, due pozzi sono stati chiusi perché inquinati. Un problema che si unisce a quello della siccità, dovuto alla mancanza di forti piogge da mesi, denunciato a più riprese dai contadini della stessa provincia. «Questo “disastro ambientale” può e deve essere un’occasione per cambiare radicalmente il nostro rapporto con questo bene prezioso», continua Duchi, diffondendo in una nota dei semplici consigli per il risparmio idrico, «non dimenticando di impiegare le stesse accortezze che si usano in casa anche nei locali pubblici e nei luoghi di lavoro».

La questione comincia a fine gennaio, quando due pozzi nell’alveo del fiume Irminio, che riforniscono insieme il 20 per cento della città di Ragusa, vengono dichiarati inquinati. Chiusi i due pozzi, i cittadini della zona sud rimangono senza una goccia d’acqua. Da settimane vengono riforniti dalle autobotti del Comune. Ma le cronache locali riportano puntuali disservizi e ingenti spese per le famiglie: per il rifornimento comunale, infatti, si può arrivare ad aspettare anche una settimana; nel frattempo i cittadini sono costretti ad affidarsi ai privati, pagando più di 70 euro a fornitura idrica. Un’emergenza che il commissario straordinario del Comune di Ragusa, Margherita Rizza, ha cercato di limitare con un piano che coinvolge tutta la città. Ma che ha suscitato forti critiche.

A inizio febbraio, gli adduttori della rete idrica che servono l’altra parte di Ragusa sono stati chiusi per 48 ore. L’obiettivo: far accumulare l’acqua nel serbatoio comunale e ridistribuirla nella parte della città a secco. Una scelta che, secondo il commissario ibleo, avrebbe dovuto alleviare i problemi di quella parte dei cittadini in attesa delle autobotti comunali. Ma che invece, secondo le critiche dei ragusani, non ha fatto altro che estendere il problema a tutta la città. Anche dove prima non c’era. Un piano di emergenza poco condiviso, in attesa che le analisi dell’Asp dichiarino la possibilità di riaprire i pozzi nell’alveo dell’Irminio. In questi giorni è caccia al protozoo Cryptosporidium, il pericoloso parassita intestinale che minaccia e preoccupa i ragusani.

La situazione dei pozzi va ad aggravare una situazione idrica già emergenziale per la provincia iblea. Da mesi, infatti, gli agricoltori della zona denunciano le difficoltà del settore a causa delle scarse piogge. E chiedono alle istituzioni di dichiarare lo stato di calamità naturale. «Urgono 450 millimetri di pioggia mancanti all’appello!», scriveva ancora fino a qualche giorno fa l’agronomo Corrado Vigo su Twitter. Le cui previsioni future non sono affatto positive: «L’inverno e le sue temperature rigide permangono – scrive sul suo blog – Piccoli acquazzoni non ripristineranno il maltolto, ovvero quella quantità di acqua che avrebbe evitato di gridare “aiuto”, una richiesta inascoltata! La prossima estate ci sarà da ridere…».

Da Legambiente Ragusa, intanto, si augurano che il momento di difficoltà che stanno vivendo i cittadini ragusani diventi «un’occasione per cambiare radicalmente il nostro rapporto con questo bene prezioso», l’acqua. E diffondono semplici e non nuovi, ma sempre validi e poco conosciuti, ecoconsigli per il risparmio idrico (e del portafoglio):

  1. Controllare di tanto in tanto il contatore a rubinetti chiusi. Una differenza anche minima significa che c’è una perdita nella rete interna.
  2. Assicurarsi che i rubinetti non abbiano perdite e chiudere bene quelli che gocciolano: un rubinetto che gocciola può produrre uno spreco annuo che va da 4.000 a 5.000 litri d’acqua.
  3. Verificare il corretto funzionamento dello sciacquone del bagno poiché è responsabile del 30% dei consumi domestici dell’acqua. E’ opportuno scegliere gli scarichi diretti a leva regolabili (consumano 3 volte meno rispetto a quelli a pulsante facendo risparmiare oltre 20.000 litri d’acqua all’anno).
  4. Non fare scorrere inutilmente l’acqua quando ci si lava ed evitare i getti d’acqua troppo forti. Se si lavano i piatti a mano, evitare di lasciare il rubinetto dell’acqua aperto mentre s’insaponano le stoviglie e riservare l’uso dell’acqua corrente al momento del risciacquo.
  5. Munire di frangigetto i rubinetti del bagno: il getto risulta arricchito d’aria, consentendo di risparmiare il 40% dell’acqua erogata.
  6. Utilizzare lavatrici e lavastoviglie sempre a pieno carico, si potranno risparmiare 10.000 litri d’acqua all’anno, ed evitare le ore di punta per l’utilizzo di elettrodomestici.
  7. Per l’igiene personale è consigliabile fare la doccia piuttosto che il bagno: i 150 litri della vasca diventano solo 30 per la doccia.
  8. Usare l’acqua con cui si lava verdura e frutta per innaffiare le piante, fornendo così anche un apporto di sali minerali. L’acqua di cottura della pasta è ottima per lavare i piatti.
  9. Lavare l’auto usando l’acqua contenuta in un secchio e non quella corrente: si possono risparmiare fino a 130 litri d’acqua.
  10. Sensibilizzare l’amministrazione condominiale al controllo del consumo dell’acqua e delle perdite occulte.
  11. Limitare, per quanto possibile, l’irrigazione dei giardini innaffiandoli preferibilmente al mattino e dopo il tramonto, in modo da evitare l’evaporazione d’acqua che avverrebbe nelle ore più calde della giornata.
  12. Ridurre il consumo di carne, soprattutto rossa, e preferire una dieta a basso impatto idrico come quella mediterranea.

[Foto di L’Orso Sul Monociclo]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Nel capoluogo di provincia ibleo manca l'acqua. Quella piovana, che non scende a sufficienza e ha messo in ginocchio gli agricoltori della zona. Ma anche quella potabile, che non arriva più nelle case dopo la chiusura di due pozzi per inquinamento. Costringendo i cittadini ad attendere i rifornimenti comunali o a rivolgersi ai privati. Un'emergenza che, per l'associazione ambientalista, può diventare «un'occasione per cambiare radicalmente il nostro rapporto con questo bene prezioso»: sprecando meno e risparmiando (acqua e soldi)

Nel capoluogo di provincia ibleo manca l'acqua. Quella piovana, che non scende a sufficienza e ha messo in ginocchio gli agricoltori della zona. Ma anche quella potabile, che non arriva più nelle case dopo la chiusura di due pozzi per inquinamento. Costringendo i cittadini ad attendere i rifornimenti comunali o a rivolgersi ai privati. Un'emergenza che, per l'associazione ambientalista, può diventare «un'occasione per cambiare radicalmente il nostro rapporto con questo bene prezioso»: sprecando meno e risparmiando (acqua e soldi)

Nel capoluogo di provincia ibleo manca l'acqua. Quella piovana, che non scende a sufficienza e ha messo in ginocchio gli agricoltori della zona. Ma anche quella potabile, che non arriva più nelle case dopo la chiusura di due pozzi per inquinamento. Costringendo i cittadini ad attendere i rifornimenti comunali o a rivolgersi ai privati. Un'emergenza che, per l'associazione ambientalista, può diventare «un'occasione per cambiare radicalmente il nostro rapporto con questo bene prezioso»: sprecando meno e risparmiando (acqua e soldi)

Nel capoluogo di provincia ibleo manca l'acqua. Quella piovana, che non scende a sufficienza e ha messo in ginocchio gli agricoltori della zona. Ma anche quella potabile, che non arriva più nelle case dopo la chiusura di due pozzi per inquinamento. Costringendo i cittadini ad attendere i rifornimenti comunali o a rivolgersi ai privati. Un'emergenza che, per l'associazione ambientalista, può diventare «un'occasione per cambiare radicalmente il nostro rapporto con questo bene prezioso»: sprecando meno e risparmiando (acqua e soldi)

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]