Punta Izzo, procura indaga sulla riattivazione poligono Attivisti: «Messa in sicurezza serviva a Marina militare»

La procura di Siracusa ha aperto un’indagine sulla vicenda della riattivazione del poligono di tiro di Punta Izzo e ha acquisito dalla Soprintendenza la documentazione relativa al progetto. Sono queste le ultime importanti novità relative al tratto della costa augustana che, da più di un secolo, è soggetto a vincolo militare e che, fino ai primi anni Novanta, è stato utilizzato come area per le esercitazioni della Marina e delle altre forze armate italiane e della Nato. Oggi, il poligono di Punta Izzo risulta inattivo ma ciò nonostante l’intero promontorio continua a essere negato alla comunità. Il sito non è mai stato bonificato né messo in sicurezza.

Un’altra novità riguarda l’ammissione da parte della Soprintendenza del fatto che i «lavori di messa in sicurezza», che avevano previsto la chiusura degli accessi principali e la realizzazione di una recinzione, erano parte integrante del progetto di demolizione e ricostruzione del poligono. Infatti, in una nota trasmessa dall’ente agli attivisti, che avevano presentato un esposto a ottobre, si dice che i lavori sono stati autorizzati con una nota del luglio del 2013. La stessa con la quale è stato dato il via il progetto di riattivazione, precedentemente approvato dal comitato misto paritetico della Regione. «L’esecuzione delle opere di messa in sicurezza – commenta a MeridioNews l’attivista del coordinamento Punta Izzo Possibile, Gianmarco Catalano attesterebbe l’avvio dei lavori di realizzazione del progetto della Marina militare. Tale circostanza, tenuto conto dell’eventualità che gli interventi proseguano e vengano portati a compimento, rischia di aggravare le conseguenze già dannose dovute alla messa in sicurezza, a causa della alterazione dei luoghi che ne è derivata, in aperta violazione dei vincoli paesaggistici apposti nell’area».La riattivazione del poligono si era fatta concreta già con la conferma del ministero della Difesa che parlava di «demolizione e ricostruzione per le forze armate con il rifacimento della strada di accesso e la realizzazione del piazzale antistante». Con la Soprintendenza aveva dato, appunto, la necessaria autorizzazione paesaggistica. «Questo significa – continua Catalano – che, come avevamo sospettato dal primo momento, con quelle opere era già cominciata la realizzazione del progetto di riattivazione».

Adesso c’è un’istanza con cui la Regione chiede alla Soprintendenza di fare le proprie controdeduzioni, prima di pronunciarsi nel merito per decidere se annullare o meno l’autorizzazione paesaggistica. Intanto, il Responsabile per la Trasparenza della Regione Siciliana dà ragione alla Soprintendenza, confermando il diniego per la richiesta di accesso civico fatta da Catalano, ribadendo il segreto militare sul progetto preliminare di demolizione e ricostruzione del poligono. 

A metà dicembre, Marisicilia aveva sinteticamente spiegato che le indagini georadar, cioè i test sul sottosuolo svolti attraverso uno strumento che immette onde elettromagnetiche nel terreno per rilevare eventuali anomalie, affidate nel settembre del 2017 alla ditta Gis design, erano soltanto funzionali alla verifica dello stato ambientale dell’area.

In realtà qualche settimana fa si è appreso che quelle indagini erano invece finalizzate alla rilevazione di eventuali tubazioni nel sottosuolo dell’area del poligono. Dall’esame ne sarebbero emerse due nell’area interessata. Stando agli atti, sembra che tali indagini non si possano riferire ad attività generiche di rilevazione dello stato ambientale o di bonifica. «Sembra piuttosto un’indagine propedeutica a successivi lavori da svolgere – afferma Catalano – a differenza di quanto affermato precedentemente da Marisicilia. Adesso – conclude l’attivista – chiediamo alla Soprintendenza e alla Marina militare se anche queste azioni siano comprese nel progetto complessivo di riattivazione del poligono di tiro». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]