Un protocollo per valorizzare le vie Francigene Da Palermo uno sprone per il turismo religioso

Un complesso sistema viario che era un percorso da attraversare per dirigersi verso i luoghi santi, come Roma, Gerusalemme, Santiago de Compostela: anche in Sicilia ci sono tracce delle vie Francigene – snodo centrale delle grandi vie della fede – e oggi a Palermo, a Palazzo delle Aquile, sono stati firmati due protocolli di intesa per valorizzarli: il primo interessa i Comuni di Palermo e Castronovo di Sicilia per la via Francigena che collega Palermo ad Agrigento, l’altro il Comune di Palermo e l’associazione Cammini Francigeni per la promozione del cammino che collega Palermo a Messina, passando per le Madonie. Sono in tutto 160 i chilometri che collegano la «Balarm araba alla rocca di Agrigentum, attraverso antiche vie storiche e paesaggi dal sapore ancestrale, articolate in circa otto tappe comode da circa 20 km in media», spiega Davide Comunale, presidente dell’associazione Cammini Francigeni. «Il cammino è già attivo, contiamo di inaugurare entro la primavera la via Francigena che collega Palermo ad Agrigento – continua – in tutto sono 13 i Comuni e quattro le diocesi coinvolte, da Palermo, Monreale, Agrigento, Piana degli Albanesi».

L’Associazione «Amici dei Cammini Francigeni di Sicilia» , presieduta da Comunale, di professione archeologo, è nata nel 2009 con l’intento di studiare a rendere percorribile il sistema di sentieri e trazzere della regione. «Il nostro motto è ‘Mettici Manu…sempre‘ – spiega – Si tratta di investire sulla mobilità e su un’idea di turismo sostenibile, non a caso a Castronovo di Sicilia partirà in via sperimentale l’ospitalità diffusa, un modo per supplire alla carenza di strutture private e ridare impulso al territorio, dato che ci sono Paesi che rischiano di spopolarsi. Dove invece queste strutture sono presenti abbiamo sortito l’effetto di calmierare i prezzi dei bed and breakfast esistenti».

Le prenotazioni arrivano da tutta Italia «l’anno scorso sono state 82 le persone che hanno percorso le vie Francigene in Sicilia, ad oggi sono già 48 le richieste». Alla cerimonia di firma sono intervenuti, tra gli altri, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e quello di Castronovo di Sicilia, Francesco Giuseppe Onorato. «La Sicilia non ha una narrazione regionale delle sue bellezze – ha detto il Orlando nel corso dell’incontro – la Sicilia ha nove siti Unesco, ma manca una comunicazione, non ci sono viaggi organizzati a tema su questo. È fondamentale mettersi in rete. Grazie all’itinerario arabo normanno siamo l’unico sito che è riuscito a livello regionale a dare informazioni in questo senso». A breve partirà anche un sito e un’App per dare informazioni dettagliate sulla via Francigena che collega Palermo ad Agrigento. Al centro dei cammini delle vie Francigene siciliane le testimonianze storiche e i i documenti rintracciabili negli archivi, ad esempio, «la via che da Agrigento risale verso Palermo è citata in un documento del 1098, redatto dalla cancelleria sveva a copia di un precedente atto notarile, come Magna Via Francigena in latino».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]