Procura oscura blog di Messina L’Odg esprime «forte preoccupazione»

L’Ordine dei giornalisti di Sicilia esprime in una nota «forte preoccupazione» per l’oscuramento del blog del collega Michele Schinella, deciso dalla Procura di Messina dopo la presentazione di una querela per diffamazione da parte del sindaco di un Comune del Messinese. 

«La decisione -prosegue il comunicato dell’Ordine- del tutto priva di motivazione, è stata poi revocata a seguito della mancata convalida da parte del Gip: cosa che rafforza le preoccupazioni dell’Ordine, per l’adozione di una sorta di censura del tutto priva di ragioni e di fondamenti logici e giuridici». 

L’Ordine manifesta solidarietà a Schinella, e «ritiene che vi sia stata una chiara violazione della libertà di stampa e dei principi salvaguardati dall’articolo 21 della Costituzione e dalla legislazione vigente». 

Sono stati chiesti chiarimenti, nell’ottica della collaborazione istituzionale, al procuratore di Messina, Guido Lo Forte.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo