Processo Scirè, in aula le dichiarazioni dei testimoni Nel 2011 concorso contestato, commissari alla sbarra

«Mi sento io l’imputato». Seppur con educazione e con un mezzo sorriso, Giambattista Scirè segnala il proprio disagio al collegio giudicante. È in corso una delle prime udienze del processo penale che riguarda la selezione pubblica effettuata nel dicembre 2011 dall’università etnea per un incarico triennale da ricercatore in Storia contemporanea. E il fuoco di fila degli avvocati degli imputati, che lo interrogano, è difficile da gestire. Alla sbarra, con l’accusa di abuso d’ufficio in concorso, ci sono i componenti della commissione esaminatrice. Sono i professori Simone Neri Serneri, dell’università di Siena, Luigi Masella, dell’ateneo di Bari, e Alessandra Staderini, dell’università di Firenze. Scirè giunse secondo a quella selezione, per poco meno di tre punti, in favore di Melania Nucifora, ricercatrice con una laurea in Architettura. Un titolo che il Tar ha già definito «inidoneo». 

Lo storico vittoriese ha condotto una lunga battaglia in giro per i tribunali amministrativi. Adesso è il momento di «discuterne» alla terza sezione penale di piazza Verga. Dove Scirè è stato ascoltato lungamente dalla pm, dai legali degli imputati e dal collegio giudicante. «Il fatto di essere arrivato secondo al concorso – spiega in aula – mi ha spinto a effettuare un accesso agli atti. Sono rimasto molto sorpreso quando ho scoperto che il curriculum della candidata vincente non aveva niente a che fare con il concorso». E proprio i titoli di Melania Nucifora sono il punto centrale del processo. Nel 2011, la ricercatrice non aveva conseguito il dottorato di ricerca. Una circostanza che secondo gli storici Salvatore Lupo e Luciano Granozzi sarebbe inusuale. I due docenti sono stati sentiti come testimoni in virtù di alcune comunicazioni, via posta elettronica, che erano intercorse tra loro e Scirè dopo lo svolgimento della selezione. 

Un secondo punto nodale è il rapporto tra Melania Nucifora e l’imputato Simone Neri Serneri, storico di fama dell’università di Siena. I due hanno partecipato insieme a un convegno nel 2005, organizzato da un’associazione di settore di cui fanno parte entrambi. Due anni dopo un saggio di Nucifora appare in un volume curato da Neri Serneri. Dall’esame dei testimoni, compreso il maresciallo dei carabinieri che effettuò una parte delle indagini, non sono emersi al momento collegamenti diversi, per l’appunto, da appuntamenti di approfondimento, pubblicazioni e partecipazione comune ad associazioni specialistiche. 

La testimonianza di Salvatore Lupo contribuisce a definire quali siano «i confini della Storia contemporanea». Su precise richieste della giudice e della difesa, l’esperto di Storia della mafia ha espresso forti perplessità – per quanto personali – sul fatto che un’architetta, per quanto preparata, possa gestire un incarico di quella disciplina. Granozzi, invece, ricorda di non aver apprezzato la nomina di una commissione esaminatrice composta soltanto da membri «esterni», priva dunque di un rappresentante se non della facoltà che ha bandito il concorso, quantomeno dell’Ateneo catanese. «Non dobbiamo dimenticare – dichiara – in quel concorso non c’erano soltanto Nucifora e Scirè, ma anche molti altri giovani studiosi solidi e preparati». La prossima udienza si terrà il 25 settembre. Servirà ad ascoltare un altro testimone, Giuseppe Carlo Marino, docente di Storia contemporanea all’università di Palermo. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]