Processo Open Arms, Conte: «Avevo chiesto a Salvini di fare sbarcare i minori»

«Non ricordo di avere mai sentito parlare della presenza di terroristi a bordo della Open Arms». Lo ha detto l’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, oggi leader del Movimento 5 stelle, durante la sua deposizione nel corso dell’udienza del processo all’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini. Imputato a Palermo per sequestro di persona e rifiuto di atti d’ufficio. Secondo l’accusa, nell’agosto del 2019, Salvini avrebbe illegittimamente negato alla nave della ong con a bordo 147 profughi salvati in mare di approdare a Lampedusa. Altrettanto illegittimamente avrebbe tenuto a bordo i migranti privandoli della libertà personale. «Non ricordo neppure – ha aggiunto Conte – che qualcuno mi abbia parlato di possibili accordi tra la Open Arms e gli scafisti alla guida dei barconi soccorsi». Nell’udienza di oggi è atteso anche l’ex ministro Luigi Di Maio.

La richiesta dello sbarco dei minori

Entrando nello specifico della questione, all’interno dell’aula bunker dell’Ucciardone di Palermo, Conte ha raccontato di avere «sollecitato il ministro Salvini a fare sbarcare i minori a bordo della Open Arms. Cercai di esercitare una moral suasion sulla questione perché mi pareva che la decisione di trattenerli a bordo non avesse alcun fondamento giuridico», ha sottolineato l’ex presidente del Consiglio rispondendo alle domande della procuratrice aggiunta Marzia Sabella sulla lettera inviata il 14 agosto a Salvini in cui chiedeva di fare sbarcare i minori. A questa era poi seguita una lettera aperta di Conte al leader della Lega per lamentare la diffusione non fedele del contenuto della prima missiva.

«Il porto sicuro non era una condizione»

«Non ho mai detto che la condizione per autorizzare lo sbarco dei migranti dovesse essere la loro redistribuzione preventiva», ha dichiarato l’ex premier Conte rispondendo a una domanda dell’avvocata Giulia Bongiorno, legale dell’imputato Matteo Salvini. «È evidente che ottenere la solidarietà europea e un riscontro su distribuzione e poi arrivare allo sbarco sarebbe stata la situazione ottimale – ha aggiunto il teste – ma non ho mai sostenuto che se nn c’era la redistribuzione, non si poteva concedere il porto sicuro». Continuando la propria deposizione nell’aula bunker, Conte ha affermato che «comunque, in una lettera del 16 agosto rassicuravo Salvini di avere ottenuto la redistribuzione dei profughi soccorsi dalla ong da ben sei Paesi». Una dichiarazione contestata dall’avvocata Bongiorno che ha puntualizzato il fatto che «nella lettera inviata al titolare del Viminale non si dice mai di fare sbarcare tutti». Una contestazione a cui Conte ha risposto che «lo sbarco era una decisione del Viminale. Invitai Salvini ad abbandonare rispetto ai minori una posizione difficilmente sostenibile». L’ex presidente del Consiglio ha anche sostenuto di non avere mai saputo che il comandante della Open Arms fosse indagato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Gli “sforzi congiunti”

Il leader del M5s ha raccontato anche che all’epoca in cui era presidente del Consiglio avrebbe «costretto i leader europei ad affrontare il tema dei flussi migratori, minacciando che non saremmo andati avanti se non avessimo concordato che la gestione dei flussi non poteva essere affidata ai Paesi di primo approdo». Stando a quanto riportato da Conte, nel corso di quell’incontro «ci fu un litigio con i leader di Francia e Germania. Restammo tutta la notte a parlarne finché non ottenni la formula degli “sforzi congiunti”». Un timido passo avanti dell’Europa nella gestione del fenomeno migratorio. Conte ha pure ricordato il proprio impegno sul tema: «Nel primo vertice europeo del giugno 2018 presentai un documento con dieci obiettivi che voleva affrontare il tema complessivamente. E c’era un passaggio centrale sulla redistribuzione come momento di organica politica per la gestione e la regolazione dei flussi a livello europeo».

Salvini: «Rischio 15 anni per avere difeso l’Italia»

«Oggi sono per l’ennesima volta a Palermo, nell’aula bunker dell’Ucciardone famosa per i maxiprocessi contro i mafiosi, per il processo Open Arms. Rischio fino a 15 anni di carcere per avere difeso l’Italia e i suoi confini, salvando vite e facendo rispettare la legge. Vi abbraccio e vi aggiorno». Sono queste le parole del leader della Lega Matteo Salvini nel post pubblicato su Facebook questa mattina.

Open Arms: «Noi salviamo vite»

«Sono sette anni che le ong del mare vengono indagate, diffamate, ostacolate, bloccate, eppure finora l’unico indagato è l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini. Siamo a Palermo per il processo a suo carico, testimoni Conte, Di Maio, Lamorgese. La verità è una: noi salviamo vite». Così l’ong spagnola Open Arms.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«Non ricordo di avere mai sentito parlare della presenza di terroristi a bordo della Open Arms». Lo ha detto l’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, oggi leader del Movimento 5 stelle, durante la sua deposizione nel corso dell’udienza del processo all’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini. Imputato a Palermo per sequestro di persona e rifiuto di atti d’ufficio. […]

«Non ricordo di avere mai sentito parlare della presenza di terroristi a bordo della Open Arms». Lo ha detto l’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, oggi leader del Movimento 5 stelle, durante la sua deposizione nel corso dell’udienza del processo all’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini. Imputato a Palermo per sequestro di persona e rifiuto di atti d’ufficio. […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]