Sanità in Sicilia, un lettore risponde al deputato Laccoto: «Troppo spesso le prestazioni sembrano un favore»

Dopo la pubblicazione della nostra intervista al deputato regionale Pippo Laccoto, presidente della commissione Ars Salute, Servizi sociali e sanitari sulle necessità del settore sanitario in Sicilia, un lettore ci invia il suo contributo alla discussione.
Ho letto e ascoltato con interesse l’intervista, mi permetto di fare alcune osservazioni dal momento che dal 1979 abito tra Padova, Bologna e Bergamo. E ho sperimentato in prima persona il ricovero in Terapia intensiva per una polmonite da Covid. Ascoltando alcuni medici che vengono a specializzarsi qui, ma soprattutto tanti sanitari siciliani che a diverso livello occupano posizioni apicali anche nelle migliori strutture sanitarie del Veneto, dell’Emilia Romagna e della Lombardia, mi convinco sempre di più che in Sicilia alla base di tutti i mali ci sia una pessima organizzazione e un’etica comportamentale del personale sanitario che invece di svolgere un servizio appare come un soggetto di potere che concede una cortesia, un favore, al paziente. Qui, se ho un rilievo da fare, in meno di una giornata la direttrice sanitaria dell’ospedale mi risponde via email, cosa che non accade in Sicilia dove nemmeno gli uffici tecnici rispondono agli accessi agli atti. Qui, dopo averti risposto per email lo stesso giorno della richiesta, ti chiamano per ritirare la documentazione o la inviano via email.

Oltre a ciò ritengo che la società siciliana debba prepararsi alle nuove esigenze dovute all’incremento significativo della fascia degli anziani, soggetti molto deboli e spesso abbandonati dalla medicina di quartiere. È fuor di dubbio che qualcosa non funziona se molti siciliani devono spostarsi al Nord per cure specialistiche importanti con un aggravio delle casse della Regione per i trasferimenti dei costi delle prestazioni. Qui la sanità privata sta facendo passi da gigante anche se, come è ovvio, gestisce le prestazioni più remunerate lasciando al pubblico quelle meno convenienti. E inoltre molti giovani neolaureati o comunque con un minimo di specializzazione o prestazioni professionali esercitate temporaneamente in Italia in condizioni di vero e proprio sfruttamento, sempre più spesso vanno a lavorare stabilmente in altri Paesi dove vengono pagati molto bene. Ma questo è un problema generale dell’Italia, che si sta impoverendo in termini di figure professionali qualificate: qui anche i figli degli immigrati, quando terminano le scuole superiori o conseguono la laurea, vanno via e trovano subito un lavoro ben retribuito all’estero.

Tornando al settore sanitario, si sente già anche qui la carenza di medici di base e di personale nel pronto soccorso dove una volta i giovani facevano la loro prima esperienza. È un problema che l’Italia deve affrontare ma, sino a quando i livelli retributivi non si adegueranno agli standard europei, la decadenza di questo Paese continuerà ancora: non solo nel campo delle professioni ma anche nei settori produttivi, dove già manca più del 25 per cento di manodopera comune e specializzata. E chi approda sulle coste italiane lo fa per andare in altri Paesi europei, perché già prima di partire sa che l’Italia è di passaggio e che altrove si vive meglio, dove si trovano parenti e amici che potranno aiutarli. Così sempre meno è la forza lavoro che paga i contributi e sempre più alto è il numero dei pensionati. In Sicilia non si sa da dove cominciare per sistemare le cose e io la mia vita l’ho già in buona parte consumata. Altre generazioni ci penseranno.

Enzo Victorio Bellia


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dopo la pubblicazione della nostra intervista al deputato regionale Pippo Laccoto, presidente della commissione Ars Salute, Servizi sociali e sanitari sulle necessità del settore sanitario in Sicilia, un lettore ci invia il suo contributo alla discussione.Ho letto e ascoltato con interesse l’intervista, mi permetto di fare alcune osservazioni dal momento che dal 1979 abito tra […]

Dopo la pubblicazione della nostra intervista al deputato regionale Pippo Laccoto, presidente della commissione Ars Salute, Servizi sociali e sanitari sulle necessità del settore sanitario in Sicilia, un lettore ci invia il suo contributo alla discussione.Ho letto e ascoltato con interesse l’intervista, mi permetto di fare alcune osservazioni dal momento che dal 1979 abito tra […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]