Ponte sullo Stretto, rimpianti della Camera di commercio Prof Limosani: «Zero investimenti, di solo turismo si muore»

Se aliscafi e navi traghetto possono tranquillamente risolvere il problema della mobilità nello Stretto, è il Ponte «l’unico rimedio per risollevare le sorti economiche di Messina» e, soprattutto, «l’unico strumento per candidare la Sicilia a piattaforma logistica del Mediterraneo». A sollevare la questione è stato, l’altro ieri, durante la tredicesima giornata dell’economia, il segretario generale della Camera di commercio peloritana, Alfio Pagliaro. A riprenderla, oggi, è Michele Limosani, prorettore e docente di Economia politica dell’Università di Messina, oltre che componente del tavolo ministeriale sulla mobilità nello Stretto. E convinto sostenitore del Ponte sullo Stretto. 

L’analisi di Pagliaro, che ricopre il ruolo anche nell’ente camerale di Catania, è basata sulle risultanze dei dati emersi dal registro delle imprese al 31 dicembre 2014. Da un lato occorre fare i conti con le dimensioni delle 60.275 imprese registrate, di cui 45.983 attive: «Nel 91,8 per cento dei casi si tratta di micro imprese. Le piccole sono il 6,1 per cento, quelle medie l’1,5, mentre le grandi sono appena lo 0,1 per cento, da 50 a 70 in tutto. La loro esiguità implica la mancanza di soggetti capaci di creare ricchezza. Si preferisce aprire in altre aree economiche. È il caso del Gruppo Franza che ha chiuso qui per aprire a Catania una nuova linea dell’autostrada del mare, con un porto del nord».

L’economia messinese è «chiusa, stagnante», secondo il tecnico. Non attrae investimenti e necessita di una «frustata». Da qui la proposta di puntare sul turismo, con un «programma quinquennale o decennale di investimenti, da parte delle istituzioni, per la valorizzazione del territorio», e sul Ponte: «Al momento, la vedo come l’unica opera capace, negli anni, di fare arrivare miliardi di euro, di portare lavoro e far crescere l’indotto». Anche perché il 34,44 per cento delle aziende opera nel commercio: «Pertanto l’economia si regge solo su un mercato interno». Seguono costruzioni (15,08 per cento), agricoltura (12,84) e attività produttive (8,66). «Il turismo è al 7,5, a Catania non arrivano al 5». Che il quadro sia «desolante» lo conferma il commissario della Camera di commercio, Franco De Francesco, dati sull’occupazione alla mano: «L’Inps, nel primo trimestre 2015, evidenzia una riduzione del 3,5 per cento, che arriva al 5 nel caso dei soli lavoratori dipendenti».

A fornire un ulteriore elemento di riflessione è Limosani: «Fino a quattro, cinque anni fa, nello Stretto erano previsti investimenti fino a 10 miliardi di euro. Oggi nella programmazione abbiamo zero. Si trattava di collegamenti ferroviari, portuali, metropolitani connessi al Ponte. Senza di esso è impossibile pensare a investimenti importanti. Avrebbe costituito un prezioso moltiplicatore. È una perdita secca». Recentemente, il tavolo ministeriale ha lavorato a un’ipotesi di sviluppo dei collegamenti tra le due sponde dello Stretto: «È un lavoro alternativo al Ponte, che risolve un problema locale, permettendo di transitare senza creare problemi ambientali. Ma solo grazie al Ponte la Sicilia si sarebbe potuta candidare a piattaforma logistica del Mediterraneo, rendendo competitivo tutto il Mezzogiorno».

Il docente vede la storia ripetersi: «Già nel corso della rivoluzione commerciale, intorno al 1100, le repubbliche marinare di Genova e Venezia fecero fuori quelle di Pisa e Amalfi. Ai giorni nostri, noi ci siamo tirati fuori e ci rifiutiamo di aiutare Gioia Tauro, che vediamo come un nemico a causa della nostra miopia». Secondo il prorettore, «non si può vivere solo di turismo, non siamo le isole Eolie. Di turismo – sentenzia – moriamo disoccupati. Continuando così – conclude, snocciolando alcune proiezioni – nei prossimi dieci anni, la popolazione della città di Messina scenderà a 200mila abitanti. Il flusso emigratorio coinvolgerà intere famiglie. Si avranno una riduzione della produzione del 15 – 20 per cento e una fortissima cura dimagrante nei settori pubblici. Non potremo assicurare quel che abbiamo garantito per 40 anni. Diventeremo una città micropolitana, con tutto quel che ne consegue. La scelta è fra l’accompagnare questo processo o il diventare davvero una realtà metropolitana».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

L'ente camerale di Messina fornisce i dati di un'economia stagnante e individua nella grande opera «l'unico rimedio per risollevare le sorti della città». Tesi che il prorettore dell'ateneo peloritano sposa: «Solo grazie al Ponte la Sicilia sarebbe potuta diventare una piattaforma logistica del Mediterraneo, rendendo competitivo tutto il Mezzogiorno»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]