«Più verde nel piano regolatore» Sindaco e istituzioni varano il green plan

«Un gruppo di studio composto da professionisti volontari per il nuovo piano regolatore», che si occuperà di elaborare per Catania delle soluzioni urbanistiche in linea con la filosofica green city. Ovvero, l’uso della compensazione ecologica preventiva. Questo il concetto di fondo del Catania Green plan, incontro di idee per la città verde tenutosi al Maas, il mercato agroalimentare, all’interno della fiera Miflorplantarum. Alla presenza del sindaco di Catania Raffaele Stancanelli, degli ordini professionali e di alcune associazioni di categoria, Vera Greco, sovrintendente per i beni culturali, ha illustrato i contenuti di un protocollo basato su un decalogo con dei principi per una città ecosostenibile e con al centro la cura del paesaggio e «l’inserimento di nuove piante per dare ossigeno alla città, calcolando il fabbisogno in base al numero di auto». Un decalogo che tutti i presenti si sono detti ben disponibili a firmare, aderendo a quello che può definirsi un esempio di «urbanistica partecipata». Ma come si inserisce il discorso green city all’interno del nuovo piano regolatore?

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=QkBzeLuXUwI[/youtube]

Secondo il professore Paolo La Greca, direttore del dipartimento di urbanistica della facoltà di ingegneria di Catania e consulente per l’elaborazione del nuovo piano regolatore, la «bozza presentata a dicembre in consiglio comunale contiene già degli elementi in questa direzione», citando le ampie aree verdi e ancora una volta l’uso della perequazione quale metodo virtuoso per la creazione di nuove aree. Aree di cui c’è un gran bisogno, a sentire il sindaco Stancanelli, che dichiara che «Catania ha al momento meno del 50 per cento delle aree destinate a servizi rispetto a quanto previsto dagli standard». Un modello di città che, almeno in questa fase teorica, dovrebbe somigliare a quanto fatto a Reggio Emilia, uno dei pochi esempi in Italia di green city. A parlarne il professor Federico Oliva, presidente dell’Istituto nazionale di urbanistica, che ha fatto un quadro su quanto in questi anni si sia progettato, ma poco realizzato in termini pratici, con la filosofia green. Come a Roma, dove l’ultimo piano regolatore orientato alla diminuzione delle emissioni nocive non è stato realizzato per il «cambio della giunta, facendo perdere un’opera importante solo per motivi politici», un’abitudine diffusa in Italia, sostiene Oliva. Il piano, dice il professore Oliva, prevedeva una «robusta cura del ferro», a sottolineare l’ampio uso delle linee ferroviarie anche per i trasporti urbani.

«Spero che non siano solo chiacchere» ci dice Antonio Presti, fondatore di Fiumara d’Arte e filantropo impegnato nel rilancio dell’immagine del quartiere Librino. Presti ci confida che, dopo dieci anni dal suo arrivo, se avesse lanciato «un messaggio semplice di condivisione della bellezza di un semplice fiore, oggi Librino sarebbe un giardino». E propositivo invece il neo presidente Ance Nicola Colombrita, che sottolinea come «sia strano che una associazione di costruttori stia in una conferenza dove non si parla di costruire niente di nuovo, ma solo di ristrutturare». Secondo Colombrita però c’è certamente bisogno di nuove piante per dare ossigeno alla città, ma il problema mobilità è da risolvere il prima possibile, riducendo «le decine di migliaia di auto in ingresso ogni giorno».

Quando arriverà il nuovo piano regolatore in consiglio comunale? Il sindaco Stancanelli dice «entro fine marzo», appuntamento che dovrà essere confermato dall’arrivo della Valutazione ambientale strategica, documento rilasciato dalla regione Sicilia. Se non dovesse arrivare entro febbraio, l’iter per il nuovo piano regolatore potrebbe bloccarsi ancora per lungo tempo.

[foto di Francesco Cambria]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Comune, università, ordini professionali, associazioni di categoria. Tutti riuniti per un protocollo di «princìpi per la città verde», che prevede un gruppo volontario, e non retribuito, di consulenti per il nuovo piano, formato da professionisti dell'urbanistica e della progettazione del paesaggio. Tutti al servizio di un piano che è noto, anche agli esperti, solo nelle sue linee generali

Comune, università, ordini professionali, associazioni di categoria. Tutti riuniti per un protocollo di «princìpi per la città verde», che prevede un gruppo volontario, e non retribuito, di consulenti per il nuovo piano, formato da professionisti dell'urbanistica e della progettazione del paesaggio. Tutti al servizio di un piano che è noto, anche agli esperti, solo nelle sue linee generali

Comune, università, ordini professionali, associazioni di categoria. Tutti riuniti per un protocollo di «princìpi per la città verde», che prevede un gruppo volontario, e non retribuito, di consulenti per il nuovo piano, formato da professionisti dell'urbanistica e della progettazione del paesaggio. Tutti al servizio di un piano che è noto, anche agli esperti, solo nelle sue linee generali

Comune, università, ordini professionali, associazioni di categoria. Tutti riuniti per un protocollo di «princìpi per la città verde», che prevede un gruppo volontario, e non retribuito, di consulenti per il nuovo piano, formato da professionisti dell'urbanistica e della progettazione del paesaggio. Tutti al servizio di un piano che è noto, anche agli esperti, solo nelle sue linee generali

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]