Pista ciclabile, 300mila euro per il lungomare Viale Kennedy resta fuori dallo stanziamento

Polemiche sulla realizzazione della futura pista ciclabile del capoluogo etneo. A generarle un recente provvedimento dirigenziale dell’ufficio Traffico urbano del Comune di Catania che decide l’investimento di 300mila euro per la messa in sicurezza del circuito ciclistico ancora da completare. Per la cui realizzazione sono già stati appaltati circa 196mila euro e il cui tratto si estende in due direzioni a partire dal porto etneo: uno fino al Lungomare mentre l’altro copre una parte di viale Kennedy, lungo la Playa. «Ci siamo resi conto che i soldi stanziati prima dell’inizio dei lavori non permettono un cordolo continuativo, indispensabile per le piste bidirezionali come quella che stiamo per realizzare», si giustifica l’assessore alla Viabilità Rosario D’Agata. «È una questione di sicurezza, non certo un capriccio», precisa. Un intervento di sistemazione in corso d’opera che si aggiunge anche alla «necessità di un finanziamento per creare aree di sosta che la pista ciclabile di viale Artale Alagona sottrae agli automobilisti», continua il componente della giunta di Enzo Bianco

I nuovi fondi che si aggiungono a quelli già stanziati in precedenza, però, prevedono la sistemazione solo per una porzione della pista. «Si interverrà principalmente al lungomare. Se poi restano soldi, ci occuperemo anche della parte alla Playa ma – confessa l’assessore al ramo – stimiamo di riuscire a spendere anche meno dei 300mila euro del provvedimento». Nel documento ufficiale, firmato dal dirigente della polizia municipale Pietro Belfiore, e reso pubblico sul sito dell’amministrazione il 4 aprile – undici giorni prima la presunta data di consegna della pista ciclabile alla città – si leggono i motivi che hanno portato l’amministrazione comunale ad attingere all’integrazione finanziaria. Come: estensione dei cordoli, individuazione di una nuova ditta che si occupi della segnaletica verticale e orizzontale, attrezzamento delle aree di sosta, spostamento delle barriere di cemento e dei semafori, e installazione di particolari dissuasori chiamati occhi di gatto.

Il progetto iniziale del circuito ciclabile – approvato il 14 ottobre dell’anno scorso – prevedeva la demolizione di parti di asfalto, l’allargamento di alcuni marciapiede e l’installazione di un cordolo non continuo e invalicabile i cui elementi, posti a distanza di un metro l’uno dall’altro, erano in pietra lavica. A venire svuotate, poi, alcune aiuole di piazza Mancini Battaglia, via Acicastello e viale Kennedy. Nonostante questi lavori fossero già stati appaltati alla ditta di Belpasso Betel costruzioni per la cifra stabilita dal bando aggiudicato, l’amministrazione quindi valuta l’opportunità di portare a 478mila euro il costo complessivo di un’infrastruttura dalle dimensioni non certo paragonabili a quelle di una città metropolitana. 

A chiedere spiegazioni all’amministrazione comunale, oltre ad alcuni consiglieri durante l’ultima seduta del Consiglio comunale cittadino, anche il movimento Catania bene comune. «Una nuova gara d’appalto per correggere le presunte carenze del progetto iniziale e ancora tanti mesi di attesa prima della conclusione, a regola d’arte. Altro che fine dei lavori per il 15 aprile», afferma il leader del gruppo Matteo Iannitti. Il cui timore è confermato dall’assessore D’Agata, che a MeridioNews dichiara: «La data di consegna dell’opera purtroppo si sposta ma stiamo facendo il possibile per dotare i catanesi di una pista ciclabile che abbia tutti i crismi».  

«Per quanto ci riguarda, la cosa più grave della questione è che l’amministrazione non abbia fatto subito chiarezza su come intende spendere questa cifra», interviene uno dei componenti di Mobilita Catania Amedeo Paladino. «Il timore è che la maggior parte dei 300mila euro vengano investiti in parcheggi perché la somma – conclude l’attivista – sarebbe eccessiva solo per l’allungamento del cordolo che prima era di seicento metri e adesso dovrebbe coprire circa due chilometri». «Fanno una pista ciclabile in fretta e furia e poi a un certo punto si rendono conto che i soldi non bastano, e continuano a prelevare dalle casse comunali», attacca il consigliere Manlio Messina


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Critiche all'amministrazione comunale per l'impiego di altri fondi relativi alla «messa in sicurezza» del tratto di viale Artale Alagona. A chiedere spiegazioni al Comune, oltre agli attivisti, anche gli stessi consiglieri comunali durante l'ultima riunione cittadina. I soldi servirebbero per allungamento di cordoli e aree di soste

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]