Piazza XIII Vittime da otto mesi a mezzo servizio Tutto è legato all’appalto per la manutenzione

È dal 6 maggio 2019 che è transennata parte della carreggiata direzione porto del sottopasso di piazza XIII Vittime, a causa della caduta di calcinacci. Perché a distanza di otto mesi tutto è rimasto uguale? La risposta è che non è stato eliminato il pericolo, cioè non sono state rimosse le porzioni pericolanti dell’intonaco dal muro che delimita il sottovia. Col paradosso che lo scorso 30 dicembre si è dovuta chiudere per qualche ora la carreggiata al fine di ripristinare le transenne abbattute dal forte vento.

Un lavoro, quello della sistemazione delle pareti del sottovia, che rientra nell’accordo quadro per la Manutenzione Straordinaria di Ponti, Sottopassi, Sovrappassi e Strade di Proprietà Comunale (Quadriennio 2017-2020), che ha una piccola particolarità: non è stato ancora appaltato. Infatti, il progetto esecutivo delle opere in oggetto è stato validato dal responsabile unico del procedimento a novembre 2017, approvato dalla giunta comunale un mese dopo, e stabilita l’indizione dell’appalto solamente a giugno 2019. Nello specifico il bando prevede l’affidamento delle opere di manutenzione straordinaria per 45 tra ponti, cavalcavia, sottopassi e sovrappassi pedonali ricadenti nel territorio comunale, per un valore complessivo di 2.104.496 euro (soldi provenienti da un mutuo decennale sottoscritto dal Comune con la Cassa depositi e prestiti), con la procedura del ribasso d’asta che partiva da 1,7 milioni (non potendosi comprimere gli oneri per la sicurezza da 400.138,71 euro).


La gara si è svolta tra luglio e settembre 2019, però da quel momento non si ha avuto nessun aggiornamento, che fosse la mancata presentazione di offerte o – al contrario – i passaggi successivi per stabilire l’eventuale vincitore. Infatti ad oggi la relativa pagina nel sito del Comune riporta questo bando nella sezione avvisi pubblici scaduti. La risposta la fornisce il responsabile unico del procedimento, l’ingegnere Nicola Giaconia: «Gli aggiornamenti sono visibili sia per gli uffici preposti che per le imprese partecipanti al bando. Rassicuro che la gara si sta svolgendo normalmente. Da settembre 2019 sono state fatte una decina di sedute all’Urega, e attualmente siamo nella fase di aggiudicazione – dice il rup – Non posso dire con certezza quando l’appalto sarà assegnato, visto che si sta portando avanti l’esame delle offerte economiche, una procedura non breve, dato che partecipano al bando 72 aziende. Comunque, dato che siamo a 2020 inoltrato, è possibile che la durata temporale dell’accordo quadro possa slittare».

Nelle more che venga assegnato il nuovo appalto, resta attivo quello vecchio, per il quale sono rimasti però pochi fondi, quindi in caso di necessità è l’ufficio Infrastrutture del Comune che può agire indipendentemente con somma urgenza con altre risorse. Infatti in precedenza erano stati predisposti altri due accordi di programma quadro: il primo con somme stanziate nel 2015 e lavori effettuati nel 2017; il secondo con fondi afferenti al 2016 e opere svolte nel 2018, per un totale di un milione di euro, con alcuni lavori più urgenti che erano stati affidati ed eseguiti dal Coime. Ed è proprio quest’ultimo accordo che è ancora in vigore, in attesa del nuovo. Ne consegue che la riapertura del sottopasso dovrà aspettare la firma dell’accordo quadro o l’assegnazione di una priorità tale da far intervenire l’ufficio Infrastrutture.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]