Pianissimo chiude: dal furgoncino alla libreria bistrot «Più cercavamo di vender libri, più si parlava di poesia»

«Non lo voglio fare più, Pianissimo. L’ho capito lontano dai complimenti e dalle lodi, dal protagonismo in cui mi ero cacciato». Filippo Nicosia ha definitivamente parcheggiato il furgoncino carico di libri con cui negli ultimi due anni ha girato la Sicilia, la Puglia e Milano. «Più io, Mauro, Chiara, Maura, Serena, cercavamo di parlare di vender libri più si parlava di poesia, come se non fosse poetico metter qualcosa sotto i denti», spiega nel suo ultimo post sul sito del progetto. Una sconfitta? «Tutt’altro – spiega il 31enne editor – è finita che mi scriveva chiunque, mi chiedevano di organizzare letture nelle scuole, ma non è quello che volevo fare, non è nella mia formazione, io leggo perché mi piace e volevo vendere libri. Forse anche per mio demerito è stata interpretata più come un’iniziativa poetica, romantica. Per me era una storia di ribellione, era una provocazione, una scorribanda. Per questo era bella». 

Il modello inventato da Nicosia nel 2013 – un tour, che poi sono diventati cinque, portando in giro per l’Isola una libreria itinerante e promuovere la lettura – aveva attirato l’attenzione di tutti i media. «Prima di Pianissimo facevo l’ufficio stampa e cercavo un modo per uscire dal precariato. Funzionò, le vendite sono andate bene – racconta – Ma non si può viaggiare sempre se hai anche un altro lavoro, ho deciso di tornare alla stanzialità». Ha aperto Colapesce, una libreria bistrot a Messina, la sua città. Con una sala lettura, un bar e la connessione wi fi. «Il modello di Pianissimo in un certo senso non è cambiato – spiega – le librerie devono tornare a essere piccole, serve un rapporto diretto con gli editori per avere non solo le novità ma l’intero catalogo, bisogna costruire percorsi, un po’ come sta facendo Feltrinelli; il libro deve dare l’idea di connessione con il mondo, non è un sacrario. Colapesce è un posto dove vivere».

Nicosia nell’ultimo biennio ha girato la Sicilia e la Puglia, un tour ha anche riguardato Milano. Ma alla fine è tornato nella sua città. Il contesto di Messina, apparentemente poco ricettiva a nuovi stimoli culturali, non lo impensierisce. «Non ho controllato le statistiche di lettura, altrimenti non avrei aperto qui – scherza – io credo che esistono bisogni che le persone non sanno di avere. Molti conoscono solo le necessità che qualcuno gli mostra, ma la lettura non è come la fame, è un’altra cosa. Come faccio a dare la colpa ai ragazzi di 20 anni perché non leggono se sono usciti dalla scuola attuale? Il ragazzo va lasciato libero di appassionarsi, senza recinti, non serve stimolare il muscolo della lettura, ma quello della curiosità. I lettori assorbono quello che sono in grado di assorbire, non sta agli editori dettare la linea editoriale del Paese, questo è compito della scuola, dell’università, del mondo della formazione». 

Il passaggio da un vecchio furgone itinerante a una libreria bistrot riguarda anche il valore economico da dare al lavoro. «Volevo pagare le persone che mi aiutavano, perché la cultura non può essere sempre gratuita, ma il progetto non sarebbe stato più sostenibile. Nessuna vera cultura può produrre sottoproletariato – continua – i miei coetanei dovrebbero smetterla di lavorare gratis». 

Non c’è posto per i rimpianti adesso che Nicosia si è buttato nel nuovo progetto. «La cosa più bella che mi porto dietro è essere riuscito a trasformare la rabbia di due anni fa, quando non capivo come fare per vivere nel mondo dei libri, in qualcosa di costruttivo», spiega. «Quando si parla di iniziative culturali si finisce sempre per buttarla in politica – conclude nel suo ultimo post – annettere ai propri fallimenti quelli della città, della regione, dello stato. Mi chiedo se questo non sia un tipico atteggiamento discriminatorio: noi siamo i buoni, quelli che lavorano sui libri, mentre “gli altri”, i non-lettori ( che definizione idiota!), sono gli ignoranti che non apprezzano il nostro sforzo e sotto sotto spingono per un mondo peggiore. A quelli che hanno comprato un libro e a quelli che non l’hanno fatto va il mio ringraziamento; ai sindaci sensibili e a quelli scettici, alle associazioni, agli editori, ai sostenitori e i detrattori, ai lettori e ai non lettori (che definizione infelice!) che diventeranno lettori e viceversa, grazie a tutti».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Negli ultimi due anni ha girato la Sicilia vendendo libri e promuovendo la lettura. Adesso Filippo Nicosia ha deciso di lanciare una nuova iniziativa a Messina. «La cultura non può essere gratuita e il progetto rischiava di snaturarsi». I limiti culturali della nostra Isola? «Non serve stimolare il muscolo della lettura dei ragazzi, ma quello della curiosità»

Negli ultimi due anni ha girato la Sicilia vendendo libri e promuovendo la lettura. Adesso Filippo Nicosia ha deciso di lanciare una nuova iniziativa a Messina. «La cultura non può essere gratuita e il progetto rischiava di snaturarsi». I limiti culturali della nostra Isola? «Non serve stimolare il muscolo della lettura dei ragazzi, ma quello della curiosità»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]