Pd, M5s, Centopassi e quella scomoda convivenza forzata Difficile mascherare la tensione dopo la crisi di governo

Doveva essere il giorno in cui Partito democratico e Movimento 5 stelle avrebbero festeggiato con una nota congiunta, insieme agli altri membri della coalizione, i numeri ufficiali degli iscritti alle Presidenziali 2022, invece, dopo gli eventi di ieri e la caduta del governo guidato da Mario Draghi hanno inevitabilmente monopolizzato la scena politica, con una tensione che è diventata palpabile. Già ieri sera i tentativi di stemperare il clima dopo la rottura a livello nazionale erano arrivati da ambo le parti e così si è continuato anche stamane, con il segretario regionale del Pd Anthony Barbagallo che è stato il primo ad affrettarsi a ricomporre le linee degli schieramenti: «Certo la crisi al livello nazionale non ci voleva – dice – A Roma può succedere di tutto. Ma in Sicilia proseguiamo il percorso, avviato da lungo tempo, con la coalizione progressista». Barbagallo fa appello al più grande dei collanti per coalizione che esistano sul mercato politico: il nemico comune. «Nella nostra regione – prosegue – abbiamo lavorato uniti e compatti con un unico denominatore comune: scalzare il governo di centrodestra rappresentato da Nello Musumeci. E su questo abbiamo messo sù le primarie».

Messaggio raccolto al volo dall’ancora alleata Barbara Floridia, a cui tocca lo scomodo doppio ruolo di candidata alle primarie del Movimento 5 stelle in Sicilia e di sottosegretaria del governo Draghi a Roma. «La situazione a Roma è delicata e la seguo con apprensione ma non ha influenza sul percorso democratico che abbiamo intrapreso in Sicilia per la scelta del candidato presidente della Regione Siciliana per il campo progressista». Nella sua nota, Floridia parla di «prezioso cammino comune» e non dimentica di giocare la carta del nemico da combattere tutti insieme. Insomma, tutto sembra avviarsi sulla già battuta via del volemose bene ma, come spesso accade nell’agone della politica siciliana degli ultimi anni, la minaccia più grande allo stato di calma apparente così fortemente voluto arriva sempre dall’interno della coalizione. Ed è così che qualche parola di troppo dell’ex ministro Giuseppe Provenzano, siciliano di Milena (nel Nisseno), nonché uno dei nomi che si erano inseguiti prima dell’investitura di Caterina Chinnici per la corsa alla presidenza della Regione, accende gli animi sottolineando su Facebook «l’irresponsabilità di Lega, Fi e M5s di mandare a casa il governo Draghi nel vivo delle emergenze, con una certa viltà». 

Parole che fanno sobbalzare il referente regionale dei pentastellati Nuccio Di Paola che, pur ricordando «la massima sintonia e la ferrea determinazione a portare a compimento il percorso delle Presidenziali» con il Pd in Sicilia, avanza delle rimostranze: «Suscitano però grande perplessità le dichiarazioni del vicesegretario Pd nazionale Provenzano che in un post su Facebook ha sottolineato l’irresponsabilità del M5s, accusandolo, assieme a Fi e Lega, persino di viltà. Al Pd nazionale quindi chiediamo chiarezza sull’alleanza in Sicilia: ci dica ora se vuole proseguire il comune cammino e non aspetti il verdetto delle primarie per pronunciarsi». E il tema, in quello che sembra un semplice scambio polemico, c’è tutto e sta nel legittimo dubbio che l’impalcatura buonista messa in piedi per coprire le crepe in coalizione rischia definitivamente di crollare, se non ora, al momento della sentenza delle urne virtuali delle primarie, con gli sconfitti che si potranno comunque appellare alle beghe romane per rompere il patto di coalizione

Un’impalcatura alla quale certo non tiene in modo particolare Claudio Fava, altro grande protagonista di giornata, che ancora una volta tira fuori il tema del papa straniero parlando delle sue due concorrenti alle Presidenziali e rimarcando la sua presenza in questi anni sul territorio. Stavolta a rispondere al leader dei Centopassi non è però Barbara Floridia, ma Giancarlo Cancelleri, che scrive – anche lui, neanche a dirlo – su Facebook: «Le parole di Claudio Fava mi sembrano il disegno di una persona che sta facendo i capricci solo per poi poter avere la scusa e dire “io me ne vado e mi candido lo stesso“. È un continuo attacco a tutto e a tutti e in questo atteggiamento non c’è nulla di propositivo. Così non può funzionare, non è attaccando che si costruisce una coalizione. Ve lo dico io, Fava sta solo mettendo le mani avanti, fa così solo per poter dire “io ve l’avevo detto, me ne vado e mi candido da solo”». Parole che hanno ricevuto puntuale controrisposta da parte di Fava, che a Cancelleri ha dato del «nervosetto». Non esattamente uno scambio all’insegna dell’etica cavalleresca, insomma. 

La folle giornata politica di ieri si è conclusa, infine, con la tanto attesa comunicazione del numero dei registrati alla piattaforma virtuale su cui si potrà votare domenica. Niente nota congiunta, è Barbagallo a rivelare il dato durante un incontro a Catania per spingere Caterina Chinnici. «Sono state superate le 40mila registrazioni – dice – Tanti sono i siciliani e le siciliane che si sono registrati per eleggere il candidato della coalizione progressista alla presidenza della Regione. Il dato non è male se pensiamo che l’anno scorso a Roma, alle primarie vinte da Roberto Gualteri, furono 45mila e, in quel caso, si votava anche nei gazebo ed era una tornata amministrativa, da sempre più sentita e partecipata. Ma il metodo è quello giusto e siamo pronti a proseguire il percorso iniziato da tempo». Insomma, una gioia moderata quella del segretario Dem, più che giustificata. Ma se dai tanto attesi toni trionfalistici si passa a «il dato non è male», è probabilmente lecito pensare che i giochi per il candidato presidente sul fronte di centrosinistra non si concluderanno con il voto di domenica. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]