Pd, a Messina solo iscrizioni vigilate da Roma Da 15mila a 350 tessere. «Nel 2014 numeri falsi»

Non tesseramento, ma iscrizioni. Oggi e domani a Messina il popolo del Pd post Genovese è chiamato alla conta nei banchetti allestiti in città e provincia. Uno quello a piazza Cairoli, più altri 31 punti disseminati nel distretto. Dopo le polemiche dei giorni scorsi sulla probabile esclusione di illustri nomi come Genovese e Rinaldi, il responsabile messinese del tesseramento, Alessandro Russo, ha girato a Roma le questioni dei due deputati, nazionale il primo, regionale il secondo. Entrambi sono stati rinviati a giudizio nell’inchiesta sulla formazione professionale. Quindi sarebbero già fuori dal tesseramento come disposto dal regolamento nazionale del Pd. In bilico ci sono anche alcuni consiglieri comunali in città e provincia. 

La decisione capitolina è stata quella di adottare nelle sedi commissariate del Pd, come Messina ed Enna, non il tesseramento diretto, ma solo l’iscrizione. «Intanto ci prendiamo le preiscrizioni senza i 15 euro di offerta e poi valuteremo se sarà il caso di escludere qualcuno», spiega Russo. In questo weekend chi vorrà potrà quindi recarsi al banchetto, lasciare la propria anagrafica e manifestare la volontà di far parte del Partito democratico. Sarà poi la direzione nazionale a valutare se escludere qualche potenziale tesserato. Secondo le stime di Russo le iscrizioni saranno circa 350. Numeri ben lontani dai quindicimila tesserati del 2014 che, però, hanno portato all’attuale commissariamento. «I numeri erano falsi – sottolinea Ernesto Carbone, commissario del Pd di Messina – non c’era anagrafica e abbiamo accertato che alcuni dei circoli erano finti».

Sembra certo che di Genovese e Rinaldi non si vedrà nemmeno l’ombra. Così come per diversi consiglieri comunali. E questo già da lunedì potrebbe cambiare la geografia politica in consiglio comunale, dove il Pd potrebbe perdere la sua maggioranza relativa. «Di questa situazione parleremo la prossima settimana», taglia corto Carbone. Che, sull’eventuale tesseramento di Genovese e Rinaldi, aggiunge: «Se si presenteranno, valuteremo la loro posizione. Al momento il primo è sospeso dal Pd». Sul futuro dei due big del Pd, voci insistenti li vedrebbero in rotta di avvicinamento ad altre formazioni di centrodestra, in particolare Forza Italia. Ovviamente dagli interessati nessuna conferma.


Dalla stessa categoria

I più letti

Che sia la scelta della prima auto o il desiderio di cambiare, decidere quale mezzo ci accompagnerà nelle nostre giornate non è mai semplice. Decidere di effettuare l’acquisto di una vettura direttamente presso una concessionaria prevede un significativo impiego di tempo. Eppure un metodo per risparmiare tempo e denaro – c’è: il noleggio a lungo […]

«In natura non esistono i rifiuti, ogni elemento si inserisce nel ciclo del biosistema, mantiene il valore il più a lungo possibile e si trasforma in nuova risorsa, innescando un circolo virtuoso». Ancora possibile anche in una società del consumo, andando Al cuore delle cose. Prende spunto – e pure il nome – da questo […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]