Paternò-Adrano, un patto contro gli incidenti «Sicurezza sulla statale 284 è dovere di tutti»

Una collaborazione a 360 gradi tra i Comuni dell’hinterland catanese che vengono attraversati dalla strada statale 284, nel tratto Paternò-Adrano. Una sinergia di intenti che richiama, in un certo senso, il Patto del fiume Simeto. Che ha portato dieci amministrazioni del Catanese e dell’Ennese ad associarsi con lo scopo di ottenere fondi per la valorizzazione del territorio. Ma la collaborazione tra i Comuni di Paternò, Ragalna, Belpasso, Santa Maria di Licodia, Biancavilla e Adrano stavolta punta alla messa in sicurezza di quel tratto di strada statale che, giornalmente, è oggetto di transito di mezzi pesanti, autovetture, autobus diretti o per Catania o per Bronte

Così domattina i presidenti dei consigli comunali si ritroveranno per firmare una alleanza per la condivisione di progetti a breve e medio termine. Tutti con l’obiettivo di migliorare la viabilità. «Abbiamo raccolto le segnalazioni di centinaia di utenti della strada – afferma Gabriele Gurgone di Santa Maria di Licodia – i quali hanno segnalato lo stato di insicurezza della statale. Una arteria viaria pessima sotto tutti i punti di vista». Sulla 284 si registrano ancora elementi di criticità: la mancanza di protezioni laterali per evitare attraversamenti di animali, il manto sconnesso nella quasi totalità della carreggiata, la segnaletica orizzontale e verticale assente o inappropriata, le carcasse di animali e la spazzatura che occupano i canali di deflusso delle acque piovane, le piazzole di sosta occupate interamente da materiale inerte o immondizia, i guardrail protettivi divelti o del tutto assenti, l’illuminazione inesistente se non in prossimità degli svincoli d’ingresso. 

«La sottoscrizione di un documento unitario deve essere visto come il primo passo di una decisa presa di posizione di ogni singola comunità». I presidenti del consiglio hanno preparato un atto di indirizzo per le amministrazioni interessate affinché coordinino i progetti a breve termine. Almeno quelli finalizzati alla messa in sicurezza dell’asse viario nei tronchi di rispettiva competenza, impegnando le risorse necessarie per gli interventi. Il documento è stato inviato al ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, al prefetto di Catania, al presidente dell’Anas, e alla Regione Sicilia. «Abbiamo un preciso dovere verso tutti i nostri cittadini – dichiara Laura Bottino, presidente del consiglio comunale di Paternò – È necessario unire le forze per trovare tutti assieme soluzioni concrete per migliorare la sicurezza su quella strada». Che conta, purtroppo, tanti incidenti e troppi morti.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Lo «stato di insicurezza» dell'asse viario che collega i due Comuni etnei è stato documentato più volte. E basterebbero i continui incidenti stradali a ricordarlo. Ma adesso i Comuni che si affacciano su quel tratto di strada hanno deciso di unirsi in un accordo per metterla in sicurezza tutti insieme

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]