Passi carrai e parcheggi creativi a Catania Tra furbetti del fai da te e vendicatori solitari

«Pensavo di dipingere sulla saracinesca del garage una tacca per ogni auto che ho fatto rimuovere, come fanno i serial killer con le loro vittime. Ma poi mia moglie mi ha fatto notare che era poco educato». Roberto Chibbaro, 36 anni, di mestiere fa l’imprenditore. Ma per hobby è ormai il vendicatore solitario delle vittime «degli incivili a quattro ruote», come definisce lui stesso la sua missione. Armato di cellulare, non c’è macchina in sosta davanti a un passo carrabile o nei posti riservati ai motorini che gli sfugga. Lui chiama i vigili e fa rimuovere il mezzo. Una lotta iniziata a Catania nel 2007 ed esportata a Ragusa, dove adesso si è trasferito. Ma nel capoluogo etneo c’è anche chi se ne approfitta e che – senza averne diritto – si assicura l’esclusività del posto davanti a casa con mezzi di fortuna: sedie, piante, transenne vere e artigianali, secchi di vernice e fantasiose installazioni. A San Cristoforo, persino uno scaldabagno, come documentano le foto di CTzen di passi carrabili e posti auto riservati made in Catania.

Altra cosa sono i passi carrabili autorizzati. Qui l’unico oggetto che serve è l’apposito cartello rilasciato dall’ufficio suolo pubblico del Comune etneo, con su indicati i dati essenziali, come il nome dell’ente che lo ha rilasciato, il numero dell’autorizzazione e l’anno di rilascio. La richiesta di concessione va inoltrata all’ufficio per un passo carrabile già esistente – e non ancora in regola – oppure per aprire un nuovo varco. Nel primo caso – tra documenti, tasse e ritiro del cartello – la spesa si aggira intorno ai 160 euro. Nel secondo invece, considerata la necessità di effettuare dei lavori sulla strada, la spesa cresce di altri 180 euro circa. Ogni anno, inoltre, è necessario pagare la Tosap, un’apposita tassa calcolata in base all’ampiezza del passo carrabile e variabile secondo le zone della città. Cifre forse eccessive per gli amanti dei parcheggi fai da te, che però ignorano il codice della strada e le contravvenzioni previste.  Se la trasformazione di un accesso in “passo carrabile autogestito” costa un verbale da 159 a 639 euro, ancora peggio va a chi pensa di poter conservare il posto sotto casa con travi di legno da spostare all’occorrenza. In quel caso, per l’occupazione di suolo pubblico, la multa parte da 84 euro: a cui però va aggiunta una cifra calcolata dall’ufficio tributi della ragioneria comunale in base al metraggio – rilevato e comunicato dai vigili – moltiplicata per un anno. Ma, a giudicare dalle foto, l’ipotesi di una multa non è un deterrente sufficiente.

D’altra parte, anche chi parcheggia davanti a un passo carrabile non segnalato dal cartello ufficiale rischia di passare un guaio. «In presenza di una scivola o di un portone noi eleviamo comunque il verbale – spiegano dalla segreteria del comando della polizia municipale – Solo dopo controlliamo se il proprietario dell’accesso è in regola con le autorizzazioni oppure no. In ogni caso, è nostro dovere consentirgli la libera uscita». Anche perché, negli ultimi anni, non sono stati rari i casi di cittadini che, seppur in regola con i pagamenti per l’occupazione di suolo pubblico, non si erano mai visti recapitare il cartello ufficiale. La rimozione dei veicoli, invece, è una pena accessoria: dipende dal numero di carroattrezzi liberi di cui i vigili dispongono in quel momento. Di solito, molto pochi.

Il libero accesso è un diritto per tutti, insomma. E’ d’accordo il vendicatore Roberto Chibbaro, che racconta: «Una volta un signore, in sosta davanti al mio garage, pur di non spostarsi mi ha anche chiesto “Ma lei la paga la Tosap?”. “E lei per caso lavora per il Comune?”, ho risposto. Non capisco se abbiano bisogno dei razzi segnalatori di passi carrabili». Ma Chibbaro non è sempre così clemente. «Una volta lasciavo sui parabrezza delle auto posteggiate male dei bigliettini davvero minatori, per la serie: “Dall’inizio dell’anno ho già fatto rimuovere quattro macchine. La sua potrebbe essere la prossima”». Il terrorismo psicologico come alternativa alle cassette della frutta. Adesso, però, anche lui si è un po’ ammorbidito e lascia solo gentili ma ferme richieste di non vedere mai più quell’auto davanti al proprio garage. «Una volta un signore mi ha chiesto se fossi io quello dei bigliettini – racconta – Ero pronto alla rissa, quando lui mi ha spiazzato, dicendomi: “Fa bene, così insegna l’educazione anche a mio figlio. Anzi, la prossima volta, gliela faccia rimuovere”. Sono soddisfazioni». Un tale effetto a catena che, appena Chibbaro estrae il suo cellulare, in strada è un fuggi fuggi. Tutti a spostare le macchine perché, quando i vigili arrivano, non risparmiano nessuno. «Quando arrivano, però», conclude.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Sedie, piante e persino uno scaldabagno. Sono gli oggetti utilizzati da diversi catanesi per tenere sempre libero il posto auto davanti a casa o al garage. Eppure, per averne diritto, ci sarebbe tutta una trafila da rispettare e una tassa annua da pagare. Non più onerose delle eventuali multe inflitte sia a chi inventa un accesso che a chi vi posteggia davanti. Categoria, quest'ultima, che più dei vigili ha da temere un concittadino: «Lascio sulle auto dei bigliettini del tipo: “Ho già fatto rimuovere quattro macchine. La sua potrebbe essere la prossima”»

Sedie, piante e persino uno scaldabagno. Sono gli oggetti utilizzati da diversi catanesi per tenere sempre libero il posto auto davanti a casa o al garage. Eppure, per averne diritto, ci sarebbe tutta una trafila da rispettare e una tassa annua da pagare. Non più onerose delle eventuali multe inflitte sia a chi inventa un accesso che a chi vi posteggia davanti. Categoria, quest'ultima, che più dei vigili ha da temere un concittadino: «Lascio sulle auto dei bigliettini del tipo: “Ho già fatto rimuovere quattro macchine. La sua potrebbe essere la prossima”»

Sedie, piante e persino uno scaldabagno. Sono gli oggetti utilizzati da diversi catanesi per tenere sempre libero il posto auto davanti a casa o al garage. Eppure, per averne diritto, ci sarebbe tutta una trafila da rispettare e una tassa annua da pagare. Non più onerose delle eventuali multe inflitte sia a chi inventa un accesso che a chi vi posteggia davanti. Categoria, quest'ultima, che più dei vigili ha da temere un concittadino: «Lascio sulle auto dei bigliettini del tipo: “Ho già fatto rimuovere quattro macchine. La sua potrebbe essere la prossima”»

Sedie, piante e persino uno scaldabagno. Sono gli oggetti utilizzati da diversi catanesi per tenere sempre libero il posto auto davanti a casa o al garage. Eppure, per averne diritto, ci sarebbe tutta una trafila da rispettare e una tassa annua da pagare. Non più onerose delle eventuali multe inflitte sia a chi inventa un accesso che a chi vi posteggia davanti. Categoria, quest'ultima, che più dei vigili ha da temere un concittadino: «Lascio sulle auto dei bigliettini del tipo: “Ho già fatto rimuovere quattro macchine. La sua potrebbe essere la prossima”»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]