Partecipate, martedì il confronto tra sindacati e Orlando Focus su Amat e Rap: «Fare squadra, no a interventi spot»

«Ci aspettiamo che riparta il dialogo e che si passi ad azioni concrete con la speranza che stavolta il sindaco ci ascolti». Un anno, tanto c’è voluto per far sedere allo stesso tavolo Comune e sindacati e discutere dello stato di salute delle partecipate. Un incontro atteso da tempo dalle organizzazioni dei lavoratori e, finalmente, ieri la conferma del vertice previsto martedì prossimo a Palazzo delle Aquile con i tre segretari generali di Cgil, Cisl e Uil e il sindaco Leoluca Orlando. Sul tavolo i nodi più urgenti: dai bilanci in fibrillazione delle aziende, una su tutta l’Amat alle prese con la difficile missione di far quadrare conti con un buco di 48 milioni di euro, alle difficoltà nella gestione dei rifiuti da parte di Rap, o altre criticità come la mobilità del personale Reset gestita finora «con la logica dell’emergenza». I fabbisogni e i piani industriali delle singole aziende «non sono mai stati oggetto di condivisione con le organizzazioni sindacali aziendali e di categoria bensì effetto di disposizioni unilaterali dell’amministrazione – sottolinea Enzo Campo segretario generale Cgil Palermo – La mancata gestione di un processo così complesso, che riguarda circa 8 mila lavoratori, aggravata da un management inadeguato, ha prodotto effetti negativi sulle singole aziende e sui servizi erogati».

Il tema delle partecipate, per i sindacati, si lega a quelli del lavoro, della precarietà, degli appalti pubblici e della crisi nel settore dell’edilizia a Palermo. A partire dai cantieri infiniti sparsi per la città, come il passante ferroviario: nei giorni scorsi la doccia fredda dopo l’annuncio, in realtà ormai scontato, della Sis di rescindere il contratto lasciando per strada, tra novembre e gennaio, 216 operai. «La Sis consegna l’opera senza averla mai ultimata – afferma Campo – mentre noi aspiriamo a opere pubbliche che diano lavoro ampliando allo stesso tempi i servizi per i cittadini. Non vogliamo soltanto denunciare, ma desideriamo anche che la condizione cambi». Osservata speciale sarà certamente l’Amat con i conti in rosso: tutta ‘colpa’ della direttiva con cui, il primo cittadino, ha stralciato dal suo bilancio 48 milioni di euro: 28 milioni sono crediti attesi dal Comune ma mai incassati, e altri 20 ricevuti e ora da restituire per i chilometri non effettuati come previsto dal contratto di servizio. In attesa del nuovo piano industriale, ora si teme per la continuità aziendale, già provata dalla gestione del tram.

Campo pone l’accento anche sull’Amap e la questione della distribuzione idrica: «Adesso il tema non è più la quantità d’acqua ma le opere di adduzione che devono essere realizzate al più presto. A Scillato, per esempio, sembra che, dopo le nostre denunce, andrà in appalto per circa 4,3 milioni di euro, finanziati dalla regione, la realizzazione dell’acquedotto, a cui si aggiunge un altro milione quale quota di compartecipazione dell’azienda». Un viatico per scongiurare in futuro l’emergenza idrica a Palermo, ma rimangono ancora altri interventi da realizzare per ammodernare le infrastrutture già esistenti. «Sarà la volta buona per manifestare le nostre preoccupazioni sul sistema delle partecipate e dei servizi ai cittadini – ribadisce Gianni Borrelli della Uil Sicilia – Con Orlando vogliamo creare una squadra che possa affrontare i nodi di tutte le aziende, creare sviluppo e mettere al centro del confronto le infrastrutture con risorse pubbliche». Borrelli pensa soprattutto alla Rap e al problema dello smaltimento dei rifiuti con la differenziata ferma al palo, la sesta vasca satura e la settima ancora un miraggio.

Dopo un braccio di ferro spossante tra Comune e Regione, alla fine l’assessorato ha dato il tanto atteso via libera ai lavori di ampliamento della sesta vasca nella discarica di Bellolampo. L’azienda si è già messa in moto per la realizzazione delle due varianti che scongiureranno un’ennesima emergenza ma solo per i prossimi 8 mesi. Nel frattempo, il governo regionale dovrà correre per consegnare in tempo la settima vasca perché i tempi sono risicati: «Il ritardi legati alla sesta vasca e i lavori per la settima – aggiunge Borrelli – faranno pare dei punti all’ordine del giorno che affronteremo col sindaco». «La riunione di martedì prossimo – insiste il segretario generale della Cisl Palermo Trapani Leonardo La Piana – avrà un’importanza fondamentale perché il sindaco deve puntare complessivamente allo sviluppo di questa città, e deve dire basta a Interventi spot che non possono più essere oggetto di una interlocuzione con il sindacato».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dopo un anno di attesa, la prossima settimana è previsto l'incontro tra i segretari di Cgil, Cisl e Uil e il primo cittadino. Sul tavolo le principali emergenze: dalla raccolta dei rifiuti ai disagi nel trasporto pubblico e della rete idrica. «Ci aspettiamo che riparta il dialogo, che si passi ad azioni concrete con la speranza che stavolta il sindaco ci ascolti»

Dopo un anno di attesa, la prossima settimana è previsto l'incontro tra i segretari di Cgil, Cisl e Uil e il primo cittadino. Sul tavolo le principali emergenze: dalla raccolta dei rifiuti ai disagi nel trasporto pubblico e della rete idrica. «Ci aspettiamo che riparta il dialogo, che si passi ad azioni concrete con la speranza che stavolta il sindaco ci ascolti»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]