Parco Villa Turrisi, le dieci domande rivolte al sindaco Il testo integrale della lettera inviata dall’associazione

È stata presentata in questi giorni una richiesta di chiarimento da parte dell’associazione Parco Villa Turrisi, promotrice sui punti della delibera sull’avvio dei lavori emanata il 7 aprile 2015

Ecco il testo integrale della lettera 

Gentile Sig. Sindaco

Fra poche settimane saranno passati due anni da quando la Sua Giunta ha deliberato l’avvio dell’iter per la realizzazione del Parco di Villa Turrisi.

Le avevamo chiesto di guidare la battaglia delle Associazioni per restituire ai cittadini il verde di Villa Turrisi consapevoli che non sarebbe stata un’impresa facile. Oggi dobbiamo constatare che non abbiamo ancora visto nessun segnale significativo e in attesa di consegnarLe le firme di migliaia di cittadini che chiedono di potere godere di questa area verde Le chiediamo:

1. Perché a distanza di due anni dalla Deliberazione 59/2015 della Giunta Comunale (che formalmente istituisce e programma l’iter amministrativo per la realizzazione del “Parco di Villa Turrisi”) non sono stati nominati i RUP dei settori Opere Pubbliche e Ville e Giardini?

2. Perché non vengono sgomberati e demoliti gli “abusi edilizi maturi” all’interno del previsto parco nelle relative aree pubbliche e perché sono stati sospesi gli sgomberi delle opere e aree abusive?

3. Perché non sono state rese fruibili alla cittadinanza le aree pubbliche del parco?

4. Perché il Comune di Palermo non ha acquisito dalla Regione Siciliana le aree di pertinenza della Regia Trazzera su via G. E. Di Blasi che ricadono nel perimetro del Giardino previsto fra le vie Politi, Da Vinci, De Grossis e la stessa via Di Blasi, per ridurre i costi di esproprio?

5. Perché l’Ufficio del Patrimonio e il Settore Verde del Comune non si sono raccordati sul trasferimento delle aree pubbliche allo stesso Settore Verde per l’esecuzione della loro perimetrazione e manutenzione straordinaria come stabilito dal Regolamento del Verde?

6. Perché le aree pubbliche del parco non sono state utilizzate per la compensazione del verde dell’opera tramviaria vicina?

7. Perché le aree più pregiate e alberate e sottoposte a vincolo paesaggistico e idrogeologico del futuro parco sono state individuate come aree di cantiere per i lavori fognari di Passo di Rigano con il rischio che vengano scempiate (“Progetto di Realizzazione della fognatura della zona compresa tra Via Castellana e il Canale Passo di Rigano con l’eliminazione dei relativi scarichi fognari nel canale”)nonostante nella Delibera 59/2015 fosse contenuto il preciso impegno di chiedere alla Sovrintendenza BB.CC.AA. l’apposizione del vincolo ex art. 5 L.R. 30/4/91 n° 15?

8. Perché il Comune non ha dato seguito alla predisposizione della documentazione necessaria all’ottenimento dei finanziamenti per la realizzazione del parco come proposto nel corso della riunione convocata dal Dipartimento Regionale Infrastrutture e Trasporti in data 28.1.2014?

9. Perché la Commissione Urbanistica non esprime chiaramente il proprio favore alla realizzazione del Parco Pubblico di Villa Turrisi?

10. Perché le Associazioni non vengono convocate, nonostante le loro numerose richieste di incontro, per realizzare con esse una vera democrazia partecipata? 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]