Palermo, occupato l’Hotel Patria La trattoria diventata sede per universitari

Il problema è comune a Catania e a Palermo. Gli studenti fuorisede sono troppi, i posti letto garantiti dall’università e dall’Ersu troppo pochi. Mentre le strutture che potrebbero ospitarli spesso rimangono chiuse. L’Hotel Patria, occupato ieri dai giovani comunisti e dal circolo Vella di Rifondazione, è una di queste. Restaurato nel 2008 dallo Iacp, l’Istituto autonomo case popolari, e consegnato all’università di Palermo per trasformarlo in studentato, ma da allora chiuso, nonostante sia stato completato perfino l’arredamento. «Nel 2009 – spiega Paolo Toro, coordinatore provinciale dei giovani di Rifondazione comunista – l’Ersu spese 200mila euro per arredare le stanze». Da allora due guardiani, regolarmente pagati, «sorvegliano un cadavere» sottolinea Giuseppe Spataro, avvocato che assiste i ragazzi del circolo Vella.

L’’Hotel Patria a Palermo evoca storie e volti importanti. Situato nel popolare quartiere di origine araba della Kalsa, per anni ha legato la sua fama alla famosa trattoria Stella. Qui venivano a mangiare spesso i giudici Falcone e Borsellino, qui si fermavano i giornalisti che venivano inviati dalle redazioni per raccontare la Palermo degli anni 80. Uno scrigno che ha conservato per anni infinite storie. Tanto che Mario Calabresi, direttore de La Stampa, ne prese in prestito il nome per dare il titolo alla trasmissione che è andata in onda su Rai3 qualche mese fa.
Oggi la struttura è in gran parte proprietà dell’Università, lasciato in comodato d’uso all’Ersu. «Un contenzioso – spiega Toro – tra alcuni privati ex proprietari e l’Università riguardo il pianterreno e il piano ammezzato, ha impedito di ultimare i lavori». Manca la scala antincendio, ad esempio, ma, paradossalmente «ogni stanza – racconta
Giorgia Mirto, del circolo Vella – è dotata di un autonomo scaldabagno».

Nel 2011 le domande per un posto letto all’’Ersu di Palermo sono state 2337, gli idonei 1348, ma l’ente per il diritto allo studio mette a disposizione solo 700 posti, divisi in cinque studentati. «Questo edificio – commenta Toro – al massimo della capienza potrebbe ospitare 110 persone». Gli occupanti si riservano di presentare un esposto alla Procura della Repubblica per accertare le responsabilità della situazione ormai in stallo e quantificare lo spreco di denaro pubblico. «Abbiamo fatto le nostre ricerche – aggiunge il legale Spataro – e ci risulta che il contenzioso sia stato risolto a favore dell’Università. Perché, dunque, rimane tutto fermo?».

La Kalsa, dove sorge l’’Hotel Patria, è un quartiere popolare. «La gente è con noi, anzi sono stati i residenti e i commercianti a spingerci a sollevare il caso – ci tiene a precisare Irene Russotto, dei giovani comunisti – Più studenti nel quartiere aiuterebbero l’economia». Gli occupanti non vogliono che la struttura venga abbandonata e lasciata all’’usura del tempo e dei vandali. Hanno davanti agli occhi i crolli frequenti dei palazzi del centro storico, dall’’Albergheria al Capo, dall’’Acquasanta al rione Palazzo Reale, Palermo si sbriciola giorno dopo giorno. Ieri pomeriggio gli occupanti hanno organizzato un’assemblea aperta al quartiere, quindi in serata una cena sociale. Proprio in quel cortile interno dove anni fa si serviva il pesce ai tavolini della trattoria Stella.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Negli anni 80 centro di ritrovo per giornalisti e giudici come Falcone e Borsellino, dal 2008 a disposizione dell'Università e dell'Ersu, la struttura sarebbe dovuta diventare uno studentato. I giovani comunisti e i militanti del circolo Vella di Rifondazione Comunista lo hanno occupato ieri mattina, per denunciare «l'ennesimo sperpero del patrimonio palermitano»

Negli anni 80 centro di ritrovo per giornalisti e giudici come Falcone e Borsellino, dal 2008 a disposizione dell'Università e dell'Ersu, la struttura sarebbe dovuta diventare uno studentato. I giovani comunisti e i militanti del circolo Vella di Rifondazione Comunista lo hanno occupato ieri mattina, per denunciare «l'ennesimo sperpero del patrimonio palermitano»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]