Palazzolo Acreide, famiglia spacciava droga in cambio di olio d’oliva e caramelle per i bambini

Cocaina in cambio di olio extravergine d’oliva e caramelle per i bambini: è il metodo che una famiglia intera aveva adottato per conquistarsi la clientela a Palazzolo Acreide, nel Siracusano, dove è stata scoperta dai carabinieri. La droga, infatti, veniva ceduta non solo in cambio di denaro ma anche ricorrendo all’antico baratto: in almeno un’occasione la sostanza stupefacente è stata acquistata in cambio di una tanica d’olio d’oliva di cinque litri, che è stata portata dall’acquirente dello stupefacente. E, per i bambini che accompagnavano i clienti ad acquistare la cocaina, la famiglia faceva trovare delle caramelle.

Per questi fatti, riscontrati dalla polizia, sono scattate tre misure cautelari: una in carcere e due agli arresti domiciliari, emesse nei confronti di un uomo di 48 anni, della moglie 40enne e del cognato 22enne, che avevano organizzato un vero e proprio drive-in della droga presso la propria abitazione, dove decine di persone si recavano quotidianamente per rifornirsi di cocaina.

Foto di Congerdesign


Dalla stessa categoria

I più letti

Cocaina in cambio di olio extravergine d’oliva e caramelle per i bambini: è il metodo che una famiglia intera aveva adottato per conquistarsi la clientela a Palazzolo Acreide, nel Siracusano, dove è stata scoperta dai carabinieri. La droga, infatti, veniva ceduta non solo in cambio di denaro ma anche ricorrendo all’antico baratto: in almeno un’occasione […]

Cocaina in cambio di olio extravergine d’oliva e caramelle per i bambini: è il metodo che una famiglia intera aveva adottato per conquistarsi la clientela a Palazzolo Acreide, nel Siracusano, dove è stata scoperta dai carabinieri. La droga, infatti, veniva ceduta non solo in cambio di denaro ma anche ricorrendo all’antico baratto: in almeno un’occasione […]

Giustizia per Emanuele Scieri

Sono stati condannati i due ex caporali Alessandro Panella e Luigi Zabara. Finisce così il processo di primo grado con rito ordinario per l’omicidio volontario aggravato del parà siracusano Emanuele Scieri, avvenuto all’interno della caserma Gamerra di Pisa nell’agosto del 1999. Per loro il procuratore Alessandro Crini aveva chiesto rispettivamente una condanna a 24 anni e 21 anni, […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo