PalaSpedini, storie dei migranti cacciati «Scappiamo dai terroristi o dalla fame»

«Abbiamo viaggiato quattro notti e tre giorni per cercare un posto in cui potere essere liberi». A parlare è Isata Bangura, una ragazza di 28 anni che è scappata dal SenegalLei è l’unica donna del gruppo di 32 migranti che – sbarcati mercoledì sera al porto di Catania – ieri hanno ricevuto un ordine di espulsione collettivo. Nonostante la varietà delle motivazioni che ha spinto ciascuno a lasciare il Paese d’origine. «In Senegal non mi era permesso né studiare né lavorare», racconta Isata. La decisione di fuggire in Italia l’ha presa insieme al fratello, il venticinquenne Abubakar. Ma per ragioni diverse. «Io sono scappata perché dopo la morte dei miei genitori sono stata affidata a un cugino di mio padre. Lui mi teneva chiusa a casa, non avevo nessuna libertà», dice la donna. Il fratello ascolta e annuisce, poi parla di sé. «Sono uno studente universitario al secondo anno della facoltà di Informatica. Non avevo più i soldi per pagarmi gli studi e non c’erano opportunità di lavoro per me», spiega Abubakar. «Ma non credevamo che però sarebbe stato così difficile restare qua», dice a MeridioNews.

Accanto a loro siede Pregne Yen Festus. Lui ha 26 anni e si è imbarcato con destinazione Italia da solo. Viene dalla Nigeria e spera «di potere avere fortuna». «In Italia ci sono arrivato ma adesso per qualche motivo vogliono che ritorni nel mio Paese», racconta. E continua: «Là però non posso rientrare perché c’è Boko Haram che ogni giorno fa un attentato terroristico. Molti miei amici sono morti a seguito degli attacchi». La stessa minaccia terroristica ha spinto anche il connazionale Isibor Ege di 28 anni a scappare verso il territorio italiano. «Da quando c’è Boko Haram tutti hanno paura e vogliono andare via», precisa.

Segue attento il discorso Bubacarr Sanyang. Nel suo Paese d’origine, il Gambia, la motivazione che porta le persone ad andarsene è «la fame», interviene. «Nella mia città non c’è lavoro per nessuno e soprattutto non ci sono soldi», continua. Sanyang, insieme agli altri 32 migranti che dovrebbero lasciare presto Catania – e l’Italia – cerca un posto dove passare la prima notte lontano dal mare, dopo tre giorni di viaggio. «Qua potrei stare dovunque», conclude il ragazzo. 

Le storie dei migranti sono diverse l’una dall’altra anche se la maggior parte di loro condivide la stessa voglia di rimanere in Italia. Ma «la richiesta di asilo può essere accolta solo se il Paese di provenienza del migrante è dichiarato in pericolo», spiega Alfonso Di Stefano della Rete Antirazzista. Che però denuncia: «Il foglio presentato ai migranti in questione è collettivo e non esamina il singolo caso». Punto che, invece, stanno già affrontando un gruppo di legali contattati da Di Stefano. Mentre il gruppo è raccolto nella struttura Cavalieri della Mercede di via Sangiuliano ad aspettare. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Trentuno uomini e una donna -  provenienti da diversi Paesi dell'Africa - si trovano adesso in una struttura di via Sangiuliano, in attesa di trovare una sistemazione. Per loro è stato disposto un ordine di espulsione collettivo. «Viaggiavamo per cercare la libertà», dicono. E raccontano vite «senza lavoro né soldi»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]