Ospedale Vittorio Emanuele, individuati aggressori Pugni e insulti ai medici durante un codice rosso

Un codice rosso e la sala visite che si trasforma in un ring con i medici che vengono presi a pugni e insultati. Il palcoscenico è ancora una volta l’ospedale Vittorio Emanuele di via Plebiscito ma gli aggressori sono stati individuati dai carabinieri di piazza Dante. I fatti risalgono al 15 marzo scorso quando, alle 14 circa, alcuni camici bianchi erano stati chiamati d’urgenza al Pronto soccorso. Il paziente, arrivato privo di sensi sopra una sedia a rotelle spinta dai parenti, probabilmente era stato vittima di un’incidente stradale. Stando alla ricostruzione delle forze dell’ordine la situazione sarebbe degenerata in pochi minuti con i familiari che hanno invaso la sala visite.

Quando i medici hanno chiesto di sgomberare la stanza uno degli indagati, spalleggiato dal fratello, avrebbe iniziato a insultare una dottoressa, cercando pure di colpirla in faccia. È andata peggio a un collega, intervenuto per placare gli animi. Il professionista rincorso dagli aggressori ha cercato riparo in una stanza dell’unità operativa ma è stato raggiunto, bloccato e pestato. Dopo la denuncia delle vittime i carabinieri hanno ricostruito la vicenda, individuando gli aggressori grazie ad alcuni testimoni e alle riprese delle telecamere di sorveglianza.

Ai domiciliari è finito Cristoforo Fuselli, classe 1979, mentre il fratello, classe 1984, è stato sottoposto all’obbligo di presentarsi alla polizia giudiziaria. I due devono rispondere violenza, resistenza a pubblico ufficiale nonché lesioni personali.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo