Operazione Visir, arresti vicino a di Messina Denaro «Appalti pubblici restano core business della mafia»

Il blitz è scattato all’alba di questa mattina. I militari del comando provinciale dei carabinieri di Trapani di concerto con gli uomini del reparto operativo speciale di Palermo hanno battuto palmo a palmo le campagne di Petrosino, piccola cittadina del Marsalese alla ricerca dell’ultimo padrino, l’erede di Totò Riina, Matteo Messina Denaro. Della primula rossa di Castelvetrano però nessuna traccia. Da ben 24 anni, il capo indiscusso di Cosa nostra, figlio del campiere Francesco Messina Denaro, è un fantasma. A finire in manette nell’operazione denominata Visir sono stati, invece, 14 fedelissimi del latitante, chiamati a rispondere di associazione di tipo mafioso, estorsione, ricettazione, detenzione illegale di armi. Volti noti di una mafia che continua ad essere viva. 

«L’operazione di oggi – ha sottolineato il vicecomandante del Ros Roberto Pughetti – ci ha permesso di ricostruire la struttura di Cosa nostra a Marsala e Petrosino e alle sue relazioni con cosa nostra palermitana». Per gli investigatori capo indiscusso di cosa nostra marsalese sarebbe Vincenzo Rallo, fratello dell’ergastolano Antonino ex capo della cosca lilibetana. Secondo le indagini, Rallo in più occasioni avrebbe manifestato il suo potere imponendo agli affiliati i propri uomini, programmando l’eliminazione di soggetti scomodi e facendo da intermediario tra i mandamenti di Trapani e Palermo. 

Sarebbe stato proprio Rallo a nominare Nicolò Sfraga, a capo della decina di Petrosino Strasatti. Decisione, questa, che aveva parecchio indispettito altri affiliati come Vincenzo D’Aguanno e Michele Lombardo che in più occasioni avevano reclamato il controllo di quel territorio. «Ci sono state anche discussioni per la ripartizione degli utili dei proventi illeciti raccolti nel territorio e riferiti anche al mercato del calcestruzzo», ha sottolineato Pughetti. Tra gli arrestati spunta anche il nome di Fabrizio Vinci, imprenditore mazarese legato ad Andrea Mangiaracina, sostenuto D’Aguanno e Lombardo. L’uomo – così come emerge dalle intercettazioni – con il permesso di Epifanio Agate, figlio del defunto boss Mariano, e Vito Gondola, detto coffa e ai vertici della cosca marsalese, avrebbe avviato una serie di operazioni finanziarie nel territorio marsalese senza il permesso di Rallo. «Messina Denaro – ha spiegato il vicecomandante del Ros – è intervenuto personalmente a fine 2014 per esternare il proprio disappunto per le frizioni all’interno della cosca, anche perché era un periodo in cui erano stati fatti altri arresti eccellenti nella sua schiera più vicina». 

Da lì in poi ci saranno alcuni incontri tra le famiglie mafiose del Trapanese e quelle della provincia di Palermo per concordare la messa a posto di alcuni lavori pubblici e privati. «Le cosche si parlano tra loro per i soldi. Il motivo è sempre quello – ha sintetizzato il comandante provinciale dei carabinieri Stefano Russo – e gli appalti pubblici purtroppo continuano ad essere il core business della mafia. È lì che bisogna intervenire, aiutando – ha concluso – anche gli imprenditori a denunciare».

I nomi degli arrestati

Andrea Antonino Alagna (1979), di Mazara
Alessandro D’Aguanno (1991), di Marsala
Vincenzo D’Aguanno (1960) di Marsala
Calogero D’Antoni (1982) di Marsala
Giuseppe Giovanni Gentile, detto testa liscia, (1974) di Marsala
Michele Giacalone (1970), di Marsala
Massimo Giglio (1976) di Marsala
Simone Licari (1958), di Marsala
Ignazio Lombardo, detto il capitano, (1971), di Marsala
Michele Lombardo, detto Michelone, (1962), di Petrosino
Vito Vincenzo Rallo (1960), Marsala
Aleandro Rallo (1993), Marsala
Nicolò Sfraga, 1966, Marsala
Fabrizio Vinci, 1970, di Mazara.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il blitz è stato condotto dal comando provinciale dei carabinieri di Trapani di concerto con gli uomini del reparto operativo speciale di Palermo. Le accuse sono di associazione di tipo mafioso, estorsione, ricettazione, detenzione illegale di armi. Leggi i nomi degli arrestati e guarda le foto 

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]