Obiettivo: la rinascita della Sicilia

dal gruppo
Nuova Economia Siciliana (NES)
riceviamo e volentieri pubblichiamo

Di solito chi forma un movimento o un partito politico è geloso delle sue idee e le usa principalmente per attirare nuovi iscritti e ingrossare le fila della propria struttura.

Ecco a voi il primo programma in regalo, destinato a tutte le forze politiche e antipolitiche, un vademecum che il Gruppo per la Nuova Economia Siciliana (NES) sta diffondendo per informare tutta la cittadinanza sulle reali cause della gravissima situazione in cui versiamo e creare un fronte di battaglia comune a prescindere dal credo politico e dalle convinzioni personali.

Ecco i punti.

Ritorno alla piena legalità costituzionale, al rispetto di tutte le parti della costituzione italiana e all’attuazione di quelle finora disattese con particolare riferimento allo Statuto della Regione siciliana.

Il ritorno alla completa applicazione dell’articolo 1 della costituzione italiana che affida la sovranità al popolo, in costatazione del fatto che i governi hanno senza consultazione popolare, ceduto codesta sovranità ad organismi sovranazionali non eletti come, a titolo di esempio, la Commissione Europea, la BCE, il Fondo Monetario Internazionale, l’ESM etc.

Il ritorno alla completa sovranità monetaria, attraverso una moneta emessa dallo Stato e non chiesta in prestito ai mercati di capitale come avviene oggi con l’euro, fatto che ha determinato la schiavitù dei popoli europei nei confronti della grande finanza speculativa.

La restituzione ai cittadini della possibilità di finanziare con una moneta emessa dallo Stato o dalla Regione siciliana, le spese per la collettività finalizzate ad esempio alla creazione e ristrutturazione del patrimonio statale e regionale, alla messa in sicurezza del territorio, agli aiuti all’agricoltura, alla riduzione delle tasse, alla riduzione del prezzo della benzina e dei pedaggi che gravano sulle merci siciliane e infine, stimolare un economia ad oggi martoriata dalla crisi economica determinata in Europa dal’impossibilità dello Stato di creare moneta, di doverla chiedere in prestito ai mercati e dalla necessità di sottrarla ai cittadini attraverso una tassazione ingiustificata ed intollerabile che non consegue altro risultato che aggravare la già pesantissima situazione.

Il ritorno ad una legge elettorale senza alcuna soglia di sbarramento, cosi da permettere anche a formazioni minori, la rappresentanza parlamentare ed impedire l’egemonia di pochissimi partiti che della collusione con i poteri forti, ai quali hanno ceduto le sovranità del popolo, hanno fatto una regola.

La negazione di qualunque forma di introduzione di organismi geneticamente modificati (OGM) nel territorio nazionale, in virtù del principio di precauzione e del pericolo concreto di inquinamento ambientale, danno alla salute pubblica e contaminazione delle preziose varietà autoctone.

Valorizzazione delle immense risorse della Sicilia con particolare riferimento all’agricoltura, alla pesca al turismo e allo sfruttamento dei giacimenti, attraverso un grande piano di investimenti pubblici infrastrutturali, finanziato con una moneta di proprietà della Regione ed emessa dalla stessa, non chiesta in prestito ad interesse ai mercati di capitale come avviene oggi.

Riequilibrio dei criteri che regolano la riscossione dei tributi, soprattutto contro gli interessi che superano i limiti dell’usura e servono a distruggere sia quelle poche aziende siciliane sopravvissute, sia il popolo tutto.

Blocco dei pignoramenti alle aziende e delle ganasce fiscali sugli strumenti di produzione con fideiussioni regionali garantite da titoli di debito regionali in moneta siciliana.

Introduzione del sussidio di disoccupazione regionale finanziato a deficit.

La riconversione della Sicilia in una grande isola biologica, in cui i prodotti agricoli possano mantenere e migliorare il già alto livello qualitativo ed essere volano di una produzione industriale ecosostenibile e attrazione di un turismo mondiale del vivere sano.

Abolizione della clausola di manleva che impedisce un giornalismo obiettivo e rende schiavi i giornalisti della paura di essere denunciati, senza che i loro editori li difendano in sede giudiziaria.

Introduzione nelle scuole di un testo che racconti la vera storia del Meridione e della Sicilia, i fatti storici realmente accaduti e i motivi per i quali le nuove e le vecchie generazioni non hanno idea dell’autentica realtà siciliana e del perché i nostri ragazzi partono per trovare un futuro lontani dalle loro famiglie.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]