«Nostri periti inattendibili?». Risposta dei No Muos «Attaccano il ragionatore, anziché il ragionamento»

«Quando non si può attaccare il ragionamento, si attacca il ragionatore». Gli attivisti No Muos prendono in prestito le parole dello scrittore francese Paul Valéry per rispondere all’attacco dell’Avvocatura dello Stato che, per conto del ministero della Difesa, ha depositato una nota in vista dell’udienza del Cga prevista per giovedì prossimo. Il documento, oltre a ribadire la non pericolosità per la popolazione dell’impianto satellitare Usa di Niscemi, mette in discussione le competenze dei consulenti tecnici del movimento, definendoli «privi dell’indispensabile esperienza di settore e di pubblicazioni scientifiche pertinenti». 

«Un attacco professionale e personale al lavoro svolto dal nostro team di tecnici che ci ha egregiamente affiancato», rispondono i comitati No Muos. A finire al centro delle critiche dell’Avvocatura sono, tra gli altri, i fisici Massimo Zucchetti, nel 2015 nella short list dei candidati al nobel per la Fisica, il collega Massimo Coraddu, del politecnico di Torino, e Fiorenzo Marinelli, biologo e ricercatore all’istituto di Genetica molecolare del Cnr di Bologna.

La varietà delle competenze era necessaria, secondo gli attivisti, per «indagare sui vari aspetti della questione, dato che la costruzione del Muos ha comportato un impatto ambientale non indifferente. Basti citare – dicono – l’inquinamento dei motori a gasolio, le criticità sismiche o lo studio delle specie protette dell’area». Ecco perché, continuano, «il team di scienziati No Muos volutamente non è composto solo da ingegneri elettronici, cosa velatamente auspicata dal consulente del ministero della difesa. Ne fanno parte fisici teorici, medici, geologi, biologi, chimici».

I diretti interessati rispondono ricordando il lungo elenco di pubblicazioni e contributi su riviste e convegni scientifiche internazionali attinenti la materia del contendere. Il professore Zucchetti sottolinea che insegna Radiation protection al Politecnico di Torino sin dal 1993 e annuncia inoltre che seguirà le vie legali per difendersi. «Non intendo entrare nel merito di codeste ed altre affermazioni, verso le quali – essendo state depositate in un tribunale – chiederò, per quanto mi riguarda, che sia la magistratura a verificare se siano lesive o meno della mia figura professionale, ed eventualmente accertare l’entità dei danni».

Un botta e risposta in attesa dell’udienza del Consiglio di giustizia amministrativa che si terrà giovedì prossimo, 25 gennaio, in cui i giudici sono chiamati a decidere sul ricorso presentato dal ministero della Difesa contro la sentenza del Tar di Palermo che aveva dichiarato abusivi i lavori per la realizzazione del Muos. L’impianto resta sotto sequestro penale, decisione confermata anche dalla Cassazione.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]