Niscemi, oggi il corteo contro il Muos Bruciati per protesta i 29 fogli di via

Appuntamento alle 15 in contrada Ulmo: è questo il punto da cui oggi, 9 agosto, è partita la grande manifestazione contro il Muos, l’impianto di antenne satellitari dell’esercito Usa a Niscemi. Secondo gli organizzatori, i membri dei comitati No Muos di tutta la Sicilia, «i manifestanti erano almeno cinquemila, e sono stati tutti ripresi dalle forze di polizia mentre scendevano dai pullman, come per schedarli», spiegano gli attivisti impegnati nel sistema di informazione, garantito tramite il sito nomuos.info. Ma la presenza delle forze dell’ordine non è bastata a impedire una nuova invasione della base e la presenza continua di sette attivisti – quattro nuovi che hanno dato il cambio ai precedenti – sulle antenne.

Il corteo parte in ritardo. «Un’ordinanza del prefetto ha imposto un blocco stradale da parte delle forze del’ordine e si trova a più di tre chilometri dal punto di ritrovo. Questo – spiegano – ha ritardato l’inizio della manifestazione». Attorno al presidio è presente un grande spiegamento di forze dell’ordine, mentre all’interno della base, a poche decine di metri dalle parabole del Muos, sette attivisti – quattro uomini e tre donne – continuano la propria protesta arrampicati su tre delle 46 antenne radio presenti nella base. La protesta era iniziata nella notte tra giovedì 7 e sabato 8 agosto.

Nelle ore successive, il corteo procede tranquillo. Tra le migliaia di manifestanti, anche il gruppo cattolico Pax Christi, una delegazione degli scout di Caserta e il Forum italiano dei movimenti per l’acqua. «Che, se dipingi un movimento come antagonista, di certo non ti aspetti», ironizzano dai comitati No Muos. Il riferimento è ai divieti di dimora ricevuti da alcuni attivisti a luglio. «È probabile che reiterino condotte violente, minatorie e fomentatrici», così la procura di Gela dipingeva il movimento. oggi, durante il corteo, quegli stessi divieti di mora sono stati bruciati lungo la strada che conduce alla base militare statunitense a Niscemi, come protesta.

Il rosso, il colore del sangue, scelto come simbolo di vicinanza al popolo palestinese, è ricomparso non solo sui volti dei sette manifestanti sulle antenne, ma anche su alcuni partecipanti al corteo. Dello stesso colore è intrisa una bandiera No Muos apposta sulla rete metallica che protegge la base. Almeno fino al momento del suo abbattimento e della pacifica invasione compiuta dai manifestanti che hanno simbolicamente liberato i compagni. Quattro di loro sono scesi dai tralicci, subito identificati dalla polizia, e sono stati sostituiti da altrettanti manifestanti. Gli altri tre restano sulle antenne.

In serata, mentre sotto le antenne si sta svolgendo un’assemblea, circa 200 persone si sono riunite al presidio No Muos, poco sopra la base militare, in segno di solidarietà al piccolo gruppo di attivisti – cinque o sei persone – di solito presenti. I militanti, intorno alla mezzanotte, sono stati portati via dalle forze dell’ordine. Tuttavia prosegue la protesta sulle antenne.

https://www.youtube.com/watch?v=U6z-0tD-JzY

[Foto e video di No Muos]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]