Nemo Sud, Policlinico non ci sta e conferma il divorzio I nodi della vicenda tra dubbi di legge e di autonomia

È ancora scontro tra il centro Nemo Sud e il Policlinico di Messina. Più che acqua sul fuoco, è stata come la paglia la nota di ieri dell’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza che richiedeva ai due enti di vivere ancora per un po’ da separati in casa. In attesa del perfezionamento della convenzione con l’Ircss Bonino Puleo e del trasferimento in questi nuovi locali del centro per la cura delle malattie neuromuscolari. I pazienti – dopo le proteste della scorsa settimana – sembravano aver tirato un sospiro di sollievo, ma di quelli non proprio liberatori. Alla soddisfazione della fondazione Aurora – che gestisce il Nemo Sud -, si contrapponeva il silenzio dell’altra parte, il Policlinico. Che ha sciolto le riserve in serata ribadendo la fine del rapporto alla data di ieri, 30 giugno. In mezzo, rimane il nodo che ha portato al divorzio: la convenzione per disciplinare la convivenza.

Non solo un atto formale, ma il condensato delle preoccupazioni di entrambi le parti. Dubbi di legge, dal lato del Policlinico, ed economico-lavorativi, dal lato del centro Nemo Sud. In uno scontro che però non appassiona nessuno finché ad andarci di mezzo è la salute. E i dubbi dei pazienti che da oggi non sanno come potranno accedere ad alcune terapie che finora solo il Nemo Sud era accreditato a somministrare in Sicilia e che servivano anche ai pazienti calabresi. Così, alla nota di ieri dell’assessore Razza la fondazione Aurora ha risposto sottolineando la necessità del rispetto «della convenzione in essere» – in scadenza, appunto, ieri – e il Policlinico «rappresentando profili di illegittimità» e augurandosi «nuove forme di collaborazione previste dalla normativa».

Per ricostruire i motivi profondi e capire perché il problema si pone adesso, dopo dieci anni, va fatto un passo indietro. Quando il centro Nemo Sud è arrivato a Messina, nel 2011, alcuni dei protagonisti della vicenda erano diversi: la convenzione con cui si è andati avanti in questi anni, insomma, non è stata scelta né dall’attuale rettore Salvatore Cuzzocrea né dall’attuale commissario del Policlinico Giampiero Bonaccorsi. Che al momento di rinnovare la convenzione in scadenza hanno sottoposto un nuovo accordo, che superasse le criticità di legge che li impensieriscono. 

Che, in estrema sintesi, possono essere riassunti con la forza lavoro: perché un ospedale pubblico, dotato di medici e infermieri, dovrebbe avvalersi di professionisti privati? E se anche gli mancassero figure specialistiche, non dovrebbe assumerle con un concorso come per tutte le altre necessità di pianta organica? È sulla base di queste domande che Università e Policlinico della vecchia convenzione non vogliono nemmeno saperne nulla. Domande che evocano uno degli spettri di questa storia: ossia l’indagine nata dalla denuncia di uno dei medici del Policlinico, di cui però dopo anni non si sa ancora nulla.

Dal canto suo, il centro Nemo Sud denuncia come la scelta del personale da parte del Policlinico mini la propria autonomia. Se, come testimoniamo i pazienti, l’offerta del centro d’eccellenza è unica nel suo genere – per la specializzazione ma anche per le doti umane del personale, specie quello pediatrico, che sfuggono alla selezione per curricula -, una sostituzione di medici e infermieri snaturerebbe il progetto alla base. Senza considerare, poi, che uno dei punti di forza del Nemo Sud è la possibilità di attrarre anche fondi privati e donazioni, cosa impossibile per l’azienda ospedaliera Policlinico: che ne sarebbe di questi soldi? E perché all’autonomia economica non può corrispondere anche quella organizzativa? Sono queste invece le domande che riecheggiano tra centro e fondazione, all’interno della quale però non è chiaro se tutte le posizioni siano unanimi.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]