Nemo Sud, la Regione interviene per scongiurare lo stop Proroga al Policlinico mentre si studia l’accordo con Ircss

Nell’ultimo giorno utile prima dell’inevitabile chiusura del centro clinico Nemo Sud è arrivata la soluzione tanto sperata. L’assessore regionale alla sanità Ruggero Razza e il dirigente Mario La Rocca hanno sottoscritto una nota in cui viene stabilito il proseguimento della collaborazione tra l’azienda ospedaliera policlinico di Messina e il centro d’eccellenza nella cura delle malattie neuromuscolari. Almeno fino alla data in cui sarà perfezionata la proposta di sperimentazione gestionale trasmessa dall’Irccs Bonino Pulejo all’assessorato regionale e già inoltrata alla giunta per il visto definitivo. Una nuova casa per il centro Nemo Sud, insomma, ma con dettagli – anche giuridici – ancora da vedere e tempo necessario per organizzare il passaggio. «Accogliamo con grande soddisfazione e sollievo l’indicazione dell’assessore – fanno sapere dalla fondazione Aurora, che gestisce il centro – come fin dal primo giorno al fianco dei nostri pazienti nella certezza imprescindibile che le clausole della convenzione in essere verranno rispettate integralmente». 

Un riferimento nemmeno troppo velato ai motivi del divorzio: ossia la nuova convenzione – da applicare dopo la scadenza della precedente, in scadenza proprio oggi – proposta mesi fa dal Policlinico e giudicata inaccettabile dalla fondazione Aurora. E che resta ancora al centro della questione, in attesa di una risposta del Policlinico alla nota di oggi. Intanto, dopo giorni infuocati di polemiche politiche, l’assistenza dei pazienti è tornata a essere il centro della vicenda. Cinquemila cittadini – da tutta la Sicilia e dalla Calabria – che da settimane vivevano l’ansia di non sapere come fare a curarsi possono tornare a credere che le loro vite non siano solo dei numeri a bilancio. A giocare un ruolo fondamentale nello sbrogliare l’intricata vicenda sembra essere stato la prefetta di Messina, Cosima Di Stani. Definita nella nota assessoriale come «la più autorevole» tra le «diverse grida d’allarme» lanciate negli scorsi giorni contro la chiusura del Nemo Sud e scongiurare «difficoltà nella gestione delle attività assistenziale». 

A esprimere oggi soddisfazione per la soluzione è anche la vicepresidente dell’associazione Famiglie Sma Daniela Lauro. Tra le realtà che che hanno rivendicato proprio la mancanza della continuità nell’assistenza durante la manifestazione dello scorso 25 giugno davanti alla prefettura di Messina. Bambini, ragazzi e adulti affetti da malattie neuromuscolari rare sono scesi in piazza per ricordare come solo il Nemo sia accreditato a somministrate alcune terapie e farmaci in tutta l’Isola. E adesso è arrivata la risposta tanto attesa: la soluzione adottata è una sorta di accordo ponte per garantire il trasferimento del Nemo Sud all’Irccs senza che i pazienti subiscano ripercussioni. Ma ci vorrà del tempo. La piena operatività nel nuovo centro che sorge sui colli San Rizzo potrebbe avvenire non prima di dicembre, nonostante la volontà che appare ferma da entrambe le parti. Come riporta la nota della Regione, l’Ircss ha fortemente voluto affiancare il proprio percorso nel trattamento delle cerebrolesioni gravi alle professionalità del centro che da anni si occupa di malattie neuromuscolari. 

Il Bonino Pulejo ha inoltrato all’assessorato regionale lo scorso 17 giugno una proposta di avvio per una sperimentazione gestionale da realizzarsi utilizzando i posti letto già assegnati alla struttura di ricerca e cura. La nota assessoriale sottolinea come la realizzazione di questo progetto assistenziale presso l’Irccs – che risulta solo in parte in possesso delle competenze professionali necessarie per «assistere la specifica tipologia di pazienti» – completerebbe da un lato l’offerta di cura dell’istituto e dall’altro consentirebbe «l’inserimento di pazienti con patologie rare all’interno di un unico percorso assistenziale, garantendone l’approccio globale univoco e un aumento della soddisfazione del personale sanitario dei pazienti, attraverso relazioni interpersonali più durature e strutturate attraverso una strategia coerente di cura».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]