Nel Dpef nuove penalizzazioni per gli ospedali siciliani I mutui di tale settore si pagheranno con il Fondo sanitario

Ancora penalizzazioni per la sanità siciliana? Sembra proprio di sì, a giudicare dalla parte della relazione introduttiva al Documento di programmazione economica e finanziaria (Dpef) che riguarda questo settore, circa venti pagine firmate dall’assessore regionale all’Economia, Alessandro Baccei. Scrive Baccei: «Ad oggi gravano sul Bilancio regionale i mutui accesi negli scorsi anni nel settore sanità. In collaborazione con il Mef (Ministero economia e finanze) e con l’assessore alla Sanità si intende procedere all’accollo, da parte del settore sanità, del servizio del debito (pagamento interessi e rimborso quota capitale) sullo stock pregresso e sulle anticipazioni di liquidità futura». A meno di altre interpretazioni, il governo si accinge a scaricare sui circa 8,7 miliardi di euro che ogni anno vengono utilizzati per pagare i servizi sanitari della Sicilia il costo dei mutui accesi negli anni passati. Questo passaggio è piuttosto strano. Lo stesso assessore Baccei ha sempre detto che il buco del bilancio regionale non è stato provocato da una cattiva gestione delle Aziende sanitarie provinciali e delle Aziende ospedaliere, ma da altri settori dell’amministrazione. Però gli vuole appioppare il pagamento delle rate dei mutui che riguardano la sanità. Se ne deve dedurre che dovrà essere ridotta la spesa sanitaria della nostra Isola. Da qui la domanda: da dove dovrebbero essere presi questi soldi? Da una riduzione della spesa farmaceutica? Da un’ottimizzazione delle forniture?

Per ora l’unico dato che emerge con chiarezza, a giudicare da quello che si apprende dalla riorganizzazione della rete ospedaliera, è un’ulteriore riduzione dei posti letto. Il tutto con l’ennesima presa in giro. Ricordate il Governo del presidente Raffaele Lombardo e dell’assessore alla Salute, Massimo Russo? Correvano gli anni 2009, 2010, 2011 e 2012. Dicevano: riduciamo i posti letto, ma in cambio i cittadini siciliani avranno la medicina del territorio: i Punti territoriali di assistenza (Pta) e i Punti territoriali di emergenza. I posti letto li hanno tolti, ma – a parte qualche rara eccezione – i Pta e i Pte o sono rimasti miraggi, o sono stati messi su in modo confuso e raffazzonato. Un disastro. 

Il risultato è il caos nei pronto soccorso della Sicilia. Provocato dalla carenza di posti letto (che non erano in eccesso: anzi!) e dalla mancanza della sanità del territorio (Pta e Pte) che, se fosse stata realizzata per davvero, avrebbe alleggerito la presenza di codici bianchi e codici verdi nei pronto soccorso (pazienti ambulatoriali o con urgenze differibili). Ma non avrebbe, in ogni caso, alleggerito la pressione sui posti letto, perché se un malato deve essere ricoverato – checché ne pensino Lombardo e Russo – va ricoverato e basta, sennò staziona nelle strutture d’emergenza, bloccando a monte l’attività per la quale esistono gli stessi pronto soccorso: stabilizzazione e smistamento del malato critico. Che è quello che succede in Sicilia da quando hanno tagliato i posti letto. Mettendo assieme quello che scrive l’assessore Baccei nella relazione introduttive al Dpef con quello che afferma l’assessore Lucia Borsellino rischiamo di assistere all’ennesima penalizzazione a carico della sanità siciliana e, quindi, ad altre penalizzazioni a carico dei cittadini.

Oggi la nuova frontiera della presa in giro prossima ventura si condensa nella seguente formula: posti letto di lungo degenza. Vogliono togliere altri posti letto dicendo che incrementeranno i posti letto per lungo degenti. Che faranno la stessa fine dei Pta e dei Pte: ovvero arrivederci alle calende greche. Interessante anche un altro passaggio del Dpef, sempre con riferimento alla sanità: «Particolare attenzione sarà dedicata al settore socio sanitario al fine di razionalizzare ed adeguare ai parametri nazionali le tariffe praticate». Traduzione: l’assessore Baccei vuole togliere risorse ai Laboratori di analisi cliniche e ai centri di fisioterapia. Siamo certi che Alessandro Baccei non si riferisca a eventuali strutture pubbliche che si occupano dei diversamente abili o delle malattie neuro-degenerative croniche (leggere Alzheimer), se non altro perché queste strutture pubbliche non esistono, a parte rarissimi esempi di strutture – in parte gestite dal pubblico, in parte dal volontariato – che operano solo nelle attività diurne.

In ogni caso, va precisato il settore socio sanitario ha già subito il taglio dei fondi Pac da parte del governo Renzi, che ha tolto ai distretti socio sanitari della nostra Isola i fondi in molti casi già programmati per finanziare le imprese del centro nord Italia.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]