Muos acceso, verifiche parallele dei periti di parte «Dicono manchi l’elettricità per tutte le antenne»

Stavolta non c’è stato nessuno stop o rinvio. Il Muos è stato acceso per la prima volta per permettere ai tecnici nominati dal Consiglio di giustizia amministrativa, di effettuare le misurazioni dei campi elettromagnetici. I cinque verificatori sono arrivati alla base Usa di Niscemi, scortati da un imponente dispiegamento di forze dell’ordine. Mentre un centinaio di attivisti – tra cui le mamme e gli studenti del liceo scientifico Leonardo da Vinci – hanno osservato le operazioni dall’esterno della recinzione. Tra loro anche il pacifista Turi Vaccaro, che è stato arrestato per aver violato il divieto di dimora a Niscemi, scattato dopo che aveva preso a martellate nei mesi scorsi una delle parabole. 

Insieme ai verificatori nominati dal Cga, hanno preso parte alle misurazioni tre tecnici di parte del movimento No Muos. Si tratta del fisico Massimo Coraddu, il chimico Eugenio Cottone e Cirino Strano, del Wwf, che stanno portando avanti verifiche parallele, grazie alla strumentazione presa in affitto. Quelle ufficiali invece sono effettuate con strumenti messi a disposizione dall’Arpa. Il mandato del Cga prevede l’accensione contemporanea del Muos e di tutte le antenne presenti nella base Usa, alla massima potenza. Stamani, secondo quanto riferiscono gli attivisti, sono state accese «due delle tre parabole dell’impianto satellitare, alla potenza minima di 200 watt, mentre nel progetto originario si parla di 1600 watt». «Per quanto riguarda le 46 antenne – aggiunge Fabio D’Alessandro, del comitato di Niscemi – venti non verranno accese perché dichiarate in disuso. Le restanti verranno attivate, ma non in contemporanea, perché a detta dei verificatori il sistema elettrico della zona non reggerebbe». Qualche momento di tensione solo al momento del fermo di Vaccaro che, mentre veniva trascinato dentro una delle auto della polizia, ha rotto un finestrino con un calcio, nel tentativo di liberarsi. 

Nonostante le attese, alle mamme No Muos non è stato concesso un incontro con la prefetta di Caltanissetta, Maria Teresa Cucinotta. «Rispetto a un mese fa – denuncia Samanta Cinnirella, del gruppo di Caltagirone – quando le verifiche sono state bloccate per la mancanza di sufficienti misure precauzionali, non è cambiato nulla. Non c’è nessun piano di sicurezza, al di là di quello per il traffico». Stamani attorno alla base di Niscemi si sono moltiplicati i posti di blocco di polizia, carabinieri, Guardia di finanza ed esercito. A confermarlo è Salvatore Terranova, l’uomo che vive a un chilometro in linea d’aria dal Muos con un defibrillatore nel cuore. «Stamattina sono dovuto andare in paese e ho incontrato blocchi ogni duecento metri», racconta. Nonostante la paura per i rischi legati alle onde elettromagnetiche, non ha voluto allontanarsi dalla sua abitazione. «Faccio già la cavia per 365 giorni all’anno, è inutile andare via adesso, al momento non ho avuto problemi, ma – conclude – ne saprò di più a fine mese, quando andrò dai medici per verificare che il defibrillatore non sia starato, come successo già in passato». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]