Mostra di Tiziano, fare cultura nei piccoli Comuni «Quattromila visite anche se mancano le strade»

Chiusi i battenti della Torre Capitania, lo storico edificio troinese che ha ospitato la rassegna d’arte Omaggio a Tiziano – Capolavori a confronto, per gli organizzatori è tempo di tracciare un bilancio dell’evento. La mostra che ha esposto due opere di Tiziano, affiancate dai dipinti dei seguaci di Antonello da Messina, dei fratelli Luini e del pittore fiammingo Ravesteyn, ha avuto una vasta eco sia sulla stampa regionale che nazionale, caratterizzando la cittadina normanna come polo di attrazione turistica dell’entroterra isolano. «Il bilancio è senz’altro positivo – afferma il sindaco di Troina Fabio Venezia – sia in termini di presenze, con circa quattromila visitatori, sia per quanto riguarda il giudizio degli studiosi. Un evento culturale di grande spessore che ha reso Troina una delle capitali siciliane della cultura».

Un’idea di sviluppo del territorio fondato sulla cultura e sulla promozione dei propri beni culturali che il primo cittadino intende perseguire anche nei prossimi mesi. «Recentemente – prosegue Venezia – insieme a Paolo Giansiracusa, curatore della mostra su Tiziano, sono stato in Svizzera per prendere parte a una importante iniziativa culturale organizzata da Claudio Metzger, durante la quale abbiamo discusso di futuri progetti espositivi a Troina che renderemo pubblici al momento opportuno. Oggi – aggiunge il primo cittadino – posso soltanto annunciare che, mentre il Ritratto di Dama e la Madonna delle Rose in Trono rientreranno in Svizzera, per essere esposti in altri prestigiosi musei, il ritratto di Paolo III col camauro di Tiziano rimarrà in esposizione a Troina fino all’estate del 2017, dandoci la possibilità di organizzare altri eventi culturali attorno alla figura dell’artista veneziano».

La mostra ha rappresentato anche un momento importante per la città di Troina. Per la prima volta delle opere di Tiziano sono state esposte a sud di Napoli e ad accoglierle è stato un centro che conta meno di diecimila abitanti. Il primato raggiunto, oltre ad aver acceso i riflettori sulla prima capitale normanna di Sicilia, ha avviato una riflessione sulle potenzialità e sul contributo che anche i piccoli centri possono dare per il rilancio del turismo culturale in tutta l’Isola. «Il modello di sviluppo virtuoso fondato sulla valorizzazione dei beni culturali – continua il primo cittadino troinese – sta iniziando a dare importanti risultati in termini di ricadute economiche e ne darà altre quando riusciremo a mettere a regime il sistema culturale e turistico. La Sicilia è conosciuta per il mare, l’Etna e l’archeologia, ma c’è ancora tanto altro da scoprire nella parte interna. L’idea a cui stiamo lavorando – aggiunge Venezia – è la creazione di un itinerario dei borghi medievali che coinvolga anche i quattro più importanti parchi naturalistici dell’Isola».

Un progetto strategico, da realizzare in rete con altri enti, al quale sarà necessario il supporto delle istituzioni regionali, non solo sul piano economico. «Non possono essere solo gli enti locali a occuparsi del rilancio culturale e turistico della Sicilia interna – prosegue Venezia -. Occorre una strategia di più ampio respiro da parte della Regione con politiche mirate alla riqualificazione dei centri storici, alla valorizzazione dei beni culturali, alla creazione di infrastrutture viarie adeguate e alla promozione in Italia e all’estero dell’offerta turistica siciliana. Il contesto attuale – aggiunge il primo cittadino – può favorire davvero un salto di qualità dato che altre aree del Mediterraneo vicine a noi, ad esempio Egitto e Tunisia, a causa delle guerre e dell’instabilità politica, non attraggono più flussi turistici come prima. La posizione strategica della Sicilia nel più ampio contesto del Mediterraneo – conclude Venezia – può giocare un ruolo fondamentale».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]